Un secolo di storia (settembre 1970) / di Ignazio Buttitta



sabato 7 maggio 2005 , Inviato da Redazione Antenati - 3718 letture

 
Accuso i politici
di oggi e di ieri:
Crispi e compagni,
predicatori della monarchia,
beccamorti e falegnami
che inchiodarono la Sicilia viva alla croce.
 
Accuso i Savoia,
i primi e l’ultimo
re e imperatore,
fascista e italiano,
incoronato di medaglie
strappate con il sangue
dal cuore delle madri.
 
Un secolo di guerre,
un secolo di stragi:
ci sono ossa di siciliani
sotterrate nei deserti,
nella neve,
nel fango dei fiumi:
c’è sangue di zolfatari,
di zappatori,
di madri scheletri
e bambini uccisi
nelle piazze della Sicilia.
 
Non hanno voce e gridano
gli ammazzati del ’93
con le pietre nelle tasche
e la fame nelle pance vuote.
 
Non hanno voce e gridano
con il collo sotto i piedi dei baroni,
con le ossa storcigliate dal lavoro;
con la lingua di cani
e il fiato ai denti.
 
Tre giorni di macello
di mortòri e beccamorti
di lamenti e pianto
nelle case dei poveri.
 
Ci fu carne a buon prezzo
sulle tavole dei baroni ;
a buon prezzo
per i sovrani di Roma;
a buon prezzo per Crispi,
macellaio di Corte;
e Lavriano
generale e sicario
pagato a giornata.
 
Li abbiamo qui
ancora qui
con le stesse facce
e il cuore di selvaggi
gli scanna-popolo;
gli lecchiamo i piedi,
gli diamo il voto,
le unghie per scorticarci,
la corda per impiccarci;
la mazza e l’incudine
per romperci le ossa.
 
L’abbiamo qui
ancora qui la mafia,
seduta sui banchi degli imputati
a dettare legge;
a scrivere sentenze di morte
con le mani che sanguinano.
 
Li abbiamo qui
i compari della mafia
con le mani pulite,
i fabbri di chiavi false,
gli spoglia altari con la croce sul petto;
dove posano i piedi secca l’erba,
secca l’acqua
spuntano spine e lacrime per la Sicilia.
 
Li abbiamo qui
gli affamati del potere;
gli affamati di carne cruda,
che credono la Sicilia
un porco scannato
e le spolpano le ossa.
 
Se sei siciliano
alza il braccio,
apri la mano:
cinque bandiere rosse,
cinque!
Accendi la polveriera del cuore!
 
Se sei siciliano
fatti la voce cannone,
il petto carro armato,
le gambe cavalli di mare:
annega i nemici della Sicilia!
 
Li abbiamo qui e cantano
gli usignoli ammaestrati
che aggiungono lagrime d’inchiostro
alle lagrime della Sicilia,
e stornellano il miserere
a gloria dei padroni.
 
Cantano odi al sole
al cielo
al mare
alla zagara,
e portano la Sicilia sul trono
col velo nero
di mal maritata.
 
Il forno avvampa
e buttano cenere a palate,
incapaci d’impastare
i cuori dei siciliani
e farne uno a tre punte
tredici volte più grande della Sicilia.
 
La Sicilia non ha più nome
né casa e paese;
ha i figli sparsi per il mondo
sputati come cani,
venduti all’asta:
soldati disarmati
che combattono con le braccia.
 
Con le braccia
i rami verdi della Sicilia
rimescolano la terra,
rompono le zolle,
seminano
e fanno orti e giardini.
 
Con le braccia,
fabbricano palazzi,
costruiscono scuole,
ponti,
officine
e aeroporti.
 
Con le braccia,
le api da miele della Sicilia
aprono strade,
perforano montagne,
svuotano la pancia della terra.
 
Con le braccia,
i soldati senza patria,
gli stracciati,
le carni senza lardo
vestono d’oro i porci di fuori.
 
Li chiamano terroni,
zingari,
piedi fetenti;
e hanno i figli e le madri
che contano i giorni
con gli occhi bagnati;
e questo cielo che bacio,
e questa terra che tocco
e mi canta nelle mani;
e secoli di civiltà
sotto i piedi.
 
La Sicilia non ha più nome;
ma milioni di sordi e di muti
sprofondati in un pozzo
che io chiamo e non sentono,
e se allungo le braccia
mi mordono le mani.
 
Io gli calerei le corde delle vene,
le reti degli occhi
per tirarli dal pozzo;
perché qui sono nato
e parlo la lingua di mio padre;
e i pesci
gli uccelli
il vento,
pure il vento!
entra nelle orecchie
e ciarla in siciliano.
 
Qui sono nato,
e se mi bacio le mani
bacio le mani dei miei morti;
e se mi asciugo gli occhi
asciugo gli occhi dei miei morti.
 
Qui sono nato,
allattai nelle mammelle di questa terra,
le succhiai il sangue;
se mi tagliate le vene,
vi bruciate le mani!
 
Non è vero che amiamo la Sicilia
se abbiamo la storia nel pugno
e la soffochiamo;
non è vero
se accendiamo il fuoco
e lo spegniamo;
non è vero nemmeno
se stiamo un giorno liberi
e per cent’anni servi.
 
Non chiediamo perdono alla storia
ora che abbiamo dimenticato
i martiri di tutti i tempi
che misero il collo sotto la mannaia
senza piangere;
Di Blasi, uno!
 
Ora che abbiamo dimenticato
i torturati nelle galere,
i condannati a vita,
gl’impiccati,
e gli arrostiti vivi nelle piazze.
 
Pietre e fango
per chi sopporta la miseria,
pietre e fango
per chi batte le mani ai potenti,
pietre e fango
per chi non si mette il collo
nella forca della libertà:
lo dico ai siciliani
e mi scoppia il cuore!
 
E fu ieri,
(la data non conta)
io vidi piangere le madri
nel Piano di Portella,
e Saveria Megna
inginocchiata sull’erba
parlare con il figlio ammazzato.
 
Lei lo vedeva,
io no:
il pazzo ero io
se dopo vidi uscire dalle fosse
tutti i morti per la libertà della Sicilia:
vivi
a migliaia
a marosi,
e il fuoco negli occhi!
 
Dammi la mano
Cola Lombardo,
(io parlavo con lui!)
straccia la tua camicia, gli dissi,
fammi vedere il petto
bucato dalle pallottole italiane.
A Bronte, gli dissi,
nel Piano di San Vito,
dopo cent’anni chi passa
sente ancora la tua voce:
muoio per il popolo!
 
Raccontami la storia
Turiddu Carnevale,
(io parlavo con lui!)
figlio dell’inferno e del paradiso,
raccontami la storia!
 
In questo pugno c’è la morte,
ti dissero;
in questo pugno i denari,
ti dissero;
e tu:
la morte,
la morte!
e gli torcesti il pugno.
 
L’indomani
a Sciara
i compagni
lo portavano a spalla:
quattro,
sudati,
un passo dopo l’altro.
 
Di colpo
la cassa
diventò leggera,
gli scappava dalle mani:
il morto non c’era nella cassa,
camminava in prima fila
fra le bandiere rosse;
la testa,
toccava il cielo!
 
Chi cammina curvato
torce la schiena,
se è un popolo
torce la storia.
 

Note:

Francesco Paolo Di Blasi, giacobino, decapitato nel 1795.

A Portella delle Ginestre il brigante Giuliano e la sua banda spararono sui contadini che festeggiavano la data "del I maggio" 1947.

Cola Lombardo, avvocato, fucilato per ordine di Nino Bixio, il giorno 8 Agosto 1860, per avere capeggiato una sommossa di contadini ; che chiedevano la ripartizione delle terre che era stata promessa da Garibaldi.

Salvatore Carnevale giovane contadino sindacalista di Sciara, piccolo paese della provincia di Palermo, ucciso dai mafìosi il 16 maggio 1955.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica