Antonio Beccadelli il Panormita

Antenati Storia della letteratura europea - Torna in homepage


Antonio Beccadelli il Panormita


Antonio Beccadelli fu detto "il Panormita" perché nato a Palermo, nel 1394 (morì nel 1471). Fu allievo di Barzizza a Padova. Fu lui a fondare a Napoli l'Accademia "Porticus Antoniana" che fu poi detta Pontaniana in onore di Pontano.


L'"Hermaphroditus" (1425) è la sua opera più famosa, una raccolta di ottanta epigrammi in latino, che rinnovano l'erotismo spregiudicato e disinvolto di Catullus e di Martialis. Scrisse anche "Epistole galliche" (Epistulae gallicae) e "Epistole campane" (Epistulae campanae) che furono pubblicate nel 1474, e un "Detti e fatti di re Alfonsus" (De dictis et factis Alphonsi regis).


Italia nel XV secolo

[1997]


Homepage | Dizionario autori | Autori aree linguistiche | Indice storico | Contesto | Novità
 [Up] Inizio pagina | [Send] Invia a un amico | [Print] Stampa | [Email] Mandaci una email | [Indietro]
Europa - Antenati - la storia della letteratura europea online - Vai a inizio pagina  © Antenati 1984-2014, an open content project