Migranti: Comunicato congiunto di Oscar Camps e Gino Strada


È stato autorizzato lo sbarco di 27 minori non accompagnati. Rimane in stallo la sorte degli altri migranti


di Redazione pubblicato il 18 agosto 2019

Da 15 giorni la nave Open Arms è in mare con 134 persone a bordo. La situazione sulla nave è drammatica: da 15 giorni donne, uomini e bambini vivono costretti in spazi ristretti nella paura e nell’incertezza di quello che succederà.

Sono persone che hanno vissuto l’orrore dei campi di detenzione in Libia: torture, stupri, lavori forzati. Hanno già sopportato enormi sofferenze, non possiamo aggiungerne altre.

Negli ultimi giorni la situazione si è ulteriormente aggravata con atti di autolesionismo e minacce di suicidio che rendono ingestibile la situazione e mettono in pericolo imminente di vita le persone a bordo. Bisogna agire nelle prossime ore.

Chiediamo che sia immediatamente autorizzato lo sbarco a Lampedusa prima che si aggiungano altre tragedie a quelle già vissute.

Oscar Camps, fondatore di Open Arms, e Gino Strada, fondatore di EMERGENCY

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo