José Cadalso

Antenati Storia della letteratura europea - Torna in homepage


José Cadalso


José Cadalso nacque a Cadice nel 1741 (morì a Gibilterra nel 1782). Visse in prevalenza a Madrid, frequentando circoli illuministici (come la Fonda de San Sebastián). Le cose migliori che scrisse furono "Gli eruditi alla violetta" (Los eruditos a la violeta, 1772) vivace satira della falsa dottrina accademica, e "Lettere marocchine" (Cartas marruecas, pubbl.1793) viaggio attraverso i mali del paese sull'esempio delle "Lettere persiane" di Montesquieu. Cadalso fu un riformatore, introdusse nella cultura degli "afrancesados" l'esigenza di una prospettiva nazionale e di una rigorosa osservazione d'ambiente. Inaugurò un genere saggistico a sfondo socio- politico affermatosi poi nella produzione "costumbrista" del XIX e XX secolo, da Larra a Ganivet. Si accostò a modi pre-romanticisti-sepolcrali nelle tre Notti lugubri (Noches l˙gubres, pubbl.1789-1790) celebrazione e congedo in forma drammatica della passione amorosa cui aveva dedicato anni prima le liriche classicheggianti degli Ozii della mia giovinezza (Ocios de mi juventud, 1773).  



[1997]


Homepage | Dizionario autori | Autori aree linguistiche | Indice storico | Contesto | Novità
 [Up] Inizio pagina | [Send] Invia a un amico | [Print] Stampa | [Email] Mandaci una email | [Indietro]
Europa - Antenati - la storia della letteratura europea online - Vai a inizio pagina  © Antenati 1984- , an open content project