Rob Sudduth live a Siracusa


Per l’ultimo appuntamento della rassegna Ortigia Jazz Club Festival, a Siracusa, un’ospite d’oltre oceano. Sul palco il sassofonista californiano Rob Sudduth


di Tano Rizza pubblicato il 17 aprile 2012

 

Per l’ultimo appuntamento della rassegna Ortigia Jazz Club Festival, un’ospite d’oltre oceano. Sul palco il sassofonista californiano Rob Sudduth. 

In formazione con: 

Claudio Angeleri, tenor sax Alberto Amato, double bass Peppe Tringali, drums

Il sassofonista Rob Sudduth, nativo di Bay Area, ha uno stile sincero e sentimentale diretta conseguenza della sua esperienza nel variegato scenario musicale di San Francisco.

Egli si trova egualmente a proprio agio con gruppi blues, jazz e rock, e fonde i vari generi senza alcuno sforzo. Sudduth porta l’onestà del blues nel jazz e la melodia del jazz nella musica blues senza comprometterne l’essenza. Si è distinto con il gruppo del pianista/compositore Graham Connah’s, col quale ha preso parte al Monterey Jazz Festival, al San Francisco Jazz Festival e alla Knitting Factory di New York.

Svolge tournée ed incisioni con Ben Goldberg, si esibisce regolarmente a San Francisco con Bruce Forman e guida un quintetto hard-bop in collaborazione con il pianista Mark Levine. Suona con protagonisti del bues e swing come Steve Lucky e i Rhumba Bums, i "roots-rockers Rhythmtown Jive, la Johnny Nocturne Band, e dal 1994 ha svolto tournée ed incisioni con Huey Lewis e i News (ed è coautore di Hayes di "So Little Kindness" per la Elektra Records).

martedì 24 aprile, ore 21.30, Sala concerti ristorante Ortigia si Mangia. Vicolo al Forte Vigliena 7, Siracusa

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo