Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Visti e Sentiti in Giro, vol II, comunicazioni sonore dal Luglio siciliano

In Sicila si sta vivendo un’estate in musica, cosa che mancava da ormai molto tempo, sui palchi dell’isola siamo andati ad ascoltare Vinicio Caposella, i BlondeRedhead,i Marlene Kuntz, il festival raggae Ramajca, e Francesco Renga. Luglio ci ha regalato queste sonorita, Agosto ne promette di nuove...

di Tano Rizza - mercoledì 4 agosto 2004 - 6543 letture

LA SEZIONE musicale di Girodivite non è andata assolutamente in vacanza, anzi, con l’entrata della stagione calda si sono moltiplicati gli eventi da segnalare e seguire.

Il mese di Luglio, in Sicilia, ha regalato momenti musicali che nulla hanno da invidiare alla scena musicale d’oltre stretto. Si sono svolti, e nella maggior parte dei casi, sono ancora in corso d’opera iniziative musicali di primissimo piano che hanno finalmente visto protagonista la nostra regione.

Esempi di queste iniziative sono, il 1°Sud folk fest alla Mangiatoia di Vittoria ( Rg), KALS’ART in Palermo, TribeMusicFestival sempre a Palermo, EtnaFest a Catania, OrtigiaFestival a Siracusa, Ramajca a Ramacca...

GdV ha selezionato questi cinque eventi da raccontare a voi lettori, eventi che hanno visto protagonisti grossi nomi della scena musicale e che hanno richiamato un foltissimo pubblico. In ordine strettamente cronologico abbiamo VISTO e SENTITO:

VINICIO CAPOSELLA, ha fatto capolino a Siracusa, ma solo per poche ore. L’11 Luglio all’interno del IX Premio Letterario intitolato ad Elio Vittorini, Vinicio ha intrattenuto la platea dello stupendo Castello Maniace. Lo ha fatto solo per pochi minuti, leggendo alcuni "passi" del suo libro e suonando un paio di brani.

Ospite della serata, Vinicio e sembrato non contentissimo del poco spazio riservatogli dall’organizzazione, il pubblico è rimasto ad ogni modo incantato dalle sue parole e dalle sue note che sanno un po’ di poesia. Un ritorno, il suo, gradito da Siracusa che lo aspetta però per un suo intero concerto che speriamo non sia troppo lontano nel tempo.

BLONDE REDHEAD, a Palermo per la serata inaugurale del Kals’Art, il trio newyorkese ha trascinato per un’ora e mezza d’intensissimo live i numerosissimi presenti a Piazza Mangione. Band che vanta un seguito a livello mondiale, i BlondeRedhead, hanno offerto al pubblico palermitano le loro sonorità rock fatte d’emozioni pesanti tradotte in musica. Suoni noise, ma non solo, un mix che spazia dal jazz al pop, farcito ed arricchito da chitarre sempre graffianti e suoni infiniti e tirati allo stremo.

Nel capoluogo isolano presentano il loro ultimo album " Misery is a butterfly" prodotto da Guy Picciotto già leader dei Fugazi, altra band americana di livello sicuramente superiore. Il live risulta inteso ed innovativo, suoni sconosciuti alla maggior parte dei presenti che hanno imparato ben presto ad apprezzare i BlondeRedhead.

MARLENE KUNTZ, un capitolo a parte merita la band di Cuneo. Chi pensa che il rock, quello massiccio, in Italia sia cosa morta e sepolta non ha mai assistito ad un live dei Marlene.

La band si conferma mostro sacro del rock alternativo, una delle poche realtà che ancora distribuisce suoni duri senza giri di parole. Due ore d’inteso live che convincono i presenti. Il concerto abbraccia tutta la discografia dei Marlene, estraggano sapientemente i loro pezzi più travolgenti partendo da Sonica ed andando a finire ad improvvisazioni noise. Un muro di suono che spazza via le critiche, di chi, affermava che i Marlene avessero preso la strada del pop.

Questi critici, poco lungimiranti, sbagliavano di grosso e invitiamo loro ad un qualsiasi concerto M.K. In scaletta pezzi che hanno segnato la storia del rock italiano degli ultimi dieci anni, pezzi de Il Vile, Catartica, Che cosa Vedi, Ho Ucciso paranoia e Senza Peso, un live, quindi, che abbraccia tutta la loro discografia per un concerto che resterà a lungo nelle memorie dei presenti.

RAJACA. Si è tenuta a Ramacca il 24 Luglio, una bella convetion Reggae. Dopo la scomparsa del Sikula Reggae Festival, gli appassionati di musica Reggae siciliani si sono dati da fare per non far mancare questo genere di "Vibrazioni".

Dalle costole del più noto Festival nascono, cosi, una moltitudine di modi per far vivere e sopravivere il reggae targato Sicilia. Un party non stop della durata di 20 ore che ha visto esibirsi sound sistem e band live.

Partecipazione alta e facce simpatiche che hanno fatto rivivere un po’ il clima che si respirava al Sikula. Sul palco da segnalare le performance di Suddabb (EN), Bass Rockers (PA), Hot Lava (CT), La famiglia (CT) subito dopo le esibizioni live tra cui: zu’Lucianu (CT), Kodidakilla (CL), Daddy King (PA), U king (PA) che fino all’alba si sono esibiti a suon di reggae e ska.

FRANCESCO RENGA, oggi Renga è un giovane cantautore che ha davanti una carriera tutta in ascesa, ieri Renga era il cantante dei Timoria rock-band con la quale ha trascorso tredici anni d’intensissima vita musicale e non solo.

A Caltagirone esprime nel suo live tutta la sua maturità artistica che lo fanno una delle voci più belle del panorama italiano. Melodico ed espressivo ha incantato il pubblico della villa comunale, il suo concerto inserito nella manifestazione "Estate a Caltagirone" ha coinvolto il pubblico che lo ha pienamente apprezzato. In scaletta pezzi dei suoi tre album da solista ma anche pezzi storici di quando era la voce dei Timoria. Bel live per Renga ormai pienamente approdato nel novero dei big della musica italiana d’autore.

Ma ci sono anche da segnalare le note stonate, difatti, nella nostra regione il fanalino di coda a livello organizzativo spetta alla provincia di Siracusa, povera di eventi degni di nota. L’abolizione del Sikula Raggae Festival ad opera dell’ammisnistazione provinciale e del comune di Rosolini rappresenta un pericolosissimo passo indietro. In una Sicilia che si fà sempre più attiva dal punto di vista musicale, Siracusa e la sua provincia impediscono la realizzione di quest’importantisima manifetsazione musicale e culturale che ormai si era imposta come appuntamento di notevole importanza a livello nazionale. Un peccato.

Tornando alla note positive, per il mese d’Agosto tante le date da seguire, occhio vivo quindi alla sezione "Eventi in Giro" di Girodivite, che vi terrà costantemente aggiornati sul da farsi. L’estate in musica siciliana continua e promette interessanti novità. Da segnalare in questa sede il MedFest di Buccheri 2004 a partire da Venerdì 20 Agosto, spostandoci in provincia di Palermo Ypsigrock Festival con la partecipazione de i Motorpsycho, a Gela poi parte l’Etno Music Festival, queste ed altre le iniziative da non farsi scappare assolutamnete...


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -