Epilogo / di Giovanni Paolo II

[Poesia tratta dal “Trittico romano” e scritta da Giovanni Paolo II]
di Redazione Antenati - sabato 2 aprile 2005 - 5246 letture

E proprio qui, ai piedi di questa stupenda policromia sistina,
si riuniscono i cardinali -
una comunità responsabile per il lascito delle chiavi del Regno.
Giunge proprio qui.
E Michelangelo li avvolge, tuttora, della sua visione.
"In Lui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo..."

Chi è Lui?
Ecco, la mano creatrice dell’Onnipotente Vecchio, diretta verso Adamo...
Al principio Dio ha creato...
Costui che vede tutto...

La policromia sistina allora propagherà la Parola del Signore:
Tu es Petrus - udì Simone, il figlio di Giona.
"A te consegnerò le chiavi del Regno".
La stirpe, a cui è stata affidata la tutela del lascito delle chiavi,
si riunisce qui, lasciandosi circondare dalla policromia sistina,
da questa visione che Michelangelo ci ha lasciato -
Era così nell’agosto e poi nell’ottobre, del memorabile anno dei due conclavi,
e così sarà ancora, quando se ne presenterà l’esigenza dopo la mia morte.
All’uopo, bisogna che a loro parli la visione di Michelangelo.
"Conclave": una compartecipata premura del lascito delle chiavi, delle chiavi del Regno.
Ecco, si vedono tra il Principio e la Fine,
tra il Giorno della Creazione e il Giorno del Giudizio.
E’ dato all’uomo di morire una volta sola e poi il Giudizio!

Una finale trasparenza e luce.
La trasparenza degli eventi -
La trasparenza delle coscienze -
Bisogna che, in occasione del conclave, Michelangelo insegni al popolo -

Non dimenticate: Omnia nuda et aperta sunt ante oculos Eius.
Tu che penetri tutto - indica!
Lui additerà...

[poesia tratta dal “Trittico romano” e scritta da Giovanni Paolo II]


Rispondere all'articolo - Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> Epilogo / di Giovanni Paolo II
11 aprile 2005

solo bellaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
Epilogo / di Giovanni Paolo II
12 luglio 2006

Grazie, Santo Padre Karol. Grazie, Papa Benedetto. Grazie, Spirito Santo che sei Dio. Illuminaci ora e nell’ora della nostra morte. Illuminaci sino alla fine del tempo. Tua e nostra è l’eternità. Per Mariam ad Iesum.