Sei all'interno di >> GiroBlog | Schizzi & Ghiribizzi |

Schizzi&Ghiribizzi - N. 77 - Ma in Comune si parlano o fanno finta?

La scorsa settimana ho scritto delle manchevolezze riscontrate nel mercatino di Villasanta...
di Franco Novembrini - giovedì 13 agosto 2020 - 524 letture

La scorsa settimana ho scritto delle manchevolezze riscontrate nel mercatino di Villasanta, comune brianzolo stretto tra Monza ed Arcore, che è stato spostato in un parcheggio di periferia giusto a 100 metri dai confini di Arcore.

Il parcheggio in questione è una zona isolata e normalmente è tutto dedicato ad un supermercato. Nell’articolo mettevo in evidenza che mancano i servizi igienici ed essendo appunto in zona isolata e vista l’età dei clienti del mercato non mi pare il massimo, altra mancanza forse ancor più grave sono alcune fontanelle dell’acqua, tanto raccomandate dai manifesti comunali per l’igiene delle mani e dei cibi. Non si chiede una Fontana di Trevi ma dei semplici tubi dotati di un rubinetto, con un esborso sopportabile da parte della Giunta. Della cosa si è interessata anche una giovane giornalista di un quotidiano milanese e sono emerse anche altre manchevolezze che non depongono certo a favore del Comune: il pullman navetta che porta gratis i clienti al mercatino è un bus grande ed essendo parcheggiato in un posto inadatto in quanto occupa metà della sede stradale. Al momento con il bel tempo e con il poco traffico basta solo un poco di attenzione, ma siccome il trasloco durerà almeno un anno, bisognerebbe pensare a quando pioverà ed il traffico sarà più intenso. Quando pioverà e la cosa accadrà, è statisticamente provato, dove si ripareranno quelle persone che lo attendono e che, ripeto, sono perlopiù persone anziane?

Non sarebbe possibile studiare un parcheggio per il bus all’interno dello stesso e magari con una pensilina che ripari dalle intemperie? Sui social si segnalano invasioni notturne di campi giochi come l’area feste che dovrebbe essere deserta in quanto chiusa per la notte. Basterebbe un poco di attenzione e identificare i saltatori di recinzioni e sanzionarli. Ma proposito di parchi chiusi ce ne uno inaugurato da un tre di anni. Pare che alcuni cittadini ne siano rimasti ’’prigionieri’’ in quanto viene chiuso anticipatamente all’orario esposto. Ma mettere un cartello che avvisa del cambiamento costerebbe troppo? Poi non dovrebbe essere in contrario, cioè che nella buona stagione l’orario viene prolungato? Forse perché non ci sono più le mezze stagioni.

A settembre ci dovrebbe essere anche l’inaugurazione delle strade che portano alla stazione ferroviaria. le strade sono state rimesse a nuovo ma il marciapiede di via Francesco Petrarca mi suscita qualche dubbio. Il marciapiede parte dalla stazione con la pretesa di essere una pista ciclopedonale senonché la segnaletica pian piano si restringe fino ad arrivare nei pressi di una curva cieca nella quale alla fine la pista misura un metro, nei pressi della curva c’è disegnato il senso di marcia delle biciclette, solo che lo spazio dedicato è scarso anche per una bici da bambino.

Il pericolo di un contatto poi è aggravato dal fatto che tale marciapiede, ops pista ciclopedonale, è rialzata di circa 12-15 cm e non vi sono corrimano a cui tenersi. Speriamo che prima dell’inaugurazione, con tanto di sindaco di tricolor fasciato, si provveda anche perché stanno prendendo piede i monopattini elettrici i quali viaggiano veloci, silenziosi e un tantino pericolosi. Dell’ecomostro dovremo riparlare perché certe soffiate, rigorosamente anonime, parlano di una sua destinazione che mi ricorda... un déjà vu in salsa monzese.



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -