Modigliani a Catania


Catania, dall’11 dicembre all’11 febbraio 2011, per la mostra “Modigliani, ritratti dell’anima” il percorso artistico e umano del grande genio toscano.


di Redazione pubblicato il 20 dicembre 2010

Un centinaio di opere d’arte fra disegni, oli, sculture e poi fotografie, taccuini, lettere, cartoline e persino le pagelle scolastiche di Amedeo Modigliani (Livorno 1884 – Parigi 1920) ricostruiranno a Catania, dall’11 dicembre all’11 febbraio 2011, per la mostra “Modigliani, ritratti dell’anima” il percorso artistico e umano del grande genio toscano: un itinerario, quello della sfera affettiva e delle sue ripercussioni sull’opera, mai indagato sinora. A fare da viatico il “Diario della madre”, una sorta di giornale di famiglia che Eugénie Garsin-Modigliani cominciò a scrivere nel 1886.

La mostra, ospitata nel Museo Civico Castello Ursino – una fortezza d’epoca medievale realizzata da Federico II di Svevia – è organizzata dal “Modigliani Institut Archives Légales, Paris-Rome”, in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali, il Comune di Catania e la società Side A di Giovanni Gibiino, coordinatore delle collezioni dell’artista livornese, su iniziativa del Sindaco, Raffaele Stancanelli, e dell’Assessore alla Cultura e ai Grandi Eventi del Comune di Catania, la stilista Marella Ferrera.

In mostra – secondo un ordine cronologico che prende il via dalla nascita di Amedeo, definito dalla madre “un raggio di sole fatto bambino” - saranno 25 disegni, 4 oli su tela, 5 sculture oltre a 7 disegni selezionati da Gibiino fra quelli in possesso dei collezionisti siciliani e realizzati a Parigi tra il 1909 e il 1919 dove, nel quartiere di Montmartre, visse a contatto con artisti e intellettuali del tempo come Picasso, Cocteau, Max Jacob, Apollinaire e molti altri ancora.

Coordina il comitato scientifico Claudio Strinati, già Soprintendente del Polo Museale di Roma che di Modigliani dice: “E’ l’artista che si pone come trait-d’union tra tutte le correnti d’avanguardia, dall’Italia alla Francia, identificabile in quella sua particolare espressione pittorica, tra l’innovazione parigina e la continuazione della tradizione figurativa livornese. Il segno, la grafia e la pittura di Modigliani sono di una qualità estrema, introversa, introspettiva, votata al ritratto”.

Alla fotografa Anna Marceddu, poi, si deve il delicatissimo lavoro di recupero delle immagini d’epoca che, riprodotte per il catalogo e ingrandite per l’allestimento al Castello Ursino, consentiranno una migliore fruizione al pubblico.

La manifestazione catanese fa parte del progetto in fieri “Casa Modigliani”, iniziativa della figlia Jeanne Modigliani che con Christian Parisot ha creato a Parigi le basi per la nascita di un centro culturale votato alla ricerca e alla valorizzazione della vita e dell’opera dell’artista livornese.

L’Assessore Marella Ferrera non nasconde le difficoltà organizzative che hanno accompagnato la messa a punto della mostra: “Non mi sono tuttavia mai rassegnata – sottolinea - come tutti quelli che, con me e con il sindaco, condividono il senso civico e l’obbligo morale di pretendere che Catania viva di cultura, bellezza e creatività. Immaginate, dunque, quale segnale possa essere stato scoprire all’improvviso, tra le pieghe del progetto dell’Archivio Modigliani, il disegno raffigurante una Sant’Agata, a sua firma, ritrovato a Londra. Un caso o qualcosa di più?”.

Il disegno in questione è un inedito. Rappresenta appunto Sant’Agata, la martire adolescente patrona della città di Catania dove viene celebrata il 5 febbraio con una festa antichissima seguita ogni anno da centinaia di migliaia di pellegrini e di turisti. “Sarà il contributo del Comune di Catania – aggiunge il Sindaco Stancanelli - per arricchire con i contenuti sublimi e senza tempo dell’arte, il senso di una festa che è insieme rito religioso e rituale d’appartenenza a una comunità”. La “Agatae” di Modigliani fu realizzata nell’ambito di uno studio sull’iconografia dei santi cristiani: una dozzina le opere rimaste, le altre sono andate distrutte.

L’opera è pubblicata in catalogo e affiancata da un intervento di Salvo Russo, artista e docente di pittura all’Accademia di Belle Arti e all’Università di Catania, con un testo dedicato alla “virtuale” giornata catanese di Modigliani che, pur desiderandolo, non potè conoscere la città ai piedi dell’Etna dove si erano trasferiti per qualche tempo i fratelli Emanuele e Umberto.

Fra le iniziative in programma visite guidate con storici dell’arte e seminari d’approfondimento sull’opera e la vita di Modigliani aperti al pubblico e organizzati in collaborazione con i docenti dell’Accademia e dell’Ateneo catanese.

Amedeo Clemente Modigliani (Livorno, 12 luglio 1884 – Parigi, 24 gennaio 1920) è stato un pittore e scultore italiano, noto anche con lo pseudonimo di Dedo (e Modì) e celebre per i suoi ritratti femminili caratterizzati da volti stilizzati e colli affusolati. Morì all’età di trentacinque anni. È sepolto nel cimitero parigino Père Lachaise.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo