Sei all'interno di >> GiroBlog | L’Uomo Malpensante |

Vito Mancuso "Il Bisogno di Pensare" (Garzanti)

Scoprire cosa veramente voglio è essenziale per scoprire chi veramente sono.
di Emanuele G. - lunedì 12 febbraio 2018 - 1703 letture

Un libro "pensante" quello dato alle stampe da Vito Mancuso. "Pensante" poiché l’attività del pensare non è da ascrivere al mero bisogno fisiologico (in altri termini "necessità"), bensì al piacere. E’ un piacere - il pensare - per un semplice motivo: aiuta a definire meglio la nostra personalità e la qualità della vita.

Partendo da questa considerazione l’autore ci accompagna come novello Virgilio in un meraviglioso e incomparabile viaggio all’interno dell’attività del pensare. Un viaggio non strutturato secondo canoni filosofici vieppiù estranei a chi non mastica silloge o aporie. Concetti non certo facili vengono resi "cristallini" in virtù di una prosa avvicente, chiara e che trascina il lettore simile a una canoa nei flutti di un fiume vivace.

I temi affrontati da Vito Mancuso sono al dir poco affascinanti perché riflettono sulla cosa che abbiamo più cara: la nostra stessa vita. Attraverso il viaggio in seno al pensiero l’autore in realtà ci racconta della vita in tutti i suoi colori.

Pensare non è affatto un’attività slegata dai sentimenti. Anzi... Lo stesso autore precisa "pensare con il cuore". Per il semplice motivo che l’azione del pensare provoca in noi continui e molteplici sentimenti.

Altresì pensare significa avviare il processo di comprensione di cose che a un primo acchito non ci sembrano afferenti a noi e, pertanto, estranee, distanti, sconosciute e incomprensibili.

Pensare è speculare ai nostri desideri e ai nostri sogni. Non potrebbe essere altrimenti. Pensare, desideri e sogni sono aspetti della nostra vita e il pensare è la luce che illumina ogni passo della vita capendone la consistenza e il valore.

Il pensare, indi, è azione propedeutica all’azione. Guai ad agire senza pensare. Pensare è quella molla che permette all’azione di tendere al bene. Il pensiero è un’attività positiva proprio perché legata al concetto del bene o - come avrebbero chuisato gli Scolastici - al "pro bonum".

"Il Bisogno di Pensare" è uno straordinario libro di filosofia pratica essendo fortemente legato ai diversi aspetti della nostra vita. E’ un libro che insegna a noi il valore inestimabile della coscienza che è il risultato dell’azione del nostro pensiero. Coscienza dove si assommano discernimento e cuore.

Un libro da leggere? Altro che! Dovrebbe essere addottato come testo integrativo nelle ultime classi di insegnamento della filosofia. "Il Bisogno di Pensare" è un libro che arricchisce in tutti i sensi il nostro essere.

Breve scheda sull’autore

Vito Mancuso è un teologo italiano. È stato docente di Teologia moderna e contemporanea presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano dal 2004 al 2011; dal 2013 al 2014 è stato docente di "Storia delle dottrine Teologiche" presso l’Università degli Studi di Padova, mentre dal 2009 collabora con il quotidiano “La Repubblica”. I suoi scritti hanno suscitato notevole attenzione da parte del pubblico, in particolare "L’anima e il suo destino" (Raffaello Cortina, 2007),"Io e Dio Una guida dei perplessi" (Garzanti, 2011), "Il principio passione La forza che ci spinge ad amare" (Garzanti 2013), "Dio e il suo destino" (Garzanti 2015), quattro bestseller da oltre centomila copie con traduzioni in altre lingue e una poderosa rassegna stampa, radiofonica e televisiva. Il suo pensiero è oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia in campo etico sia in campo strettamente dogmatico. Il suo ultimo libro è "Il bisogno di pensare" (Garzanti Editore, ottobre 2017).

Fonte: sito ufficiale dell’autore.

- Sito ufficiale di Vito Mancuso:

Vito Mancuso

- Foto:

La foto di copertina ci è stata fornita dalla casa editrice


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -