Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate |

Un boom! per Jimbo

Boom! : ovvero La strana avventura sul pianeta Plonk / Mark Haddon ; traduzione di Massimo Bocchiola. - Torino : Einaudi, 2011 ; prima edizione. - 151 p., [V], br. ; 21 cm. - (Super ET). - Tit.orig.: boom!. - ISBN 978-88-06-20787-8.
di Sergej - giovedì 8 agosto 2019 - 483 letture

Jimbo è il nome del ragazzino protagonista di questo agile romanzo di Mark Haddon. Haddon è un inglese nato nel 1963, autore anche de Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, pubblicato da Einaudi nel 2003 - e di cui vi parlerò appena lo riesco a ritrovare tra le pile di libri in cui è scomparso.

JPEG - 28.9 Kb
Copertina del libro: boom! di Mark Haddon

Nel 1992 Haddon aveva pubblicato un libro intitolato Gridzbi Spudvetch!. Racconta Haddon: "Un nome davvero assurdo da dare a un libro. Nessuno lo sapeva pronunciare. E nessuno sapeva cosa significase finché non aveva letto la storia. Il risultato è che lo comprarono solo ventitrè persone. D’accordo, ho esagerato... ma non di tanto. Finì fuori stampa in un baleno". In realtà divenne un piccolo oggetto di cult tra i giovani lettori. "Verso la fine del 2007 mi arrivò una lettera da una scuola elementare di Oxford, la SS. Philip & James (alias Phil e Jim). Alison Williams mi comunicava che da anni leggeva il mio libro ai suoi alunni, e che lo trovava immancabilmente uno spasso. E a prova di ciò allegava un fascio di lettere della classe IV Lilla: erano molto carine e spiritose e piene di complimenti". Insomma, Haddon si convince a rimettere mani al testo, lo modifica profondamente ma - per quanto possiamo leggere noi nella buona traduzione che ne fa Massimo Bocchiola per Einaudi/Mondadori - riuscendo a mantenere la verve del racconto originario. "E avevo scelto anche un nuovo titolo", aggiunge Haddon, "Un titolo che vuol dire qualcosa anche se non avete letto la storia. E chiunque lo sa pronunciare".

Con andamento veloce, tra Vonnegut e Douglas Adams, debitamente umoristico, la storia è quella di un ragazzino che vive la sua grande avventura fantascientifica. Lui è il bamboccione solitario, all’interno della famiglia borghese problematica: madre che lavora, padre disoccupato (come la famiglia del protagonista de La fabbrica di cioccolato), un unico amico Charlie e una sorella heavy metal. La ricomposizione, familiare e dei rapporti e la maturazione del protagonista che acquisisce sicurezza di sé, ristabilendo anche la complicità con la sorella più grande, avviene all’interno di questa storia fatta di tentati rapimenti e rapimenti veri, invasioni di extraterrestri, presenza inquietanti, professori alieni (come in un fumetto di Doctor Who) ecc_. Divertente, anche per lo slang che Bocchiola ha ricreato per il pubblico italiano, adeguandosi allo stile vivace del racconto originario.


Sinossi del libro

Anche se è un ragazzino vivace, a scuola Jim non è che sia molto brillante: qualcuno – sua sorella – dice che corre addirittura il rischio di finire in un istituto per bambini ritardati. D’altra parte, non sarebbe male sapere cosa pensano di lui gli insegnanti. Meno male che il suo amico Charlie ha un’idea davvero brillante: basta nascondere un walkie-talkie in sala professori! Detto fatto. I prof arrivano, discutono, se ne vanno. Anzi no, Mr Kidd e Mrs Pearce restano, e una volta soli iniziano a parlare in una strana lingua: sono forse rapinatori di banca che comunicano in codice? o spie? o marziani? I due nascondono un segreto, Jim e Charlie ne sono convinti e iniziano la loro indagine senza sapere che si stanno mettendo davvero nei guai. Charlie scompare, Jim rischia di essere a sua volta rapito. E a questo punto la storia decolla verso un pianeta misterioso, a 70 000 anni luce dalla Terra.

Una divertente e avventurosa favola fantascientifica che racconta le difficoltà dell’adolescenza.

«Io e Charlie ci guardammo e alzammo le sopracciglia in simultanea. Non parlammo. Non c’era bisogno. Stavamo pensando la stessa cosa. C’era un’avventura in arrivo, signori miei, un’avventura a propulsione atomica, da cento tonnellate, con i sedili ribaltabili e un carrello degli snack. E stava fermandosi nella nostra stazione, proprio adesso».


L’autore

haddon_0006522FAU Mark Haddon è nato nel 1962. Vive a Oxford. Einaudi ha pubblicato i romanzi Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (2003), Una cosa da nulla (2006), Boom! (2009 e 2011) e La casa rossa (2012), l’antologia di racconti I ragazzi che se ne andarono di casa in cerca della paura (217), nonché la raccolta di poesie Il cavallo parlante e la ragazza triste e il villaggio sotto il mare (2005).



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -