Storie di Sicilia, alla #bni Agostino Portanova e Elio Sanfilippo



di Redazione Zerobook pubblicato il 12 settembre 2019

Nell’ambito degli incontri con gli autori organizzati dalla #bni. la biblioteca sociale dedicata a Antonino Agostino e Ida Castelluccio, uccisi dal potere politico-mafioso assieme alla creatura che Ida portava in grembo il 5 agosto 1989, mercoledì 18 settembre, alle ore 18:00 incontriamo Agostino Portanova e la sua "Trilogia". Autore di studi meticolosi e apprezzati sulla storia del sindacato, di pamphlet sugli opposti estremismi e con la capacità di sapere intervistare molti dei protagonisti di quella stagione specie, Agostino Portanova è sicuramente un protagonista fuori dai conformismi e dal “politicamente corretto”. Roberto Greco ne parlerà con l’autore e con Elio Sanfilippo, politico e scrittore, già dirigente regionale del P.C.I. e consigliere comunale a Palermo.

Mercoledì 18 settembre, ore 18:00

  1. bni Biblioteca sociale "Antonino Agostino e Ida Castelluccio"
     Via Sgarlata 22 - 90133 Palermo

Portanova è autore di tre volumi, oggi raccolti in una trilogia, che insieme forniscono uno spaccato della vera storia italiana, dalla prima repubblica ad oggi, passando spesso e volentieri per i fatti - enormi per importanza e rilevanza – che hanno visto protagonista la sua Terra, la Sicilia, nello scenario geopolitico internazionale. Questa sua trilogia si divide in tre punti : Politica e sindacato in Sicilia dal 1944 al 1970, Anni 70′ anni di piombo, Anni ’80 la fine della pima repubblica con Tangentopoli e il primo governo Berlusconi. Un vero e proprio mosaico, quello composto dalle storie (vere) che attraversano quegli anni che Portanova si è proposta di esaminare, usando e verificando una mole enorme di schede, documenti, interviste e rileggendole in modo organico, tenendo conto di una vicenda complessiva di costume sicuramente italiano ma che interagisce, nelle radici complesse della geopolitica internazionale. Per linkare i fatti salienti Portanova usa spesso eventi, anche apparentemente non correlati, come ad esempio i mondiali di calcio del 1982, per raccontare in sintesi una ancora poco esplorata realtà fatta di connessioni plurali ed internazionali specie nel mettere a confronto le realtà che stanno alla base o a latere, di un processo complesso che ha forti i connotati dell’accelerazione. La “democrazia difficile” in cui si sofferma come nocciolo del suo argomentare, per Agostino Portanova ha tutte le caratteristiche precipue di una indagine storiografica che si risolve in ammaestramento per una transizione che sembra più che altro stallo e in definitiva decadenza. La passione civile e culturale di Agostino Portanova ed il carattere stesso che lo contraddistingue nell’azione e nella riflessione, sono importanti e distintivi punti, a cui questa trilogia con centralità e chiarezza, contribuisce a dipanare e chiarire. Agostino Portanova è laureato in Scienze Politiche e sin dalla giovane età è stato impegnato nel sociale e nel mondo della politica. Attivista sindacale per oltre 20 anni ha acquisito una ampia conoscenza della storia del sindacato. E’ stato per ben due volte consigliere comunale al Comune di Palermo. Ad oggi volge le sue attenzioni di studio ed analisi verso le problematiche meridionali con un’attenzione e impegno particolare per la Green Economy.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo