Versione solo testo di {Girodivite - Segnali dalle citta’ invisibili}

News e informazioni dalle città invisibili. Spazi liberi e autogestiti. Dal 1994 sul web.


Indice principale:

Articoli

Brevi

Articoli recenti

Rubrica : {Attualità e società}

EMERGENCY a Venezia per le fasce vulnerabili

Il giovedì 9 aprile 2020 di Redazione

A partire da oggi giovedì 9 aprile, EMERGENCY è a fianco della Protezione Civile di Venezia nel servizio di acquisto e consegna di generi di prima necessità agli over 65 in difficoltà, a coloro a cui è stata prescritta la quarantena e alle persone con problemi di mobilità. Il servizio fornito da EMERGENCY sarà attivo a Venezia e al Lido: qui i volontari di EMERGENCY e della Protezione Civile daranno un aiuto alle persone limitando al minimo gli spostamenti delle fasce più deboli della popolazione e minimizzando, così, il rischio di contagio.

Il servizio, completamente gratuito, sarà attivo dalle ore 8.30 alle 17.00 dal lunedì al sabato chiamando il il DIME (Contact Centre del Comune di Venezia) al numero di telefono 041041. La Protezione Civile provvederà ad inoltrare le chiamate al centralino di EMERGENCY, assegnando ad ogni richiesta un codice univoco e una priorità. Subito dopo EMERGENCY provvederà a smistare le richieste ai volontari dislocati in diverse zone della città, per ciascuna delle quali è stato individuato un coordinatore.

I volontari si muoveranno in coppia, avranno un badge identificativo di riconoscimento e una pettorina. Tutti hanno ricevuto una specifica formazione per evitare il rischio di contagio per loro e per le persone assistite. I volontari non svolgeranno servizi sanitari di alcun tipo.

Contemporaneamente a Marghera il Poliambulatorio di EMERGENCY continua a operare a pieno ritmo, con particolare attenzione le fasce più deboli della popolazione, tra cui i senza fissa dimora, i migranti, le persone in difficoltà economica.

JPEG - 67.8 Kb
EMERGENCY Progetto Domiciliaritá Venezia
JPEG - 82.7 Kb
EMERGENCY Progetto Domiciliaritá Venezia

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Centro Studi Est Europa}

RUSSIA: Meeting of the Presidium of the Government Coordination Council to control the incidence of novel coronavirus infection in the Russian Federation

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

The agenda includes expanding tests for the coronavirus infection and the regions’ rights to set restrictive measures depending on the real situation in the region.

Mikhail Mishustin’s opening remarks:

Good afternoon, colleagues,

Yesterday Vladimir Putin held a meeting on countering the coronavirus infection via videoconference with leading specialists, doctors and virologists. He stressed that all the actions of the government bodies must be well-measured and adequate to what is happening. First of all, this goes to the advanced diagnostics and medical aid for people.

In order for every person to have an opportunity to check their health and take the test if necessary, we decided to significantly increase the number of labs where such tests are carried out. All the labs that applied, including those that are private, have received the right to carry out coronavirus tests. In order to get this right, it is necessary to apply online via Rospotrebnadzor’s website. If the novel coronavirus is found, the lab must send this information to Rospotrebnadzor.

It is obvious that we will need more and more test systems. People are worried about their health and that of their families. We have all the capacities to produce test systems and meet the national demand. By the way, as I have already mentioned, Russia is one of the top three countries regarding the number of coronavirus tests made: almost 800,000 so far.

At the same time, measures to counter the coronavirus must be tailored, considering the specifics of the region. Above all they must consider the number of cases: somewhere there are 1,000 cases, and somewhere else just several cases. .

Today the heads of regions have received the right to set restrictive measures depending on what the real situation is like as well as to determine which industries and enterprises can continue their work, including those that play akey role when it comes to the development of their territories. We understand that all the enterprises have different scales, different production cycles and different technologies, so employers have to adapt Rospotrebnadzor’s recommendations accordingly and comply with them in order to ensure as much protection as possible for employees and clients in every case. All the necessary information is published and regularly updated on Rospotrebnadzor’s website.

The health of workers should remain an absolute priority. It is of extreme importance to comply with sanitary regulations and recommendations for the prevention of the novel coronavirus infection. First of all, this concerns sending employees off to work remotely. And where this is not possible, it is necessary to maintain social distancing. To work in several shifts, place people on different floors or in separate offices, check their temperature at the beginning of and during the working day, provide workers with disinfectant, and regularly disinfect the workplaces – in general, everything that Rospotrebnadzor recommends. If anyone has a high temperature and signs of an infectious disease, an employee should be sent home and take sick leave. The Government has adopted all the necessary documents for this.

The main burden is now put on medical workers who every day are at risk of infection. I would like to address epidemiologists who monitor the observance of security measures in medical organisations where infectious patients are being treated. I address the regions specially, this is absolutely your responsibility. You should get hold of such specialists, including those from health resorts that are temporarily not working. I would like to ask all the regions to actively use this resource in order to prevent the hospital-acquired spread of the infection. It is extremely important.

Colleagues, every morning now in almost all countries the day begins with information about the coronavirus. This is really a common threat for the whole world, and it is impossible to fight it alone. The Russian Federation has already sent its test kits to more than 30 countries, primarily to our partners in the Eurasian Economic Union, the Commonwealth of Independent States and other countries too. These measures are necessary primarily to minimise the risk of spreading the infection to our country.

Today, the President plans to hold a conference call with the governors and discuss, among other things, providing the Russian regions with everything necessary to fight the infection and the opportunities that regional enterprises have in the production of medical devices for combating the coronavirus.

We also need to prepare for this work, let us discuss it now.

- To read the original of press release please click here

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {L’Uomo Malpensante}

ISPI: Focus sul Coronavirus

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

L’ISPI ha predisposto un focus giornaliero sul Coronavirus che può essere consultato cliccando qui

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {L’Uomo Malpensante}

THE DIPLOMAT: The Belt and Road After COVID-19

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

The COVID-19 pandemic is increasingly looking like a watershed, one of those moments in history that mark the end of an era and usher in a new one. The world is poised to change dramatically as a result of the novel coronavirus and many of the assumptions that seem plausible today may have to be revisited a few months down the road. Everything will depend on the severity of the coming socioeconomic shock and the resilience of the world order.

While it is too early for authoritative forecasts, three scenarios are possible at this stage. The best case envisages a moderate economic disturbance, which can hopefully be dealt with by the existing world order and through the mobilization of existing financial tools. A much more likely scenario, which qualifies as bad, foresees severe economic damage necessitating a massive demand for reconstruction, even if it cannot be met through available resources and by the shaky global institutional architecture. The worst-case scenario will be really ugly: it includes a devastating economic collapse of potentially historic proportions, leading to social and political turmoil in a number of countries, a sea change as to configuration of the world order, and curtailed connectivity.

The oft-repeated assertion that we’ll be living in a different world once the pandemic has been contained certainly applies to China’s emblematic Belt and Road Initiative (BRI), too. Interestingly, the pandemic has exposed the risks and weaknesses of global interconnectedness, which cannot but affect China’s BRI.

It’ll take some time before the impact of the COVID-19 calamity can be gauged with a sufficient degree of precision. The first scenario seems to be a pie in the sky and the third one is simply impossible to grasp in its entirety, which is why the only somewhat credible conjectures for the time being could be made in relation to the bad scenario. In this case, several key questions about the future of BRI stand out.

Who Foots the Bill?

In the bad scenario, a snag that BRI is likely to hit is a funding shortfall. So far, President Xi Jinping’s signature project has been powered primarily by China, whose growth rates were decreasing even before the outbreak. The Chinese Communist Party (CCP) leadership is facing a daunting task revitalizing an economy that is up against serious structural challenges. Three months after disaster struck in Wuhan, the country appears to be coming round, but a V-shaped rebound is not a given and analysts continue to slash their forecasts. With the United States and Europe reeling from the pandemic, Chinese exports will take a big hit. At home, Beijing is faced with limited room to stimulate the country’s highly leveraged economy, with persistently bad news coming in. Last February, China’s official urban unemployment jumped to an unprecedented 6.2 percent, though the real rate may be even higher. Some 5 million jobs in urban China have reportedly been lost to date because of the lockdown and that number may go up to 9 million by the end of 2020. Therefore, Beijing’s utmost priority will be preserving low levels of unemployment, while it will probably postpone the vaunted goal of doubling the country’s 2010 GDP by the end of this year.

The political imperative of ensuring social stability will require much-needed resources, at the expense of what many Chinese citizens view as a waste of money overseas. While Xi’s grip on power remains unchallenged, there is a perception that he may have jumped the gun with an overly ambitious and assertive foreign policy agenda, including the BRI. The COVID-19 outbreak has exposed the need for Beijing’s decision-makers to focus on domestic development and China will have to reconcile two competing priorities: avoiding the middle-income trap, while at the same time posturing as a superpower abroad. So, not only may BRI be short of cash, but it will also be hard to sell at home and mostly probably won’t be touted within China for a while.

Will China Get Its Money Back?

Worse still, all the economies along BRI routes will find themselves in tatters in the wake of the outbreak. There will be an ever-growing demand for infrastructure in Eurasia and Africa, but already-limited available resources in recipient countries may evaporate altogether. For instance, Pakistan, China’s all-weather partner and host to the biggest BRI megaproject in the world, is poised to sustain a $8.2 billion loss, according to a preliminary assessment by the Asian Development Bank. At present, the respective figure for Bangladesh is $3 billion. Thailand has given up hope of hitting a 2.8 percent growth target this year and is now bracing up for a recession. Africa is equally vulnerable, as China is the continent’s largest market for natural resources, and a primary source of industrial products and consumer goods. It’s only a matter of time before the epidemic spreads across African countries in full force and leads, in parallel to a public health crisis, to a severe economic slump.

In all developing countries remittances are bound to shrink due to job cuts overseas, thus putting further pressure on the economies vying for Chinese investment. Project failures, cases of insolvency, and bankruptcies are expected to grow exponentially along BRI routes in the months, if not years, to come. Reportedly, coronavirus-hit Chinese companies executing BRI contracts can rely on support from the China Development Bank in the form of low-cost financing and special foreign exchange liquidity loans. Yet, Chinese policy banks will be increasingly picky and inclined to stay away from new projects that may turn out to be loss-makers.

The Show Must Go On

According to a recently published theory, the terrestrial Silk Road Economic Belt and the Maritime Silk Road, the two distinct BRI strands, are priorities eight and nine on Xi’s Top Ten list — not even close to No. 1 (preserving the CCP’s power), No. 2 (maintaining national unity), and No. 3 (the expansion of the economy). This reading of Xi’s worldview suggests that, under extreme circumstances, Beijing will not deem the BRI as important as political and social stability at home. And the position of the Chinese leadership over the past two years has been anything but enviable – it’s been steadily exacerbated by the trade war with the United States, an inexorable economic slowdown, riots in Hong Kong, Tsai Ing-wen’s re-election in Taiwan, and now the coronavirus calamity.

But this is not to say that the BRI is over, far from it. As Mark Twain would have chuckled, rumors of the death of the BRI are greatly exaggerated. It is a symbol of China’s emergence as a leading global power and a big chunk of Xi’s personal legacy, hence its inclusion in the CCP’s constitution. As is to be expected, Beijing’s official rhetoric is that the COVID-19 outbreak will only have a temporary impact on the BRI. In fact, the initiative’s fuzzy content is being further enriched with the “Health Silk Road” add-on narrative and “mask diplomacy” in a major soft-power push, as Beijing seeks to fend off unpalatable questions about its fumbled initial response to the outbreak and turn the tables on its critics.

In the short run, the BRI will be in trouble. In particular, the summer of 2020 may be a period of hibernation for a number of BRI projects. The outbreak has brought Chinese labor supplies and equipment imports along BRI routes down to a trickle. Currently, major infrastructure projects in Sri Lanka, Bangladesh, Indonesia, Nepal, and other countries are progressing at a snail’s pace. Yet, while the Belt and Road has been put on hold due to the outbreak and proliferation of the virus, this shouldn’t be seen as anything other than a short-term upheaval.

A Different BRI

In the mid to long run, ongoing BRI projects will pick up again, though it is reasonable to assume that this will be a new BRI, an enterprise of a different complexion. And the BRI is bound to change, with inescapable questions about its China-centered nature: overdependence on Chinese companies and Chinese staff working on BRI projects financed through loans from Chinese banks. But, above all, it needs to change due to its inherent conceptual defects. Long before being hit by COVID-19, the BRI was infected with the virus of poor design, misconception, and chutzpah.

Notably, Chinese authorities have yet to come up with a clear-cut definition of the BRI, which remains a loose set of infrastructure projects and bilateral deals. Seven years after this ambitious initiative was announced it remains, at best, a blurred vision in need of a comprehensive conceptual framework, international standards, and a coherent implementation strategy. This is one of the reasons why the BRI has become controversial and has caused a backlash in many countries. And this is also why a process of recalibration, of sorts, has been under way for at least a year now, if one is to take Xi’s words at the second Belt and Road Forum in April 2019 at face value.

The Chinese president sketched out his grand vision in September 2013, at a time China had an annual growth rate close to 8 percent and some $4 trillion in its coffers. Back then, initial estimates of the resources to be allocated to the BRI went all the way up to a bombastic $8 trillion, only to come down to $4 trillion later on. In March 2018, Morgan Stanley predicted that China’s overall expenses along BRI routes could reach $1.2 to 1.3 trillion by 2027, but even this is now looking increasingly unlikely.

The World Bank estimates that cumulative BRI expenditure up to 2019 stood at $545 billion. So far, about two-thirds of Chinese spending on completed BRI projects has gone into the energy sector and transport, roughly accounting for $50 billion and $15 billion, respectively. However, developing countries in need of infrastructure will be terribly cash-strapped, so unless money is offered by multilateral financial institutions or debt relief is considered, there may be a shift away from roads, bridges, and coal-fired power plants funded through Chinese loans.

Due to domestic political and financial constraints, China will no longer be in a position to shower BRI partners with loans. Arguably, it will think twice before getting embroiled in ill-conceived investments, such as the standard gauge railway in Kenya or the highway to nowhere currently being built in Montenegro. From now on Chinese policy banks will be much more wary of a potential “creditor trap” and will identify projects on the basis of robust due diligence.

Instead of the hitherto scattershot Chinese approach to building anything that’s buildable, new BRI projects will probably be more strategically chosen. Beijing has been investing in the creation of a globe-spanning network of economic corridors, logistics zones, and financial centers, with stress laid on sea ports and adjacent areas. Egypt’s Suez Canal Economic Zone and Sri Lanka’s Colombo Port City clearly exemplify this trend, while the ambitious Sino-Oman Industrial City project has yet to take off the ground.

Investment in energy will remain sought-after, with Chinese solar-panel makers aggressively seeking overseas contracts now that state subsidies are being slashed at home. In addition, projects are likely to focus on more sophisticated forms of connectivity, such as 5G networks or, in the wake of the pandemic, disaster management, public health-related high-tech, and even remote surgery. China will surely use the BRI for the projection of its soft power, an increasingly important battlefield in international relations. Not least of all, the geopolitical dimension of the BRI will be further accentuated by the involvement of China’s military, ostensibly under a humanitarian and peace-building camouflage.

A different BRI will not necessarily be embraced by the rest of the world, marked by fragmentation and confrontation. It is true that recent developments have undermined confidence in the capacity and competence of U.S. governance and the EU is in disarray. However, it remains to be seen whether China’s attempts at burnishing its image as a global leader will pay off. The world has become aware of the risks of overwhelming reliance on China and the coronavirus may convince some in the international community to approach ties with Beijing with a greater degree of wariness. The outbreak has engendered profound skepticism about the prudence of leaning too closely on China and BRI may very well be a case in point.

Plamen Tonchev is Head of the Asia Unit at the Institute of International Economic Relations (IIER), Athens, Greece.

- To read the original article please click here

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Centro Studi Est Europa}

GEORGIA: Supporting the Georgian food industry at times of Covid-19

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

EBRD and EU help local poultry farm Chirina boost its capacity

Early February now seems a lifetime ago, but back then, a chicken farm in Georgia was preparing for a new milestone: Chirina was adding 14 new turnkey broiler farmhouses to increase production by 50 per cent, calling for a grand celebration. A little help from friends, including the EBRD and the EU, contributed to the success of their journey.

With sweeping efforts rolling out worldwide to fight the spread of the coronavirus, the company quickly revised its plans to adjust. But this did not stop Chirina’s management from bringing the new facilities up to full steam at a time when the local production of essential goods had become of the utmost importance.

Chirina’s motto is, “Success is a journey, not a destination,” and as one of the largest Georgian agricultural enterprises, the company prides itself on the latest technology, operational efficiency and hard-working people. But it turned out that the support of the poultry company proved vital during these trying times, with global trade disrupted and Georgia’s extreme reliance on imported goods becoming a concern.

Chirina in a nutshell

The seeds of Chirina were first sown in 2007, when Revaz Vashakidze, a biochemist by education and profession, returned to Georgia from abroad and was determined to have a say in the economic development of his home country.

Developed from the ground up, Chirina’s protein-rich chicken meat and hatching eggs now account for 40 and 60 per cent of domestic consumption and production respectively.

Historically, Georgia’s poultry market had been dominated by imports. Now, mostly thanks to Chirina, import volumes have shrunk and are expected to drop even further with Chirina’s increased production capacity.

“Chirina is a vertically integrated agricultural enterprise, which allows us to incorporate a full production chain, producing everything from seeds for chicken feed to fresh meat. Local produce is vital in the food industry, especially in times of crisis,” says Revaz:

“Since we control all levels of production, we can more easily respond to evolving needs, better control quality and quickly address any problems. We keep our finger on the pulse.”

According to the company’s estimates, around 16,000 people visit their Biu-Biu brand shops daily.

Friendship with the EBRD and the EU

The EBRD started working with the company back in 2017 on an international advisory project funded by the European Union as part of the EU4Business initiative. International industry experts helped the company to fine-tune its business procedures and plans for a new production facility.

Shortly after that Chirina became the first company in Georgia to join the Blue Ribbon programme, an EBRD initiative targeting high-growth enterprises with a combination of financial and advisory products. The EBRD’s loan of €4 million last year was complemented by support the DCFTA Direct Support Facility, which is co-financed by the European Union.

“We are proud that we managed to launch additional production capacity in these difficult times. Every day our employees rise to the challenge and ensure that production keeps on rolling, making customers more confident in the availability of food supplies. We are extremely thankful for this. On our end, we work hard to ensure our workers’ health and safety, following all requests and recommendations from the authorities,” says Revaz.

Chirina is a large employer in Georgia with over 450 people currently working for the company.

- To read the original article please click here

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {L’Uomo Malpensante}

OSCE: Persistent Roma inequality increases COVID-19 risk, human rights heads say

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

WARSAW/VIENNA, 7 April 2020 – Overcrowding and poor access to sanitation have long blighted Roma communities across Europe. On the eve of International Roma Day, the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) and the OSCE Office for Democratic Institutions and Human Rights (ODIHR) highlight the longstanding neglect of Roma that is now leaving them highly vulnerable as the COVID-19 pandemic spreads across the globe.

“Already before the pandemic, many Member States failed to bring about real noticeable change for Europe’s Roma communities,” says FRA Director Michael O’Flaherty pointing to earlier research. “With the current EU Roma strategy ending this year, the EU and its Member States must act in future to end the longstanding Roma discrimination and marginalization that this pandemic regrettably is bringing into sharp relief.”

To counter the rapid spread of COVID-19, governments urge people to maintain physical distances, self-quarantine and regularly wash their hands with soap and water.

However, washing is a challenge for 30% of Roma because they live in households with no tap water, as FRA reports.

Up to 80% of Roma in some countries also live in cramped Roma neighbourhoods with overcrowded housing. This makes physical distancing, a key element of public health measures, close to impossible.

At the same time, quarantine and physical distancing measures are likely to push many Roma further into poverty. Many work in low paid jobs often without social security that depend on contact with other people or involve travel such as collecting scrap material.

“Besides the pandemic and all the health problems it creates, governments are likely to find themselves facing a serious economic and social crisis,” says ODIHR Director Ingibjörg Sólrún Gísladóttir. “Roma are particularly at risk, as well as others who are already vulnerable or are now in danger of slipping into poverty because of the current situation. Governments therefore have an important and urgent responsibility to develop comprehensive and inclusive plans of support – and make sure they are implemented.”

Amid media reports that the pandemic is worsening discrimination and anti-Gypsyism, ODIHR is systematically monitoring the effect of government emergency measures on Roma communities. This complements its work on assisting countries across the 57 countries of the OSCE region to increase the inclusion of Roma communities and combat racism and discrimination.

Buying medication, face masks and other forms of protective equipment is also a major challenge: within the EU alone, where most Roma live, 80% are at risk of poverty. This compares with the EU poverty average of 17%.

Access to basic services, such as doctors or pharmacies, may also prove difficult because they are often scarce in Roma neighbourhoods. And in times of lockdown, visiting other areas may be discouraged.

FRA research identifies local engagement practices with Roma communities that already exist. Health mediators can play a pivotal role in responding to this crisis. They are among the few who have trusted access to the most marginalized people. They build constructive dialogue with communities.

As participation and empowerment are key ingredients to sustainable inclusion, such examples should be replicated, and be integral to any future strategy. To move forward, poverty reduction is key. This includes eliminating segregated housing, better access to public utilities, like electricity and water, as well as more social housing.

The coronavirus pandemic underlines how persistent inequalities have left many Roma in an even more precarious situation than they usually face. Roma communities require urgent and immediate assistance so they can effectively protect themselves against the onslaught of the COVID-19 disease that is underway now, and its economic and social consequences.

International Roma Day, established in 1990, marks the date of the first international meeting of Roma representatives across Europe, on 8 April 1971 in Chelsfield in the United Kingdom.

- To read the original of press release please click here

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Centro Studi Est Europa}

KAZAKHSTAN: Kazakhstan updates economic forecast for 2020 to respond to low oil prices, coronavirus impact

Il giovedì 9 aprile 2020 di Emanuele G.

NUR-SULTAN (TCA) — As Kazakhstan is experiencing economic difficulties caused by the unstable foreign economic situation, the emerging global recession and a slowdown in business activity against the background of protective measures for containing the coronavirus outbreak, the Minister of National Economy Ruslan Dalenov on April 2 reported on the country’s updated macroeconomic forecast for 2020, primeminister.kz reports.

The minister said that since the beginning of the year, oil prices have decreased by 65.7%, for metals by an average of 15.6%, global stock indices have declined by an average of 20.9%.

With this in mind, in the updated state budget for 2020, the government has defined the average oil price for April-December 2020 at $20 per barrel. The estimated dollar rate is set at 440 tenge per dollar and annual inflation in the range of 9-11%.

The government has lowered the forecast for Kazakhstan’s oil production by 4 million tons to 86 million tons for 2020.

Dalenov said that Kazakhstan’s export will decrease by $16.3 billion to $35.1 billion and import will decrease by $7.5 billion to $26.6 billion. The country’s GDP in 2020 is expected to decline by 0.9%, he said.

In order to support the agro-industrial sector, agricultural producers will not pay land tax until the end of the year. The VAT rate was reduced from 12% to 8% for socially significant food products for the period from March 30 to October 1.

The minister said it is planned to exempt small and medium-sized businesses, for six months until October 1, 2020, from taxes and social payments from the wage fund (individual income tax, social tax, compulsory pension contributions, contributions and deductions for compulsory health insurance and social contributions).

This measure covers the sectors of tourism, catering, hotel business, large retail facilities, shopping centers, cinemas, theaters, exhibitions and sports and fitness facilities, trade entities, with the exception of the sale of food, drugstores, transportation services, consulting services and information technology sector.

- To read the original article please click here

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Permesso di soggiorno}

La Divina Commedia ai tempi del Covid-19

Il giovedì 9 aprile 2020 di Redazione Zerobook

Da questa parte cadde giù dal cielo;
 e la terra, che pria di qua si sporse,
 per paura di lui fé del mar velo,

Ti svegli una mattina e il mondo è travolto, buio. Scoppia una pandemia, la realtà nella quale ci troviamo è del tutto diversa dai normalissimi giorni che vivevamo ieri. Obiezione: nessuna passeggiata, nessun Sole, nessun abbraccio, Nessuna lezione all’università in cui nascondi o speri di incrociare lo sguardo di un docente. Nessun sorriso svanito all’interno di una libreria, nessun “ ci vediamo più tardi”.

e venne a l’emisperio nostro; e forse
 per fuggir lui lasciò qui loco vòto
 quella ch’appar di qua, e sù ricorse».

Ti svegli una mattina eppure lì fuori i fiori continuano a fiorire, i bocciali a schiudersi, è il ventuno marzo, è arrivata la primavera.

LA LIBERTA’ E’ SCHIAVITU’

Tutti in casa, “per il bene comune”, la forza del singolo è la vita dell’altro. Tutti ad interrogarci se una vita ha lo stesso valore di un’altra. I sindaci in preda a guerre mediatiche, urla per strada, corse in preda ad un delirio di panico, dall’altra ci sei TU , con i tuoi figli, tuo marito, tuo padre, tua madre, o semplicemente sola.

Lo duca e io per quel cammino ascoso,
 intrammo a ritornar nel chiaro mondo;
 e sanza cura aver d’alcun riposo,
 salimmo sù, el primo e io secondo,
 tanto ch’i’ vidi de le cose belle
 che porta ’l ciel, per un pertugio tondo.

I contagi aumentano, televisori accesi, altri spenti per presa di coraggio, medici e infermieri chiamati all’appello, il resto non conta, non conta il senzatetto, il ragazzo che rincorre un sogno dietro una data, non conta il padre che non può recarsi a lavoro per poter comprare il cibo ai propri figli, non contano i perimetri di lontananza tra le persone e le relazioni umane che sono stati imposti. Stavamo lì a guardare gli animali dietro una gabbia, in cattività, ora ci troviamo costretti ad osservare tutto dietro una finestra a cercare di imparare una lezione dove ci vede coinvolti a scaturire bellezza nelle nostri menti e dentro di noi. Dentro le nostre case. Serviva una pandemia per imparare la lezione? Rileggendo dei pezzi del capolavoro immortale di Dante Alighieri, La Divina Commedia diviene il mezzo con cui osservare la realtà attuale che ha visto l’intero mondo coinvolto, improvvisamente non esiste nessuna differenza tra il nero, il bianco, il cinese, l’americano, il povero, il ricco, l’appartenenza lo status sociale è stato accantonato, siamo tutti magicamente “aliens” - “straniero” . Adesso l’unica cosa che conta davvero è l’’infinita tenerezza, la fragilità della vita e la caducità del tempo. Tutti vorremmo più tempo, e invece adesso non si può, tutto è stato improvvisamente arrestato, le giornate sembrano scorrere nella medesima maniera e per sopravvivere devi organizzarti la giornata, però dall’altra faccia della medaglia, quel preziosissimo istante, secondo e superficiale momento, ha assunto valore. In schiera trapassiamo ogni giorno le bolgie, i gironi, dove le piattaforme comunicative sono diventate il mezzo per comunicare odio, schieramenti politici, frasi poetiche riportate e strappate alla loro meravigliosa autenticità. I supermercati si affollano, devi sincronizzare gli orologi e svegliarti in tempo, altrimenti chiudono, devi aspettare l’orario adatto per seguire una lezione o una riunione mentre lì fuori qualcuno sta lottando tra la vita e la morte. Ironia della sorte. Non siamo all’interno di un romanzo, di un capolavoro come quello di Dante, o Gabriel Garcia Marquez, o in Cecità di Saramago, e nonostante ci sforziamo ogni giorno di mantenerci lucidi, pazienti, dall’altra stiamo riscoprendo il Valore Umano. Qualcuno prima di noi però per secoli, ha tentato di svegliarci, riportarci a quello che giorno dopo giorno stiamo riscoprendo, la semplicità dell’impasto casereccio, le mani stanche che lo accompagnano nella lavorazione, l’amore che una madre ci mette per crepare il dolce ai propri figli, lo stupore dei bambini, l’importanza dei nostri talenti. Anni di filosofia, ed è servita una pandemia per riportare tutti quanti sullo stesso livello. Adesso chi è il razzista? Il debole e il forte? Chi è sensibile e insensibile? Chi è padre e madre? Lentamente tutto è stato spogliato, ciò che abbiamo sempre datore scontato, quello di cui vantavamo, o semplicemente disprezzavamo è stato messo una bilancia che soppesa la debole fragilità umana.

«Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di provincie, ma bordello!», vv. 76-78).

Dante si chiede perché l’imperatore Giustiniano (imperatore dal 527 al 565) abbia creato il Corpus Iuris Civilis – raccolta di tutte le leggi esistenti fino a quel momento – se poi nell’Impero non c’è nessuno che le faccia rispettare?

Il nostro paese non è cambiato così tanto

Gli articoli giornalisti che come proiettili sono pronti ad essere scagliati, le dirette governative, le opinioni dei partiti politici, il ridicolo coinvolgimento della popolarità improvvisamente è diventato il pane di chi si trova in questo cammino, che non è una lotta, combattere da un divino di casa, non può ritenersi tale, Stare dentro un reparto ospedaliero e non poter piangere, è combattere. Improvvisamente l’opinionismo e la politica hanno coinvolto l’Italia in un tranello in cui bisogna riconoscere l’autenticità dei fatti, dove cariche governative e leggi vengono meno, la psiche viene messa in discussione e la propria città è divenuta terreno fertile per costruire un impero personale, allora scegliere e RICONOSCERE la linea sottile tra il bene e il male, il giusto e sbagliato, è divenuto per tutti un atto di gran coraggio.

E quindi uscimmo a riveder le stelle.
 Canto XVIII, 136 - Inferno

Così conclude il canto dantesco, Virgilio e Dante finalmente riescono ad emergere dalle tenebre e a rivedere la luce, casualità vuole che tutti gli studenti ad un certo punto del loro percorso scolastico, debbano imbattersi in questo canto, c’è chi lo vive per senso del dover scolastico e chi invece lo porta con sé come un prezioso dono lasciato in regalo da un buon docente. Sarebbe bene rivivere le vesti di uno studente che sta vivendo un momento storico come quello che ci ha appena coinvolti e far a patti con le tenebre come Dante per poter riscoprire la luce. Ad ognuno il proprio atto rivoluzionario da COVID-19 con lo sguardo sulle preziose pagine che le nostre grandi e immortali menti ci hanno lasciato in eredità.

Martina Famulari - Messina

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Solo parole}

Elogio alla dimenticanza

Il giovedì 9 aprile 2020 di Enzo Maddaloni

"Generale, il tuo carro armato è una macchina potente
spiana un bosco e sfracella cento uomini.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un carrista.

Generale, il tuo bombardiere è potente.
Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un meccanico.

Generale, l’uomo fa di tutto.
Può volare e può uccidere.
Ma ha un difetto:
può pensare."

(Bertolt Brecht)

Ecco una riflessione sul pensare dell’HOMO SAPIENS.

Questa poesia anni fa è stato un manifesto pacifista per tanti come me. E, ancora oggi potrebbe far nascere reazioni contrastanti. Brecht si rivolge a un generale, orgogliosamente sicuro dei carri armati e dei bombardieri, e riafferma la sua fiducia nella razionalità dell’uomo che non è assimilabile ad una macchina in quanto ha il “difetto” di pensare.

A questo punto ci si potrebbe chiedere: come mai, in tante guerre, molti uomini si sono piegati al servizio dei “capi” senza pensare? Solo per banalità dello stesso male?

Purtroppo è anche questa una componente dell’ambigua realtà dell’uomo, nel quale ragione e irrazionalità convivono e contrastano drammaticamente.

Ma anche in Bertolt Brecht nasceva già a suo tempo la crisi al (suo) pensare con un’altra sua poesia, con la quale non ho mai capito a chi si rivolgesse:

ELOGIO DELLA DIMENTICANZA

"Buona cosa è la dimenticanza!
Altrimenti come farebbe
il figlio ad allontanarsi dalla madre che lo ha allattato?
Che gli ha dato la forza delle membra
e lo trattiene per metterle alla prova?

Oppure come farebbe l’allievo ad abbandonare il maestro
che gli ha dato il sapere?
Quando il sapere è dato
l’allievo deve mettersi in cammino.

Nella casa vecchia
prendono alloggio i nuovi inquilini.
Se vi fossero rimasti quelli che l’hanno costruita
la casa sarebbe troppo piccola.

La stufa riscalda. Il fumista
non si sa più chi sia. L’aratore
non riconosce la forma del pane.

Come si alzerebbe l’uomo al mattino
senza l’oblio della notte che cancella le tracce?
Chi è stato sbattuto a terra sei volte
come potrebbe risollevarsi la settima
per rivoltare il suolo pietroso,
per rischiare il volo nel cielo?

La fragilità della memoria
dà forza agli uomini."

(Bertolt Brecht)

Voi che ne pensate, un altro manifesto e per chi?...

E come la mettiamo con: "... chi non ha memoria non ha futuro"?

P.S. L’Europa ai tempi del covid19 sta affrontando la sua crisi di memoria. Una speranza ce l’abbiamo non tutti in Germania hanno dimenticato .

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Permesso di Soggiorno Obbligato}

La maschera di parole contro il virus infingardo

Il mercoledì 8 aprile 2020 di Redazione Zerobook

Sono i libri, anzi le copertine dei libri, le protagoniste di questo nuovo contest che la redazione di Girodivite ha pensato per i suoi lettori. L’idea sappiamo già da adesso che piacerà ai fedelissimi della nostra storica testata, così come è già avvenuto con Permesso di Soggiorno, lanciato a marzo.

Ogni partecipante dovrà scattare una foto con l’autoscatto, chiamatelo pure selfie se preferite, o potrà farsela scattare da qualche familiare, che lo ritragga con la bocca e il naso coperti da un libro a sua scelta, che debba rappresentare una mascherina di protezione. Una mascherina culturale antivirale.

Sappiamo che tra i nostri lettori moltissimi sono appassionati di libri e che quindi molti di loro ci faranno riscoprire titoli ed autori della storia della letteratura internazionale. O magari ce ne faranno conoscere di nuovi. Quindi, non perdete tempo e ingegnate il cervello, date libero sfogo alla passione per la lettura e alla vostra fantasia.

Di seguito un’immagine per rendere l’idea del nostro progetto. Unica condizione: la misura della foto dovrà avere le misure massime di 500 pixel di larghezza.

Come nel precedente contest, anche questo prevede un premio. Ovviamente la pubblicazione della foto - mi raccomando di allegare l’eventuale liberatoria se dovesse ritrarre il volto completo e riconoscibile o, addirittura, qualche minore - e un ebook della casa editrice Zerobook.

Qual è il tuo libro antivirus?

Email: concorso[at]girodivite.it

(sostituire [at] con la chiocciolina...)

Attendiamo le vostre foto!

JPEG - 113.6 Kb
On the road

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Sportivamente}

Donato Sabia ha finito la sua corsa

Il mercoledì 8 aprile 2020 di Piero Buscemi

Il nome di Donato Sabia torna all’attenzione dei media nel momento peggiore della sua esistenza. Donato ha praticato per anni uno sport che, a parte casi eclatanti legati a imprese sportive durature o alla stessa vita privata dei protagonisti, non lascia una particolare striscia di ricordi nel panorama sportivo, specialmente quello italiano.

Un altro ragazzo del sud che ci lascia. Uno dei tanti che ha sudato più del dovuto per emergere nell’atletica leggera, provenendo da una realtà geografica che non concede grosse possibilità in strutture ed impianti per poter cimentarsi nello sport partendo comunque da una pari oppurtunità.

Donato Sabia ci era riuscito. Con i sacrifici e la dedizione che questo sport comporta. Specialista negli 800 metri, dove è riuscito ad ottenere i migliori risultati, vantando un tempo di 1’43"88 (terzo tempo assuluto di sempre in Italia), dotato di una buona velocità, si era dedicato anche ai 400 metri, specialità nella quale riuscì ad ottenere un dignitoso cronometraggio in 45"73.

Poco più che ventenne, grazie a queste sue caratteristiche atletiche, era riuscinto a stabilire la migliore prestazione mondiale sull’insolita e non comtemplata tra le distanze ufficiali, dei 500 metri con il tempo di 1’00"08, un record che è durato ben 29 anni. I risultati migliori a livello agonistico li ha conseguiti con la qualificazione per due edizioni consecutive alla finale degli 800 metri, rispettivamente alle Olimpiadi di Los Angeles nel 1984 (si piazzò 5°) e a quelle successive di Seul dove concluse al 7° posto. Nel 1984, inoltre, vinse la medaglia d’oro nella distanza in occasione dei Campionati Europei Indoor di Gotebor.

Sappiamo, senza grossi giri di parole, che se il virus del momento non avesse colpito questo atleta, portandolo alla morte che, per ironia della sorte, si era portato via anche il padre qualche giorno prima, il suo nome sarebbe rimasto dormiente nel dimenticatoio per tanti anni ancora. Sarabbe rimasto sicuramente sconosciuto alle nuove generazioni, salvo qualche atleta della sua stessa specialità o qualche appassionato di storia dell’atletica leggera.

Forse è il destino di molti praticanti di sport che vengono oscurati da personaggi più blasonati e più pagati, le cui stesse vite diventano oggetto di discussione e di attenzione dei media. In queste settimane qualsiasi programma televisivo dedicato allo sport ha monopolizzato gli argomenti sul destino del campionato di calcio in corso, deviando soltanto l’attenzione nel periodo in cui si è definitivamente stabilito il rinvio dell’edizione delle Olimpiadi che si sarebbero dovuto disputare a Tokyo.

L’atletica prevede per l’anno 2020 i Mondiali Under 20 a Nairobi, previsti dal 7 al 12 luglio, gli Europei Under 18 a Rieti dal 16 al 19 luglio e l’appuntamento più atteso, visto il rinvio delle Olimpiadi, dei Campionati Europei a Parigi dal 25 al 30 agosto. Non sappiamo se queste competizioni potranno essere regolarmente disputate e l’andamento delle vicende mondiali legate al Covid-19 non consente di fare alcuna congettura in merito.

Donato Sabia, purtroppo, non potrà in ogni caso essere spettatore. L’atleta ci ha lasciato all’età di 56 anni. Era nato a Potenza l’11 settembre 1963.

L’ ordine di arrivo degli 800 metri ai Campionati Europei Indoor del 1984

Italia Donato Sabia 1’48"05 (Medaglia d’oro)
 Francia André Lavie 1’48"35 (Medaglia d’argento)
 Regno Unito Phil Norgate 1’48"39 (Medaglia di bronzo)

{Consultare} l'articolo con forum.


Rubrica : {Linking}

Il paradosso dell’anormalità

Il mercoledì 8 aprile 2020 di Sergej

Gente che non si abbraccia né si saluta sbaciucchiandosi e toccandosi. Strade deserte. Le persone rinchiuse in casa. Uno scenario che per alcuni sembra “apocalittico” o dà adito a tutta una retorica del sentimento e della letteraria meditazione. In realtà ciò che la pandemia sta ottenendo è qualcosa di più sottile.

Gli esseri umani quando hanno davanti un pericolo ignoto sembra che reagiscano secondo un impulso atavico. È l’istinto (culturale) degli uomini delle caverne. La caverna è il rifugio più sicuro, e qui si rintanano alla prima occasione. Abbiamo imparato che solo in caso di terremoto occorre fuggire all’aperto - e così ci accorgiamo che le nostre città ammassate sono prive di luoghi aperti, ma ahimé è troppo tardi per accorgersene. L’acquisizione culturale postuma (rispetto all’età delle caverne) ovvero che le chiese siano un luogo sicuro, derivava dai tentativi di accordo internazionale, verso la fine del medioevo, che assicurava i luoghi di culto quale spazi extraterritoriali, al sicuro dalle sevizie delle bande armate che imperversavano. Ebbene, in caso di terremoto la chiesa è l’ultimo posto in cui rifugiarsi - rimangono famosi gli eccidi di fedeli compiuti in passati terremoti proprio grazie al crollo delle chiese - e, lo abbiamo imparato anche in questa occasione, non è bene frequentare in caso di pandemia. Con gran scorno dei sacerdoti - specie per l’ala anti-bergogliana e più retriva, pace all’anima loro.

Per l’uomo contemporaneo, tornato per pochi giorni uomo delle caverne, il fuori diventa (momentaneamente) luogo mitico della libertà. In quel tempo mitico del “prima”, si poteva persino correre e fare jogging all’aria aperta. Nei primi tempi del divieto sono rimaste famose le invettive dei sindaci che rivolgendosi ai loro concittadini dicevano: “Ma come, non avete mai fatto due passi in tutta la vostra vita e ora improvvisamente scoprite di essere degli atleti?”

C’è un altro paradosso che stiamo vivendo in questi giorni, più sottile. Ed è quello che l’apparente anormalità di questi giorni è spesso un seguire norme e comportamenti che avrebbero dovuto essere la normalità nella vita vita sociale - e che invece non lo erano proprio perché era invece anormale e maleducata quella vita di prima.

Ciò che stiamo attuando oggi, in questa vita ai domiciliari, è in realtà quello che avremmo dovuto fare sempre, e che non abbiamo mai fatto perché il nostro mondo “normale” è un mondo maleducato e anormale.

Perché negli ultimi vent’anni in Italia è dilagata questa forma psicotica di baciarsi e abbracciarsi quando ci si incontra? Perché tutti questi affollamenti nei luoghi pubblici, questo accalcarsi dappertutto, l’inesistenza persino delle file?

Nei quasi deserti luoghi pubblici e nei quasi deserti mezzi pubblici oggi si respira una normalità che prima non esisteva. I mezzi pubblici sono per la prima volta adeguati agli utenti, non insufficienti e intasatissimi.

Persino nei supermercati: si entra per il giusto numero di persone che un supermercato può contenere. Anche per ragioni di sicurezza, uno spazio come un supermercato è fatto per contenere un certo numero di clienti. Nel “prima” si lasciava correre, per l’avidità dei proprietari dei supermercati e con la collusione di chi doveva controllare e non controllava. Se scoppia un incendio, chi sta dentro deve poter agevolmente lasciare i locali, cosa che difficilmente può avvenire se i locali sono intasati da un numero esorbitante di presenti. Ma a questo “non ci si pensava”. Prima. Ora invece si fanno le doverose file davanti ai supermercati, per permettere che dentro i locali si svuotino adeguatamente per permettere nuove presenze.

Dove sta l’anormalità della situazione? Stava prima o sta adesso?

Le strade senza macchine. Ma finalmente!

Il risveglio della natura e l’avvicinarsi di alcuni animali nelle periferie delle città. Ma è bellissimo!

Il "tifo" calcistico che sembrava essere l’unica religione intoccabile degli italiani, e invece ora che sembra che persino gli stipendi indecenti dei "campioni" possano essere messi in discussione... Ma allora si poteva fare, non era vero che era impossibile o tale da scatenare rivolte per le strade se si fossero toccati certi privilegi.

Riscoprire i nostri affetti, le persone care, la realtà dei corpi e della morte - davanti cui dovremmo essere tutti uniti -, le nostre passioni...

Il calo dell’inquinamento. Ma perdio è una cosa magnifica! Che aspettavamo a farlo prima? Quale demone ci divorava (e ci divora), chi ha preso il posto del nostro cuore e del nostro cervello - ci si è impossessato di noi, e ci ha portato a chiudere gli occhi, tapparci la bocca, otturare le nostre orecchie?

Insomma, eravamo svegli prima o stiamo sognando ora? E quando ci sveglieremo e torneremo a riversarci per le strade, torneremo di nuovo a inquinare, a essere maleducati e sgarbati, a volere la morte dei nostri simili come prima, oppure ci daremo finalmente una calmata?


83937016_619250558853423_1695455455677081424_n

{Consultare} l'articolo con forum.


Ultime brevi

Rubrica : {Eventi in giro}

Assordanti silenzi

Il mercoledì 6 giugno 2012

Dall’8 giugno e fino al 23, a Ortigia (Siracusa) in via Roma 30 - da Spazio30 Ortigia - collettiva di Bertrand/ Lasagna/Mirabile

mostra-486x1024

Una collettiva di pittura , che spazia dal figurativo all’astrazione, il titolo prende spunto da una citazione del libro di Francesco Antonio Lepore (la bestemmia del silenzio), a proposito di un libro di Milan Kundera (la vita è altrove) dove si parla di silenzio assordante ”solo il vero poeta sa che cosa sia l’immenso desiderio di non essere poeta, il desiderio di abbandonare la casa degli specchi, in cui regna un silenzio assordante”

In expo:

Bertrand / Lasagna / Mrabile

Spazio 30, Via Roma 30, Siracusa. Dall’8 Giugno 2012

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

A Niscemi la Carovana antimafie e No MUOS

Il domenica 3 giugno 2012

A Niscemi la Carovana antimafie e No MUOS

La Carovana contro tutte le mafie alza il tiro contro il dilagante processo di militarizzazione del Mezzogiorno. Lunedì 4 giugno, Niscemi ospiterà la tappa chiave siciliana dell’evento internazionale promosso da Arci, Libera e Avviso Pubblico con la collaborazione di Cgil, Cisl, Uil, Banca Etica, Ligue de L’Enseignement e Ucca. L’appuntamento è per le ore 17 per un giro di conoscenza della “Sughereta”, la riserva naturale in contrada Ulmo sono in corso i devastanti lavori di realizzazione di uno dei quattro terminali terrestri del MUOS, il nuovo sistema di telecomunicazione satellitare delle forze armate Usa. Alle 18, proprio di fronte ai cantieri i quella che nelle logiche dei Signori di Morte darà l’arma perfetta per i conflitti del XXI secolo, Comitati No MUOS, giornalisti, ricercatori ed esponenti del volontariato denunceranno in diretta streaming la rilevanza criminale e criminogena dello strumento militare. Poi, alle 20, tutti in piazza per un happening di parole, suoni e immagini per ribadire il No al MUOS e per un Mediterraneo di pace, con un legame ideale con la straordinaria stagione di manifestazioni, 30 anni fa, contro i missili nucleari Cruise di Comiso.

Saranno in tanti a giungere a Niscemi per testimoniare la centralità della lotta contro le disumanizzanti tecnologie di guerra che Usa e Nato puntano a installare in Sicilia (oltre al MUOS, gli aerei senza pilota Global Hawk e Predator). Da Paolo Beni (presidente nazionale Arci) ad Alessandro Cobianchi (responsabile nazionale Carovane antimafie), da Luigi Ciotti (presidente Libera) a Giovanni Di Martino (vicepresidente di Avviso Pubblico) e Antonio Riolo (segreteria regionale Cgil). E i giornalisti Nino Amadore, Oliviero Beha, Attilio Bolzoni e Riccardo Orioles con i musicisti Toti Poeta e Cisco dei Modena City Ramblers. Ma saranno soprattutto le ragazze e i ragazzi dei Comitati No MUOS sorti in Sicilia ad animare l’evento e raccontare la loro voglia di vivere liberi dall’orrore delle guerre e dalle micidiali microonde elettromagnetiche. “Il 4 giugno, così come è stato lo scorso 4 aprile a Comiso e il 19 maggio a Vittoria, ricorderemo attivamente il sacrificio di Pio la Torre e Rosario Di Salvo, vittime del connubio mafia-militarizzazione”, spiega Irene C. del Movimento No MUOS di Niscemi. “Dalla realizzazione della base nucleare di Comiso all’espansione dello scalo di Sigonella, l’infiltrazione nei lavori delle grandi organizzazioni criminali è stata una costante. Ciò sta avvenendo nella più totale impunità pure per i lavori di realizzazione del sistema satellitare di Niscemi”. Le basi in cemento armato su cui stanno per essere montate le maxiantenne del MUOS portano la firma della Calcestruzzi Piazza Srl, un’azienda locale che a fine 2011 è stata esclusa dall’albo dei fornitori di fiducia dell’amministrazione provinciale di Caltanissetta e del Comune di Niscemi. I provvedimenti sono stati decisi dopo che la Prefettura, il 7 novembre, aveva reso noto che a seguito delle verifiche disposte dalle normative in materia di certificazione antimafia erano “emersi elementi tali da non potere escludere la sussistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi della società”. Secondo quando evidenziato dal sen. Giuseppe Lumia (Pd), il titolare de facto, Vincenzo Piazza, apparirebbe infatti “fortemente legato al noto esponente mafioso del clan Giugno-Arcerito, Giancarlo Giugno, attualmente libero a Niscemi”. Ciononostante, le forze armate italiane e statunitensi non hanno ritenuto di dover intervenire per revocare il subappalto alla Calcestruzzi Piazza. L’1 aprile 2012, i titolari dell’azienda hanno deciso di rispondere ai presunti “detrattori”. Con un colpo ad effetto, hanno annunciato la chiusura dell’azienda e il licenziamento degli otto dipendenti con contratto a tempo indeterminato. “Dobbiamo interrompere il rapporto di lavoro a causa dei gravi problemi economici che attraversa l’azienda per la mancanza di commesse”, ha spiegato uno dei titolari. I responsabili? “Alcuni giornalisti e i soliti professionisti antimafia che infangano il nostro buon nome”. Lunedì 7 maggio, mentre a Niscemi erano ancora aperte le urne per il rinnovo del consiglio comunale, uno dei Piazza ha minacciato in piazza di darsi fuoco con la benzina. Al centro delle invettive, sempre gli stessi cronisti “calunniatori” e gli “invidiosi” per la commessa militare.

Da quando No MUOS significa No Mafia, il clima in città è tornato a farsi pesante. E la Carovana assume il compito di portare solidarietà a tutti quei giovani che sognano ancora una Niscemi libera dalle basi di guerra e dalla criminalità.

Antonio Mazzeo

CG

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

Catania: i film di Giugno all’Arena Argentina

Il venerdì 1 giugno 2012

Catania: i film di Giugno all’Arena Argentina

http://www.cinestudio.eu/arena-argentina-programma-giugno/

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Flash}

“Non si svolgerà la parata militare del 2 giugno"

Il mercoledì 30 maggio 2012

“Non si svolgerà la parata militare del 2 giugno Roma. La parata militare del 2 giugno, quest’anno, non si svolgerà. Lo ha comunicato il ministro della difesa Forlani, con una nota ufficiale. La decisione è stata presa a seguito della grave sciagura del Friuli e per far si che i militari e i mezzi di stanza al nord siano utilizzati per aiutare i terremotati anziché per sfilare a via dei Fori imperiali.” 11 maggio 1976

Via: http://3nding.tumblr.com/

Vedi online: 3nding.tumblr.com

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Flash}

Sidra, la vertenza continua

Il domenica 27 maggio 2012

Si è tenuta ieri mattina la conferenza stampa del circolo Città Futura PRC – FdS sulla questione della mancata restituzione agli utenti Sidra del canone « fognature e depurazione ». Maria Merlini, segretaria del circolo, ha brevemente ripreso le varie tappe della vicenda: questo canone – riscosso dalla Sidra dal 2006 al 2008, raddoppiando le bollette – è stato dichiarato illegittimo dalla sentenza n.335/2008 della Corte Costituzionale nel caso di abitazioni la cui rete fognaria non sia collegata ad un depuratore, cioè – per quanto riguarda Catania – per l’80% degli utenti. Già all’indomani della sentenza il circolo Città Futura, che fin dall’inizio aveva denunciato l’iniquità della riscossione di questo canone, si era subito attivato per permettere ai cittadini di chiedere alla Sidra il rimborso delle somme riscosse illegittimamente, consegnando moltissime richieste formali di rimborso agli uffici della società. Un provvedimento normativo del 2009 ha imposto la restituzione del canone entro il 2013, previa autorizzazione degli ATO. Ma nonostante l’ATO competente abbia deliberato già nel 2010 la restituzione del canone, quantificandone l’ammontare complessivo in quasi 2 milioni e mezzo di euro, la Sidra non ha ancora restituito nulla agli utenti, nascondendosi dietro un ipotetico conflitto di attribuzione tra l’ATO, la Sidra ed il Comune di Catania, che della Sidra è unico azionista. Per questa ragione il circolo Città Futura nei giorni scorsi ha incontrato il Prefetto di Catania, che ha dichiarato che si attiverà immediatamente contattando i tre soggetti interessati, affinchè venga fatta chiarezza sulla vicenda e vengano finalmente restituite ai cittadini le somme illegittimamente loro imposte. A conclusione della conferenza stampa, Luca Cangemi – del coordinamento nazionale della Federazione della Sinistra – ha denunciato come l’atteggiamento della Sidra sia ancor più inaccettabile in un contesto di grave crisi economica ed occupazionale, in cui la restituzione di queste somme indebitamente riscosse potrebbe dare un pur piccolo sollievo ai cittadini, già alle prese con l’aumento di altre tasse e servizi come la TARSU e l’IMU, annunciando che in mancanza di una rapida soluzione della vicenda il circolo Città Futura organizzerà un’azione legale degli utenti per pretendere dalla Sidra quanto dovuto.

http://circolocittafutura.blogspot.it/2012/05/sidra-la-vertenza-continua.html

Vedi online: http://circolocittafutura.blogspot....

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

31 maggio Catania circolo città futura ore 19,30: inaugurazione mostra ORGOGLIOSE R/ESISTENZE

Il venerdì 25 maggio 2012

giovedì 31 maggio, dalle ore 19,30, al circolo città futura, via Gargano 37 Catania inaugurazione della mostra, a cura del collettivo LGBTQ IbrideVoci, ORGOGLIOSE R/ESISTENZE: 18 anni di movimento gay/lesbo/trans/queer a Catania videoproiezione "Orgogliosa Resistenza: volti e corpi del Pride", foto di Alberta Dionisi AperiCena... una serata di incontro e socialità con bar e buffet a volontà a prezzi anticrisi

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

martedì 29 maggio ore 19 seminario su "Attacco al valore legale del titolo di studio e distruzione dell’università pubblica"

Il venerdì 25 maggio 2012

ATTACCO AL VALORE LEGALE DEL TITOLO DI STUDIO E DISTRUZIONE DELL’UNIVERSITÀ PUBBLICA

Seminario di approfondimento

martedì 29 maggio ore 19 via Gargano 37

Coordina:

Luca Cangemi (segretario circolo PRC Olga Benario)

Intervengono:

Giuliana Barbarino (collettivo Gatti Fisici);

Nunzio Famoso (già preside Facoltà di Lingue);

Felice Rappazzo (docente Università di Catania);

Chiara Rizzica (coordinamento precari della ricerca)

Circolo Olga Benario

Rifondazione Comunista – FdS

Via Gargano, 37 Catania

Fb: PRC Catania Olga Benario - circolo.olgabenario@libero.it

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

Giovedi’ 24 Maggio ore 18:30, Catania, la Feltrinelli presenta: Chi ha ucciso Pio La Torre?

Il mercoledì 23 maggio 2012

la Feltrinelli Libri e Musica

Giovedi’ 24 Maggio

alle ore 18

presso il bistrot de la Feltrinelli Libri e Musica

di via Etnea 285 a Catania

PAOLO MONDANI

e

ARMANDO SORRENTINO

presentano

CHI HA UCCISO

PIO LA TORRE?

Omicidio di mafia o politico?

La verità sulla morte

del più importante dirigente comunista assassinato in Italia

CASTELVECCHI

intervengono

ADRIANA LAUDANI

e

PINELLA LEOCATA

inoltre ha assicurato la sua presenza

il Procuratore della Repubblica di Catania

GIOVANNI SALVI

Pio La Torre viene ucciso il 30 aprile 1982. Indagini farraginose e un lunghissimo processo indicheranno come movente dell’omicidio la proposta di legge sulla confisca dei patrimoni mafiosi, di cui era stato il più deciso sostenitore. Esecutore: Cosa Nostra. Un movente tranquillizzante. Un mandante rimasto nell’ombra. In realtà, con la morte di La Torre si compie un ciclo di grandi omicidi politici iniziati con l’uccisione, nel 1978, di Aldo Moro e proseguito, nel 1980, con la soppressione di Piersanti Mattarella, presidente democristiano della Regione Sicilia. Uomini che volevano un’Italia libera dal peso della mafia politica e dall’influenza delle superpotenze. Dalle carte dei servizi segreti risulta che La Torre viene pedinato fino a una settimana prima della morte. Nel 1976, la sua relazione di minoranza alla Commissione parlamentare Antimafia passerà alla storia come il primo atto di accusa contro la Dc di Lima, Gioia, Ciancimino e la mafia finanziaria. Nel 1980, in Parlamento non teme di “spiegare” l’omicidio Mattarella con il caso Sindona e con la riscoperta di una vocazione americana della mafia siciliana. È La Torre a conoscere i risvolti più segreti dell’attività del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa; a comprendere il peso della P2; a intuire la posta in gioco con l’installazione della base missilistica Usa a Comiso; a intravedere, con nove anni di anticipo, il peso di strutture come Gladio. Raccoglie e riceve documenti riservati, appunta tutto in una grande agenda: di questo non si troverà nulla. Nei mesi che precedono il suo assassinio, La Torre torna in Sicilia a guidare il Pci fuori dalle secche del consociativismo, nel tormentato tentativo di ridare smalto a un partito spento. Trent’anni dopo l’omicidio, l’esperienza complessa e straordinaria di La Torre spiega molto delle sorti attuali della sinistra e della democrazia nel nostro Paese. E, per la prima volta, si cerca di leggere in controluce un delitto colmo di episodi per troppo tempo tenuti all’oscuro.

Paolo Mondani è giornalista d’inchiesta. Nel 1997 ha collaborato agli Speciali di Raidue. Sempre per la Rai ha lavorato come inviato per Circus, Raggio Verde, Sciuscià, ed Emergenza Guerra. Nel 2003 è stato coautore di Report insieme a Milena Gabanelli. Nel 2006 è stato a fianco di Michele Santoro in AnnoZero. Dal 2007 è di nuovo firma di punta di Report su Raitre. Tra le suo pubblicazioni «Soldi di famiglia» (Rizzoli).

Armando Sorrentino è avvocato. E’ stato il legale della parte civile Pci-Pds nel processo per l’uccisione di Pio La Torre e di Rosario Salvo. Ha rappresentato la parte civile nei processi per la Strage di Capaci e nel «Borsellino ter». Inizia l’attività negli uffici legali della Cgil, a lungo militante e dirigente locale del Pci-Prs, oggi è impegnato nell’Anpi e con l’Associazione dei Giuristi Democratici.

Grazie e a ritrovarci

Sonia Patanìa

Sonia Patanìa
 Responsabile Comunicazione e Eventi
 La Feltrinelli Libri e Musica
 via Etnea 285, Catania
 eventi.catania@lafeltrinelli.it

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Flash}

Un tentativo di strage: comunicato stampa UDI

Il martedì 22 maggio 2012

Comunicato stampa

19 maggio 2012 – Italia Scuola Morvillo-Falcone

Un sabato mattina di primavera: attentato in istituto professionale di Brindisi - Una morta, un’altra in pericolo di vita, altre ferite e feriti.

Un tentativo di strage …

Una strage di giovani che andavano a imparare in un istituto professionale di tecnica, di moda.

Un istituto frequentato prevalentemente da giovani donne.

Altissimo è il valore simbolico della scelta del luogo, una scuola dove le giovani vanno ad apprendere conoscenze e costruire saperi per lavorare e costruirsi una vita libera e migliore. Significa tante cose la scelta del luogo, basta volerli vedere tutti questi significati, come li ha visti chi ha preparato l’attentato.

Qualunque sia la matrice, qualsiasi possa essere la valenza politica sia di attacco alle istituzioni, o terrorismo di vario stampo, una cosa è certa, che la conta delle morti violente di giovani donne subisce un aumento repentino nel panorama miserevole dei femminicidi quasi quotidiani in ogni parte d’Italia. Che la violenza spietata e disumana, singola o collettiva che sia, si manifesta ancora una volta.

Comunque la si voglia chiamare, questa è la cronaca della arretratezza di un paese che si annovera fra le potenze economiche mondiali, e che si ammanta di una democrazia di cui le donne non possono usufruire né in casa né fuori casa.

Quante sono le morti violente delle donne ogni anno? Nel 2012 in aumento progressivo e, nell’insieme, ogni anno centinaia, una strage che è solo la punta dell’iceberg della violenza maschile. Violenza a cui si aggiunge questa che crea lutto, dolore e terrore in tutto il paese. Paura che entra nelle coscienze perché abbatte uno degli ultimi luoghi, la scuola, considerati generalmente sicuri. Bisogna fermare questa violenza singola e collettiva.

Bisogna porre argine in ogni modo alla strage, prima, durante e dopo qualsiasi indagine o summit.

Non è più tempo di parole e di opinioni, è tempo di scelte, rimedi e di coscienza civile.

Un intero anno abbiamo passato con l’UDI, in tante e tante in tutta Italia con la Staffetta di donne contro la violenza sulle donne, da 25 novembre 2008 al 25 novembre 2009. Su, su dalla Sicilia alla Lombardia.

Fino all’ONU, a New York siamo andate. E ancora siamo qui a fare la conta delle morte e ferite, senza una legge, senza un allarme, senza prevenzione, senza contrasto, senza nessun tentativo di modificare seriamente la cultura della violenza individuandone le radici storiche e politiche.

In poche parole senza alcun intervento adeguato di chi ci rappresenta, amministra ed emana leggi.

Le nostre istituzioni dovrebbero condividere con noi il nostro perenne lutto, e devono riconoscere la nostra grande generosità di donne che sempre collaborano e sopportano nella speranza di una pace meritata. Devono riconoscere l’ingiustizia della condizione di terrore quotidiano in cui siamo costrette a vivere, e devono trovare sempre i colpevoli e garantire una pena certa, devono adoperarsi a promulgare leggi di contrasto e prevenzione alla violenza, di qualsiasi forma e tipo. Perché è un guadagno per tutte e tutti.

Quante volte ancora dovremo piangere vite di donne spezzate per capriccio o per esercizio arbitrario di un potere personale o collettivo, che in Italia purtroppo è ancora monopolio del genere maschile?

Il dolore per Melissa e le altre ragazze e ragazzi è indicibile e può essere espresso solo in parte con la condivisione del terribile dolore dei loro genitori, degli insegnanti e di tutti coloro che riconoscono il valore della vita umana.

UDI Unione Donne in Italia

Sede nazionale Archivio centrale Via dell’Arco di Parma 15 - 00186 Roma Tel 06 6865884 Fax 06 68807103 udinazionale@gmail.com www.udinazionale.org

“Io non compro Golden Lady, Omsa, SiSi, Filodoro, Philippe Matignon, NY Legs, Hue, Arwa fino a quando tutte le operaie OMSA - Faenza non verranno riassunte”

{Consultare} la breve con il forum.


Rubrica : {Eventi in giro}

Un mito antropologico televisivo, di Maria Helene Bertino, Dario Castelli e Alessandro Gagliardo Catania, mercoledì 9 maggio 2012, ore 21 ZO centro culture contemporanee

Il lunedì 21 maggio 2012

“L’Italia che non si vede” Rassegna di cinema del reale

Un mito antropologico televisivo, di Maria Helene Bertino, Dario Castelli e Alessandro Gagliardo Catania, mercoledì 9 maggio 2012, ore 21 ZO centro culture contemporanee

Martedì 22 maggio, alle ore 21, presso il centro culture contemporanee ZO, quinto e ultimo appuntamento con “L’Italia che non si vede”, rassegna nazionale di cinema del reale promossa a Catania dall’officina culturale South Media (circolo UCCA). In programma, per la sezione “Le immagini perdute”, “Un mito antropologico televisivo”, un film nato attraverso il lavoro e la ricerca di malastradafilm film, pensato, discusso e montato da Helene Bertino, Dario Castelli e Alessandro Gagliardo.

Presentato con successo all’ultima edizione del Torino Film Festival, nella sezione Italiana.doc, Menzione Speciale “Premio UCCA Venticittà”, Un mito antropologico televisivo è un film pretesto pensato per introdurre nel dibattito culturale l’idea di antropologia televisiva, intesa come chiave di lettura di un racconto popolare non ancora affrontato dalla storiografia, nonché strumento di ricostituzione di comunità attraverso la visione della televisione come soggetto di narrazione. In mezzo un patrimonio enorme custodito da centinaia di piccole emittenti che passo dopo passo gli autori stanno cercando di recuperare, conservare e pubblicare.

Attraverso l’uso di riprese video realizzate tra il 1992 e il 1994 (periodo chiave per la storia siciliana e italiana) e provenienti da una televisione locale della provincia di Catania il racconto televisivo penetra nella storia popolare di una nazione per comporre così il quadro delle sue difficoltà, descrivendone la sua natura più profonda. La telecamera coglie frammenti di quotidiano e li restituisce dopo anni ancora carichi della loro capacità di descrivere la nostra società, invitandoci a mettere in atto una lettura antropologica della narrazione televisiva.

Ufficio stampa: info@southmedia.it 349 1549450 www.southmedia.it

CG

{Consultare} la breve con il forum.



Ricerca nel sito di Girodivite :

{Girodivite - Segnali dalle citta’ invisibili} {Mappa del sito}