Logo Girodivite: vai a notizie sulla redazione
articolo d'archivio di Girodivite mensile delle città invisibili

***** ***
Girodivite - n° 57 / ottobre 1999 - Politica

Girobufale 1999


La redazione di Girodivite ha avuto molti dubbi al riguardo. Sulla faccenda in sé non abbiamo mai avuto dubbi. Una bufala è una bufala. Crediamo non ci sia giornalista in Italia che non sia convinto della bufalità del caso. Ma è anche vero che i giornali debbono vendere e l'anticomunismo in Italia si vende ancora molto.

In realtà, a leggere i titoli delle prime pagine dei giornali di questi giorni sembra di leggere titoli e giornali degli anni Cinquanta e Sessanta. Ma allora si era in pieno maccartismo. Oggi "non si capisce".

"Guarda, documenti di questo tipo noi non li prendiamo neppure in considerazione" mi dice un giovane ma valente storico. In effetti, anche dal punto di vista storico si tratta di documenti di nessuna attendibilità. Qualche anno fa il mondo dei rotocalchi europei fu "interessato" dal caso dei "diari di Hitler". Ma allora, perché tanto séguito?

Che in Italia si stia giocando una lotta all'ultimo sangue, su questo non abbiamo dubbi. La posta in gioco è chi debba "guidare" la "modernizzazione". Perché poi sulle caratteristiche di questa "modernizzazione", a chi debbono andare le risorse, chi debba continuare a stare a galla e chi debba andare sotto, su queste cose i giocatori sono d'accordo. Ma si sa, la torta è piccola, e ognuno vuole la sua fetta. Il gruppo dei giocatori, anche se ristretto è più numeroso dei posti disponibili. I poverini debbono fare i conti con la restrizione delle risorse e la flessibilità ovvero la disoccupazione nel mondo del lavoro dei politici di professione.

I dubbi della redazione andavano in altra direzione. Pubblicare il testo della bufala a che serve? Non facciamo anche noi il gioco di partecipare al polverone sollevato per nascondere la realtà della posta in gioco (e la realtà della situazione politica e sociale reale)? E' anche vero tuttavia che non basta dire: "è una bufala". Facciamo parte di quella strana tipologia di persone che prima di dire una cosa cercano (per quanto è possibile) di documentarsi. Può dire "è una bufala" chi quel documento l'ha letto. Per questo ci siamo risolti a mettere a disposizione il "documento" (che documento non è: il termine di "documento" è cosa seria che le pagine diffuse non meritano).

Documento di una breve stagione della vita politica italica, tra un singulto di finanziaria e l'altra, nella guerra dei dossier che, in politica, è tra le cose più sporche che si possa fare.

Il lettore troverà dunque nel nostro Dossier Bufale 1999 oltre a questo nostro intervento (Girodivite è solo in piccolissimo gruppo, non crediamo che a qualcuno possa fregare niente di quello che pensiamo noi, non certamente i potenti che si scrivono i dossier come gli innamorati lettere d'amore), un intervento che riteniamo molto giusto di Luigi Pintor, apparso su "il Manifesto" il 13 ottobre, che qui riprendiamo perché un quotidiano a "tempo di vita media" un giorno e poi le cose che pubblica rischiano di essere dimenticate (e noi non vogliamo dimenticare, vorremmo che i nostri lettori non dimentichino...), e il testo delle schede così come è stato diffuso dall'Agenzia stampa ANSA italiana, nel suo prezioso sito web.


Released online: October, 1999

Vai a inizio paginaVai alla Homepage


Giro di Vite, 1994-1999 - E-mail: giro@girodivite.it

******July, 2000
 
© 1994-2004, by Girodivite - E-mail: giro@girodivite.it