Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Speciale Festival del Cinema Marzamemi: La Paci Perpetua

Roy Paci accompagna il sorgere del sole con i suoni della sua tromba, la sua performance è giocata tutta con un altro artista di calibro mondiale - il mare - che con i suoi strumenti, le onde e gli scogli, improvvisano una jam session di rara bellezza e intensità...

di Tano Rizza - mercoledì 4 agosto 2010 - 4869 letture

Raccontare un festival come quello di Marzamemi non è facile. Una kermesse lunga nove giorni, fatta di cinema, cultura, incontri, musica, sperimentazioni, meriterebbe di essere descritta nei dettagli. Un festival che ha visto la presenza, lungo l’arco delle sue serate, di oltre 50000 persone, che hanno pacificamente invaso il borgo marinaro alle porte di Pachino. Non è semplice riportare l’aria che si respirava nei cortili, nelle piazze e nei vicoli di Marzamemi.

Vogliamo provare a descrivervelo dalla fine, dall’alba di domenica 1 Agosto. L’appuntamento era alle 5.30 del mattino, poco prima del sorgere del sole, al lungomare che sta proprio accanto a Piazza Regina Margherita. In programma c’è un momento molto particolare “la Paci Perpetua”, una performance di Roy Paci, in real time e sulle onde del mare. Così è annunciato nel programma.

C’era molta curiosità attorno a quest’evento conclusivo, nessuno capiva di che si trattasse, da dove e come l’artista sarebbe sbucato fuori. Attorno alle 5 del mattino i primi “reduci” del festival iniziano a fare capolino al lungomare, lentamente si sistemano sul muraglione che divide Marzamemi dal mare. È ancora buio, gli sguardi sono stanchi, assonnati, ma felici e incuriositi dallo spettacolo che, da lì a breve, avrebbe avuto inizio.

“Secondo me viene fuori dal mare”, “si paracaduterà dal cielo”, “arriverà camminando sulle acque” le ipotesi sul modo in cui Roy Paci sarebbe apparso sono le più disparate e originali. Ma, dopo poco ecco che l’artista megarese spunta, a piedi dai vicoli del paese con la sua tromba in mano. Nulla di più genuino e semplice. Roy prende una sedia, la piazza sul muraglione, viso rivolto al mare, e inizia a far nascere la magia.

Con lui solo due strumenti; la sua tromba e il suono delle onde del mare. Roy Paci accompagna il sorgere del sole con i suoni della suo strumento, la sua performance è giocata tutta con un altro artista di calibro mondiale - il mare - che con i suoi strumenti, le onde e gli scogli, improvvisano una jam session di rara bellezza e intensità. Dopo aver assistito a decine di proiezioni durante il festival, adesso è il momento di sedersi e contemplare il set più bello, quello naturale, dove assoluti protagonisti sono il mare con le sue onde e l’orizzonte.

Roy Paci gioca coi suoni prodotti dalle onde che si abbattono, mordide, sugli scogli. La tromba insegue questi ritmi naturali, si fa un tutt’uno con decibel leggeri della natura, e sospinge con i suoi acuti il sole a sorgere.

Gli altri protagonisti di questo spettacolo sono il vento, e il gioco di luci creato dall’oscurità che, lentamente, giocando con una grossa nuvola bianca, lascia la scena all’alba e, finalmente, al sole deciso d’Agosto. Scatta l’applauso, sia per Roy che per la nuova alba, che con i suoi colori intensi avvolge i presenti.

L’atmosfera che si respira alle sei del mattino in questo scrocio di Marzamemi è surreale, le duecento persone presenti restano in silenzio religioso, ognuno vive questa particolare esperienza a modo suo. C’è chi è comodamente straiato sul muraglione; chi è accovacciato ad occhi chiusi immerso nelle sue sensazioni, nei suoi pensieri; chi ondeggia assieme ai suoni; e chi si lascia andare e si proietta nel mondo dei sogni aiutato dalla splendida location, e dalla tranquillizzante colonna sonora.

L’esperimento ideato da Roy ha colto il suo scopo, immerge e lasciare nei presenti una sensazione di pace. Un’armonia creata dall’abbraccio tra il mare, il sole che sorge e la musica, suoni appena accennati ma capaci di essere colonna sonora intima e prorompente assieme.

Alcuni scatti di "Paci Perpetua" a cura di Evelyne Capitanio

La galleria fotografica completa di Paci Perpetua, e di tutto il festival a questo link:

http://www.flickr.com/photos/redgirodivite/

a cura di Evelyne Capitanio


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -