Si sa: le cose più belle accadono improvvise


Una recensione di Francesca M. Sidoti (su Facebook) al libro fotografico "Visioni d’Europa" edito da ZeroBook nel 2018.


di Redazione Zerobook pubblicato il 17 agosto 2021

Si sa: le cose più belle accadono improvvise.

Intenta a dare un nuovo respiro ai libri sparsi qui e lì per casa, ho ritrovato questo bel volume fotografico - è quel che ho - nato come parte di una trilogia in questi stessi giorni, tre anni fa, per le edizioni ZeroBook.

Tre volumi per tre differenti Visioni, - Rapimento; Prigione; Desiderio; - da leggere anche alla voce dei poeti: un gioiellino che racconta di Mediterraneo, di rotte che affondano nel mito, di approdi, di accoglienza ma anche di prigione e straniamento, di naufraghi della speranza, di sud del mondo e finis terrae. Protagonista, vera artefice delle visioni, è la luce che, in virtù della tonalità scelta nei singoli volumi, dà corpo, disegna i contorni e rivela, illuminando prospettive e sguardi ogni volta nuovi e significativi.

JPEG - 160.1 Kb
Visioni d’Europa - Prigioni
JPEG - 113.3 Kb
Visioni d’Europa - Prigioni - poesia di Brecht

Francesca M. Sidoti, 16 agosto 2021


La scheda della trilogia fotografica.


Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo