Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate | Mondolibro |

Tutti pazzi per De André. Ecco il bando della seconda edizione del premio letterario "Una storia sbagliata"

di Giuseppe Pulina - giovedì 8 febbraio 2007 - 3460 letture

È stato pubblicato il bando della seconda edizione del premio letterario “Una storia sbagliata”. Indetto dall’associazione culturale Carta Dannata, referente per Tempio dei Presidi del libro della Sardegna, e dalla Libreria Max 88, il concorso presenta quest’anno un’interessante novità. È infatti previsto un premio speciale della giuria tra tutti i racconti pervenuti dall’interno degli istituti penitenziari italiani. Il premio speciale sarà attribuito nel corso di una premiazione che avverrà presso la Casa reclusione di Alghero, nella biblioteca teatro intitolata a Fabrizio De Andrè, l’artista genovese a cui il concorso è dedicato.

Riservato ai racconti brevi inediti, il premio letterario cambia il tema che dovrà ispirare gli elaborati. E così, dopo “Una storia sbagliata”, leitmotiv della precedente edizione, tutti dovranno darsi da fare con “La cattiva strada”, altro straordinario cavallo di battaglia del ricco repertorio deandreiano. Oltre al premio speciale, il concorso prevede un’unica sezione aperta a tutti. La partecipazione è individuale e gratuita. Pena l’esclusione, dovranno essere attentamente rispettati i criteri per la stesura degli elaborati: lunghezza massima di cinque cartelle dattiloscritte (equivalenti ad un massimo di 50 righe per cartella), carattere per pc minimo 12, sei copie in carta libera non intestata e corredate dal titolo scelto dal concorrente. Solo in un’unica copia autografata dovranno essere indicati nome, cognome, data di nascita, indirizzo, recapito telefonico ed e-mail. I lavori dovranno essere consegnati a mano o per posta presso la libreria Max 88 (piazza Gallura 1, 07029, Tempio) entro il prossimo 10 luglio 2007, allegando all’opera la scheda di partecipazione che può essere scaricata on line dal sito www.libreriamax88.com o ritirata in libreria. Per tutti i racconti iscritti al premio farà fede il timbro postale.

Le opere verranno esaminate da una giuria di cinque membri presieduta dallo scrittore algherese Gianpaolo Cassitta. Il montepremi sarà in denaro, ma ancora una volta il principale obiettivo di molti concorrenti sarà quello di vedere pubblicato il proprio racconto, come è già accaduto con la prima antologia data recentemente alle stampe dalla casa editrice sassarese Mediando (www.mediando.net). Un’opportunità che l’associazione Carta Dannata prenderà in seria considerazione se, come appare probabile, il numero e la qualità delle opere iscritte al concorso ne incoraggeranno la pubblicazione.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -