Wislawa Szymborska segretaria dell’invisibile


Wislawa Szymborska, Letture facoltative, Adelphi 2006


di Pina La Villa pubblicato il 2 febbraio 2012

Wislawa Szymborska è morta ieri. Era nata nel 1923, a Kornik, in Polonia e nel 1996 aveva ricevuto il premio Nobel per la letteratura.

Non ho ancora trovato le sue raccolte di poesie che ho a casa, lette tanto tempo fa, alla fine degli anni novanta.

Ho trovato però un curioso libro, pubblicato da Adelphi nel 2006, con un titolo che rivela immediatamente lo stile e le idee di Wislawa Szymborska, Letture facoltative.

Il libro raccoglie delle particolari "recensioni", pubblicate dal 1967 al 1993 su varie riviste. Szymborska dice che l’idea di scriverle le è venuta dalla rubrica "Libri pervenuti", presente nelle riviste letterarie. Fra questi molti non vengono recensiti, e spesso sono quelli che, arrivati negli scaffali delle librerie, sono invece i più letti: volumi di divulgazione scientifica, manuali di giardinaggio, fai-da-te e belle maniere, monografie su personaggi storici entrati nell’immaginario collettivo, dizionari specialistici, almanacchi e calendari.

Ed è proprio di questi che invece si occupano i testi raccolti nelle "Letture facoltative".

Non si tratta poi di vere e proprie recensioni: "In ultima analisi mi sono resa conto di essere e di voler restare una lettrice amatoriale, su cui non gravi l’imperativo di un’incessante valutazione". Ogni libro è uno spunto, un’occasione per le sue divagazioni.

Mi sembra che questi testi siano da leggere accanto alle poesie più belle di Szymborska, a confermare il loro tratto più bello, l’attenzione al mondo, la capacità di restituircelo in immagini familiari, ironiche, a volte dimesse, ma cogliendo, sempre, il senso della storia che viviamo.

Insomma, anche qui, Szymborska, come dice Luca Bernardini nella postfazione, si rivela "segretaria dell’invisibile".

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo