Sei all'interno di >> GiroBlog | Linking |

Sul ponte sventola bandiera bianca

Son tutte brutte le bandiere del mondo
di Sergej - mercoledì 4 novembre 2020 - 568 letture

È sempre complicato per una bandiera essere anche veicolo di bellezza.

JPEG - 38 Kb
Mississippi - La nuova bandiera dello Stato del Mississippi

Veicolano identità, ideologia territoriale, patriottismo, ma non credo ci sia mai stato il caso che una bandiera possa essere unanimemente considerata “bella” al di fuori di quelli che ci marciano dietro - magari armati di fucili e bazooka.

La scelta del Mississippi, stato nordamericano del Sud, di sostituire la vecchia bandiera recante i simboli della vecchia Federazione degli Stati del Sud (quelli della “guerra civile” contro gli Stati dell’Unione), a favore di una nuova bandiera che reca al centro un bianco fiore (magnolia), ci lascia alquanto perplessi.

Quella precedente era brutta, quella nuova è brutta e scipita.

JPEG - 51.3 Kb
Mississippi - La vecchia bandiera dello Stato del Mississippi

Sembra che la tradizione della croce in un’insegna militare risalga a Costantino - almeno così viene tramandato secondo la vulgata, mentre gli storici sono un po’ più cauti. Da allora gli eserciti europei e mediterranei hanno riempito i fiumi di sangue e le terre di teste mozzate, all’insegna della croce sventolante. Oggi come oggi la più antica bandiera con il simbolo della croce adottata da un Paese è quella danese.

La Gran Bretagna volendo strafare, ha adottato dal 1801 l’Union Jack, con i simboli (crociati) delle tre etnie o “regni” componenti [1].

Sono poi seguiti i più diversi simboli. Quelli sopravvissuti: la mezzaluna (per l’islam), la stella. Negli anni Trenta e Quaranta del Novecento in Europa fu utilizzata anche il simbolo della svastica, che dopo la sconfitta degli eserciti germanici è diventato tabù in Europa - ma è una derivazione indiana, per cui da quelle parti continua ad essere utilizzata quale simbolo benevolo.

I due imperi nati dalle guerre del 1914-1945 in Europa utilizzavano delle stelline, ripresi poi dall’Unione Europea; L’URSS per la precisione, aveva una sola stella, e uno strano simbolo, piuttosto arcaico: un martello e una falce intrecciati. Gli studiosi occidentali indagano cosa potesse significare, ma sembra che in Cina sappiamo un po’ meglio al riguardo o comunque ne abbiano notizie più aggiornate. In Cina le cinque punte della stella rappresentano le 4 classi sociali e, la più grande, il Partito comunista cinese.

L’Italia, nata su approvazione francese, ha usato i “colori” simili a quelli francesi: prima tenendo al centro della bandiera lo scudo araldico della casa regnante Savoia, poi dopo il 1945 eliminando questo scudo e lasciando lo spazio bianco. L’Italia facsimile della Francia, aveva solo il verde al posto del blu. Il “tricolore” è quanto di più insulso possa esistere, ma nonostante questo migliaia di persone si sono fatti ammazzare per questo straccio di lenzuolo.

Classifica dei simboli più usati nelle 198 bandiere nazionali ufficiali: stelle (61), scudi reali (27), croci (18), sole (16), luna (14).


[1] Inghilterra e Galles, Scozia e Irlanda del Nord - che sono uniti nello stesso Regno. Inghilterra e Galles sono rappresentate dalla croce rossa di San Giorgio su fondo bianco, la Scozia dalla croce bianca di Sant’Andrea su fondo blu e l’Irlanda del Nord è rappresentata dalla croce di San Patrizio, quella diagonale rossa su fondo bianco.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -