Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate |

Via per sempre i libri dagli scaffali

Petizione "Salviamo la libreria Comunardi!"
di Redazione Zerobook - giovedì 30 maggio 2019 - 1041 letture

Qualche giorno fa l’amara notizia è diventata ufficiale: a partire da settembre un supermercato Pam Local prenderà il posto della storica libreria Comunardi, da oltre quarant’anni punto di riferimento culturale della città di Torino. Non possiamo permettere che ciò accada, c’è ancora qualche mese per darsi da fare e Paolo, il titolare, non ha intenzione di arrendersi. Firma ora per salvare la libreria!

La libreria Comunardi di via Bogino n°2 non è un semplice esercizio commerciale situato nel cuore di Torino. La libreria Comunardi è un punto di riferimento insostituibile per tutti gli appassionati di cinema, fumetti e saggistica sociologico-politica da oltre trent’anni.

Questo prezioso spazio di cultura rischia di chiudere a settembre: la società proprietaria dei muri - Crab Holding S.p.a. - ha sfrattato la libreria, consentendo alla costruzione dell’ennesimo, triste, inutile supermercato. Il proprietario Paolo Barsi non si è lasciato intimorire dagli atti giudiziari e con l’aiuto di alcuni amici, proporrà una controfferta per acquistare i locali.

COSA POSSIAMO FARE

Siamo cittadini e cittadine - torinesi e non - che si oppongono all’omologazione commerciale che dilaga nel centro storico di Torino. Con questa petizione, vogliamo costruire una controparte popolare che obblighi moralmente la Crab Holding S.p.a. a vendere l’intera proprietà immobiliare alla libreria Comunardi.

Per raggiungere questo obbiettivo, abbiamo bisogno del tuo sostegno, di quello dei tuoi amici, dei tuoi colleghi, della tua famiglia!

Firma la petizione e condividila con l’hashtag #SAVECOMUNARDI


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -