Una letterina pe’ Babbo Natale


In esclusiva per Girodivite la Letterina per Babbo Natale del "monello di Favriano": Caro babbo Natale...


di Sergej pubblicato il 25 dicembre 2003

Un monello de Favriano
se svejò quella mattina
prese carta e penna in mano
e spedì ’sta letterina

"Caro Babbo de Natale,
che me porti i regaletti,
’na richiesta ’n po’ speciale
spero che me la permetti.

’St’anno nun me portà gnente
nun me posso lamentà
ma ’na cosa veramente
te la vojo domannà

Tu nun è che c’hai un minuto,
a riuscicce entro l’inverno,
per levacce quel cornuto
che sta a capo del governo?

Questo qui sta a fa un macello
ogni giorno ne fa una
Me l’ha detto anche il bidello :
pare che porta sfortuna.

Teremoti, teroristi,
chiude fabbriche a rumore,
magistrati comunisti
forse er Milan tricolore !

Babbo mio è disoccupato
e ce soffre per davero.
Quello lì j’ha consijato
de trovà lavoro in nero

Pe’ le Fiat la soluzione
l’ha trovata prontamente:
"Basta de cambiaje el nome
che se vende come gnente"

Se c’hai spazio ’nta la slitta,
se la renna je la fa,
porta via tutta la ditta
che c’ha messo a comannà

Mica tocca che l’ammazzi !
Basta che li porti via,
che se resta qui so’ cazzi :
sta a accoppà l’economia !

Mo te s piego come fa:
’nta du’ sacchi belli grossi
metti Fini e anche Saccà
Fede, Buttiglione e Bossi

e nun te scordà Tremonti
co’ Gasparri pe’ ’na svista.
Uno che nun sa fa i conti,
l’artro che è ’n mezzo fascista

Tu che voi bene ai monelli
e che c’hai ’na certa età
Ficca su pure a Rutelli:
Cicciobello ce l’ho già.

Poi li manni tutti insieme
’nta la neve co’ le pale.
E’ na cosa che me preme.
Se pò fa già pe’ Natale?"

Dopo che passò la festa
e finì la cerimonia
giunse al piccolo ’na busta
scritta da "FORZA LAPPONIA"

Er monello ansiosamente
ce se mise a legge fitto.
Co’ quel tipo de mittente
chissà che ce stava scritto !

"Giovanotto mi consenta,
ricevetti la sua lista :
con la sua fan centotrenta
dal sentore comunista.

Come lei sa certamente
vesto rosso e son barbone,
ma il mio voto di recente
nun lo do a Rifondazione.

Già nell’anno che è venturo
muterò molto d’aspetto.
Ben rasato di sicuro
cravattina e doppiopetto.

D’ora in poi per il Natale
scriva a "Daddy Christmas spa"
che la sede mia fiscale
l’ho spostata a Panamà.

Nun mi faccia il disfattista
poichè Silvio, il cavaliere,
è da un po’ nostro azionista :
ci finanzia che è un piacere.

La sua lettera è nemica,
rema contro senza tregua.
La minaccia bolscevica
che giammai mi si dilegua.

Per le sue strane richieste
e i commenti esacerbati
nelle sue prossime feste
si rivolga a Cofferati

Se nun vota Berlusconi
o Alleanza Nazionale
porterò solo carboni.
Nun più suo, Babbo Natale"

Er munello col magone
pensò "Porca la puttana,
s’è venduto anche er ciccione.
Famme scrive a la Befana..."

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo