Sei all'interno di >> GiroBlog | Schizzi & Ghiribizzi |

Schizzi&Ghiribizzi n. 91- Il mondo di VLS1929(*). Telecamere di lotta e di governo, sequestrato un deposito abusivo di materiali pericolosi

di Franco Novembrini - mercoledì 18 novembre 2020 - 424 letture

Dunque per ammissione della Giunta comunale di VLS1929 le 2 telecamere che non si sapeva dove fossero finite sembrerebbero essere vive e vigilanti sul nostro territorio e la prova sarebbe quella di una vistosa foto su un settimanale che difficilmente mette in dubbio i desiderata del Comune. Il problema potrebbe essere quello che alcuni, i malpensanti non mancano mai, dice di non riconoscere in quella nella foto una delle due telecamere. Io ho cercato di spiegare che a volte sui giornali ed in tv si mettono delle immagini di repertorio che non corrispondono in pieno a quello che si descrive.

Gli esempi, per i distratti sono visibili nelle foto di certi personaggi i quali magari prima della alopecia avevano un criniera leonina e con quella appaiono nelle foto, oppure nelle riprese in certe tv che fanno vedere persone che passeggiano in camiciuola malgrado fuori ci sia una temperatura da cappotto, ma quello è il materiale che hanno a disposizione e lo fanno girare per parecchi minuti sempre lo stesso. Ma ci sono altre telecamere che addirittura sono state "impalate’’ da anni con lavori di scavo, messa in opera del sostegno, cablaggio dei fili e relativa cassetta di comando e poi... lasciate alla mercè di chiunque voglia farne ciò che vuole. Si intende che le stesse telecamere hanno lo stesso valore di freno alle intemperanze di qualche giovane e anche meno giovane dei paletti che sorreggono i numerosi ed inutili cartelli del pomposo ed anche un poco costoso "Controllo di vicinato’’, costoso viste le riunioni preparatorie che furono fatte persino con la partecipazione di autorità provinciali nella presentazione del progetto.

Io fui colpito da un documentario che per partecipare alle varie riunioni mi sono dovuto sorbire ben tre volte e lo definirei un filino razzista in quanto i rapinatori di della borsetta di una anziana signora erano gli unici dai capelli neri, in due su un motorino, in un paese del nord Europa nel quale tutti erano biondi con gli occhi azzurri e la locale polizia, intervenuta istantaneamente anche per le indicazioni fornite da un meccanico il quale benché stesse lavorando sotto una macchina nella sua officina, telefonava ad una utenza telefonica indicando la direzione presa dai due che, per la verità non avevano una maglietta con scritto "Maradona e’ chiù meglio ’e Pelè’’, ma lo si intuiva. Oltretutto i due erano senza casco e la letteratura dice che i Vesuviani invece se lo mettono quando devono fare una rapina. Ma non guardiamo a sottigliezze. Certo che se funzionassero queste telecamere e si mettesse anche il regolare tappo sul foro di ispezione che lascia i fili a disposizione di chi voglia manometterli sarebbe meglio. Ora siccome qualcuno potrebbe, sentendosi investito di poteri di critica, sempre ben accetta se non viziata da appartenenza ad un gruppo o congrega, potrebbe dire che dovrei fare questo o quello e segnalare a chi di dovere a lui faccio presente che sono due anni, anche con articoli su questo giornale, che la denuncio e recentemente ho fatto delle foto alle quali è stato risposto da vari uffici: vedremo, provvederemo, faremo presente ed... anche assente.

ULTIMISSIMA - Mentre stavo finendo di scrivere questo pezzo giunge leggo sui social del sequestro di un deposito abusivo di materiali pericolosi da parte dei Carabinieri Forestali e Polizia Provinciale i quali, dopo accurate indagini e pedinamenti, hanno denunciato tre persone due di Monza e una di Milano che gestivano il traffico dei rifiuti speciali. Quello che mi meraviglia è che il sito, se viene confermato l’indirizzo, era da anni in bellavista con collinette di materiali ferrosi ammassati ed in vista su viale Monza a ridosso di Lercio City e che la cosa aggraverebbe la situazione di degrado del quartiere San Fiorano, che è dannatamente il mio, non che faccia una gran differenza e sul quale insistono i terreni della famosissima Lombarda Petroli, Lercio City, il deposito di migliaia di pneumatici ed ora anche questa discarica a cielo aperto. Certo che i controllori non ci fanno una bella figura. Ma sentiremo le loro ragioni, se vorranno darcele.

IL CEM E IL COMUNE... Il CEM è stato contestato dal Comune per la gestione disinvolta di una piazzuola per lo stoccaggio e lo smaltimento dei rifiuti la cui gestione lascia molto perplessi a dire poco. Dimenticavo che il Comune non è VLS1929 ma quello di Monza, volevo ben dire.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -