Sei all'interno di >> Eventi in giro |

1° Seminario di Paesologia: "Abitare la Terra"

Un segnale importante in una terra (l’Irpinia) abituata a demoralizzare e a demoralizzarsi; un segnale che sta arrivando un tempo nuovo, il tempo dei paesi, dei paesaggi, della paesologia.

di Enzo Maddaloni - martedì 12 gennaio 2010 - 3250 letture

sabato 9 GENNAIO 2010

la COMUNITA’ PROVVISORIA terrà

il 1° SEMINARIO di PAESOLOGIA

nel Castello d’Aquino a Grottaminarda (Avellino),

(uscita sulla A16 Napoli-Bari)

Il convegno durerà l’intera giornata dalle ore 09.00 alle 20.00.

Organizzazione COMUNITA’ PROVVISORIA

http://comunitaprovvisoria.wordpress.com/

introduzione FRANCO ARMINIO Video Documentazione di MICHELE CITONI Raccolta e Pubblicazione Atti a cura di MAURO ORLANDO Logistica IRPINIATURISMO – AMICI DELLA TERRA.

… lo spirito di un simposio in cui ognuno, indipendentemente dal suo ruolo, porta il suo contributo nella definizione e costruzione della “Paesologia”…...

… Non parleremo di Cairano7x ma sicuramente anche per Cairano7x

… si tratta di una riflessione collettiva, persone provenienti da tutta la regione e anche da fuori, cercano di guardare i paesi dal loro personale punto di vista. Ci saranno scrittori, architetti, imprenditori, artigiani, registi, attori, fotografi, contadini, operai, impiegati, clown. Dopo la pausa per il pranzo, i lavori riprenderanno nel pomeriggio con una discussione collettiva sugli interventi della mattinata.

Tutte le relazioni e gli interventi andranno a confluire nel

1° ALMANACCO di PAESOLOGIA.

… Un segnale importante in una terra (l’Irpinia) abituata a demoralizzare e a demoralizzarsi; un segnale che sta arrivando un tempo nuovo, il tempo dei paesi, dei paesaggi, della paesologia.

Questi gli interventi (aggiornato al 6 gennaio ore 11); si aspettano altre adesioni e conferme.

Gli interventi sono liberi e aperti a tutti, senza gerarchie, nello spirito della C.P.; la durata dell’intervento per tutti contenuta in 7-11 minuti max.

Sono programmati, ad oggi, gli interventi di:

Fausto Altavilla, Marcello Anselmo, Luca Battista, Paolo Battista, Dario Bavaro, Paolo Bruschi, Gaetano Calabrese, Vito Cappiello, Michele Ciasullo, Biagio Cillo, Salvatore D’Angelo, Luigi D’Angelis, Alex Daguerre, Agostino Della Gatta, Andrea Di Consoli, Mario Festa, Gianni Fiorentino, Francesco g., Sergio Gioia, Federico Iadarola, Vittorio Iannino, Antonio Luongo, Clown Nanosecondo al secolo Enzo Maddaloni, Elda Martino, Pietro Mitrione, Mauro Orlando, Mario Perrotta, Rocco Quagliariello, Donato Salzarulo, Michele Sisto, Raffaele Spagnuolo, Enzo Tenore, Giovanni Ventre, Antonio Vespucci, Angelo Verderosa, Federico Verderosa.

VIDEO PROIEZIONI · Scuola di paesologia, di Franco Arminio · Lampi a Cairano, di Michele Citoni · Paesi paesaggi paesologia, di Federico Iadarola ed Anna Ebreo · Cairano 7X, di Antonella Zarrilli · SAX dal VIVO: Pasquale Innarella

ABITARE LA TERRA di Mauro Orlando

Per vivere in un paese devi dismettere ogni arroganza. Non importa se la nascondi o la fai fluire. L’arroganza si sente, agisce come un acido che corrode i tuoi legami con gli altri. Il paese è una creatura che ti chiede misericordia. Devi sentirti come un cane bastonato. Non devi sentirti uno che ha qualcosa da insegnare, uno che vuole cambiare la sua vita e quella degli altri. Il paese ti chiede di amare quello che sei e quello che il paese è. Non devi fare altro”. di Franco Arminio, da appunti di “paesologia”

La questione di base è come abitare la terra. E l’analisi del “come”, della “terra” e delle “abitare” è quanto c’è di più interessante e impegnarsi in un lavoro anche teorico o filosofico oltre che un approccio esistenziale o politico .. La radice di abitare è quella del verbo avere. Avere la terra. Possedere la terra. Dominare la terra.

Padroneggiare la terra. Controllare la terra. Tenere la terra. Prendere la terra. Occupare la terra. Appropriarsi della terra. Ognuno s’accorge di questo. Di fatto bisogna riconoscere che l’ordine sociale espelle la natura in cui esso originariamente si è costituito. Il trionfo dell’artificio e della tecnica può coincidere con il dominio quasi assoluto dell’intelligenza meccanizzata sugli enti intramondani,uomini,natura e cose?

La filosofia e il pensiero umano o la politica come agire umano hanno ancora il compito precipuo di espandersi nel tempo e nello spazio che agiscono sulla terra? La contemporaneità con gli inevitabili strascici del moderno e la tirannia del postmoderno tecnologico con gli echi mai sopiti del classico ci impone un orizzonte del pensiero,dove gli strumenti della ragione sono coniugati assieme quelli della passione. Perchè come ricorda la poetessa Marina Cveteva, “ Il pensiero è una freccia. Il sentimento –un cerchio”.

Queste solo alcune delle domande che l’importante primo incontro sulla “paesologia” che si terrà il 9 gennaio per l’intera giornata nel Castello d’Aquino di Grottaminarda organizzato dalla “Comunità provvisoria”.Una idea e non solo nata dalle intuizioni , dagli scritti e dagli impegni del poeta Franco Arminio per poterci predisporre a vivere e pensare una esperienza originale e autentica di irpini stanziali e della diaspora nel nostro possibile rapporto con il nostro territorio e non solo. Un percorso rivolto alle persone disponibili a giocare la loro personale vita mentale e concreta nella possibile declinazione di due categorie apparentemente contrastanti ,locale e globale che tanto ci inquietano e ci disorientano. Ognuno di noi partendo dal proprio sapere e dalle proprie competenze ha l’obbligo intellettuale di delineare non solo la grammatica e il lessico rinnovato per una possibile nuova esperienza culturale ma assieme sentire la necessità di ristabilire un rapporto di tipo nuovo con una realtà meridionale sociologicamente e psicologicamente immutata in un contesto di modernizzazione “con sviluppo e senza progresso” e una mondializzazione non solo economica ma soprattutto antropologica.

La “paesologia” come intuizione da definire e sviluppare potrebbe essere uno strumento conoscitivo originale e nuovo. Una persona che ha intenzione di continuare a vivere e pensare un territorio del sud ha la necessità di rivendicare alla base della sua ricerca di funzionalità intellettuale e esistenziale non solo retaggi e ricchezze culturali pregresse in modo consolatorio o di orgoglio identitario.Oggi bisogna rivendicare la categoria della “marginalità” e “fragilità”come capacità e possibilità di autenticità e originalità di stare e vivere contemporaneamente il mondo nel suo piccolo e nel suo grande.

Si può vivere non con il vecchio schema della schizofrenia o delle “lamentationes” una bella esperienza emotiva e culturale a Castelbaronia e il giorno dopo visitare una importante mostra alla Tate Gallery di Londra e una settimana dopo partecipare ad un convegno a Bombay sulle nuove tecnologie informatiche e il futuro delle economia mondiale e non solo in internet .

Lo spazio concettuale libero e liquido tra centro-margine-periferia si è aperto incondizionatamente e ci permette di verificare nei fatti e non solo nella volontà le idee ma soprattutto la nostra disponibilità e capacità di attivare volontà e strumenti per condividere “comunitariamente” anche le nostre individuali solitudini, introversioni, umori caldi e freddi, inquietudini e sogni .

Non in una sorta di sopravvalutazione con ‘sovrappesi’ culturali e professionali di sé stessi che ci costringe a costruire muri e barriere intolleranti non solo psicologiche per rifiutare o accettare gli ‘altri’. Sapendo che stare insieme può essere anche una sofferenza ,un esercizio faticoso di ridurre frammentazioni e chiusure e alleggerire pesantezze conoscitive e rigidità dottrinarie .Per iniziare questo nuovo viaggio di prospettiva necessita anche un viaggio nelle nostre storie mentali costruite su un eccesso di sviluppo accumulativi di saperi e un eccesso di ‘criticismo’ sedimentato o ossifificato nelle nostre diaspore migratorie. “Siamo emigrati male e spesso ritorniamo peggio”.

Ci siamo costruiti intellettualmente e professionalmente con una idea di acculturazione e sapere come possibile strumento per acquisire potere e riscatto su un diffidenza e non fiducia verso gli altri in termini sociali e politico. Cultura e sapere non è acquisire potere ma proprio una possibile possibilità di depotenziamento del potere e del sapere stesso. Con una tale idea di acquisizione di conoscenze,abilità, sapere come strumento di possibili poteri e riscatti anche la categoria economica e sociale di ‘disoccupazione’ nei piccoli e grandi paesi dei “sud e del nord “ del mondo può acquisire slancio progressivo e ideativo e riscatto individuale nella propria vita mentale e politica nei luoghi che ci è dato vivere hic et nunc.

Dato per acquisito che la politica politicista oggi non più produttrice di “ragionamenti” o di ceto politico riscattato socialmente ,va dunque sempre sospettata e criticata nella sua rigidità e illiberalità costitutiva e istituzionale. Ma soprattutto perché per la nostra prospettiva “progettuale” ,educa a coltivare pensieri corti e relazioni corte. Abbiamo la necessità per motivi conoscitivi, esistenziali e politici di ricostruire una “società civile” di nuovo conio e funzione non seguendo i canoni e le categorie politologiche classiche e moderne che la mettono necessariamente e unicamente in una sorta di separatezza e superiorità solo concettuale con la “società politica”.

La differenza tra società civile e società politica è che una obbliga a pensieri lunghi e di prospettiva la seconda educa a pensieri corti e regressivi ingessati nelle istituzioni. Noi abbiamo bisogno di mettere in campo con modestia e presunzione “pensieri e relazioni lunghe sapendo però che vivere insieme agli altri e confrontarsi non è mai stato perfetto,idilliaco,edenico.

Bisogna diffidare chi ci ripropone “paradisi perduti” e chi ci lusinga con utopie di comunità utopiche e mitiche. Bisogna accettare le complessità e difficoltà nei possibili spazi di amori ,di sogni, di odi,di controversie, di rancori, di rimorsi , sempre disposti al rischio ma con “gesti eroici”ed autentici anche di intelligenze confuse ,provvisorie o smarrite mai dogmatiche e prescrittive. Massima vitalità anche in possibili massime disperazioni.

di Mauro Orlando pubblicato su ” BUONGIORNOIRPINIA”il 30 dicembre 2009


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -