Sei all'interno di >> GiroBlog | Poesia |

Transverberazioni / di Angelo Guida

In quella città i nomi delle vie tracciavano
un messaggio inequivocabile

Umberto Eco

di Angelo Guida - domenica 2 giugno 2024 - 701 letture

Attraversiamo le città
senza riconoscere i luoghi, i nomi.

Il tempo li ha pervertiti
cancellandoli dagli sguardi dei viandanti,
una sprezzante opacità altera lo spazio
che solo l’occhio della mente
a volte muta in materia oscura.

Ci attraversano le città:
sono vortici di energia, ascensioni, visioni.

Istinti in transito anelano
al cinabro e alle permutazioni
anche se un attimo raggelante
registra la dissoluzione:

«Potere, profitto» e ancora «profitto»,
sussurra l’abisso mentre ci sottrae la carne,
nostra oscura disfatta.

Ma è la carne che ci permette di vedere e ricordare,
è la carne a recare con sé le impronte del dolore.
È la carne a invocare le epoche, il percepito e non visto
nelle strade che intersecano Rue Vieille du Temple,
intersezione di mondi.

Crea l’anima (anima animale):
è l’occhio che vede e la mano che fa,
allontana da noi il pane della vergogna
e il senso irrimediabile della perdita,
nostra incontrovertibile sconfitta.


Vedi anche: Poesia è politica (14): Nostra oscura disfatta / di Alessandra Calanchi.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -