Sei all'interno di >> Flash |

Taranto è minacciata dal cancro non da potenze straniere

Comunicato di PeaceLink in occasione della visita a Taranto del Presidente del consiglio e dei ministri.
di Redazione - martedì 13 ottobre 2020 - 316 letture

In questi anni abbiamo ascoltato i cittadini di Taranto, il loro grido di dolore per l’emergenza sanitaria e ambientale. Durante tutta la nostra lunga esperienza mai un solo cittadino ci ha chiesto che si ampliasse la base Nato. Non era una necessità avvertita da nessuno. Eppure a questa cosa non necessaria il governo ha deciso di destinare 200 milioni. E’ un l’ampliamento che renderà Taranto una città chiave delle SNF (Standing Naval Forces) che costituiscono il nucleo marittimo della Very High Readiness Joint Task Force del Fianco sud della Nato.

Questo ingente investimento militare è una spesa inutile che sottrae risorse ad altri settori civili. Ed è in linea con una strategia controproducente per le potenzialità di riconversione. Limiterà gli attori che si possono candidare ad investire a Taranto. Infatti un dossier del Copasir, l’organo parlamentare che si occupa dei servizi segreti e di intelligence, ha posto sotto sorveglianza la base Nato di Taranto (Standing Nato Maritime Group 2 – SNMG2); nel dossier vengono avanzate preoccupazioni per eventuali investimenti della Cina nel porto di Taranto. La questione è ampiamente nota e dibattuta per chi si occupa di intelligence. E così il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (COPASIR) rischia di porre un freno agli investimenti cinesi a Taranto per ragioni di “sicurezza nazionale”. Taranto è sorvegliata speciale. I cittadini di Taranto non lo sanno ma il COPASIR sì. A Taranto si gioca una delicata partita geostrategica e il governo italiano, che oggi si presenta a Taranto in grande stile, ha subito forti pressioni dal governo americano perché la Cina resti fuori dai piani di investimenti del porto jonico.

Oggi, di tutti i piani di investimento che i ministri verranno a presentare, il più sostanzioso e strategico è quello militare ed è quello che meno di tutti serve alla riconversione di Taranto da città dell’inquinamento a città green.

I cittadini di Taranto, dopo la visita di oggi dei ministri, sapranno che avranno un grande futuro militare. Ma quando andranno a prenotare una risonanza magnetica sapranno che non è disponibile nessun posto da qui ai prossimi mesi. In piena emergenza Covid il sistema che a Taranto serve alla sorveglianza sanitaria è congestionato. A Taranto ogni anno più di mille persone scoprono di avere un tumore e il peso dell’emergenza ambientale richiederebbe un piano straordinario di sorveglianza sanitaria. Di tutti i piani per Taranto il più sbagliato e inopportuno è l’ampliamento della base navale Nato, un investimento che nasce non per venire incontro alle esigenze della città ma per ragioni che riguardano le esigenze militari strategiche della Nato. E’ un investimento poco comprensibile in un’epoca in cui l’Italia non è minacciata da alcuna potenza straniera, ragion per cui vengono meno le stesse esigenze della Nato come alleanza militare difensiva. Taranto è minacciata dal cancro, non da potenze straniere. Si spendono soldi per ampliare qualcosa che non serve alle stesse finalità militari difensive della Nato, sancite solennemente dal suo statuto costitutivo del 1949, questa è la verità. Questi duecento milioni per la base navale sono un insensato spreco di denaro pubblico in un momento difficilissimo per l’economia delle piccole e medie imprese durante l’emergenza Covid. Sono uno spreco di denaro pubblico quando i cittadini sono in fila per prenotare esami sanitari essenziali per la salute e la vita. Tutto ciò avviene senza una sufficiente capacità di comprensione strategica e di discernimento delle priorità, con gli applausi dei parlamentari pentastellati e sotto la vigile sorveglianza di tutta la lobby politico-militare che vuole fare di Taranto qualcosa di funzionale al futuro della Nato, a tutto discapito del futuro della città, della sua vera sicurezza, delle sue vere vocazioni e della sua libertà di scelta economica. Ogni investimento futuro sarà monitorato e autorizzato, e – nel caso – ostacolato se l’investimento sarà effettuato con capitali cinesi. Questo è il futuro che viene preparato per la città di Taranto.

E’ auspicabile che Taranto sia invece “città operatrice di pace”, come recita l’articolo 1 dello Statuto Comunale, e che al più presto la città martire della guerra contro l’inquinamento industriale venga risarcita di tutti i danni subiti e realmente bonificata.

Alessandro Marescotti - Presidente di PeaceLink



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -