Sei all'interno di >> Flash |

Salutiamo il compagno Turi Randazzo

Si è spento all’ospedale Umberto I° di Siracusa, Salvatore Randazzo, sindacalista di primo piano nella CGIL di Lentini. La redazione di Girodivite esprime il proprio sentito dolore.
di Redazione - mercoledì 2 dicembre 2020 - 543 letture

Salvatore Randazzo ci ha lasciati. Fino all’ultimo momento, pur essendo ricoverato all’Umberto ° di Siracusa, si è dedicato al sociale denunciando le disfunzioni che riscontrata, anche da ricoverato, nella Sanità pubblica. Era solito mantenere sempre attivo il contatto telefonico con me affinchè divulgassi le disfunzioni e quindi le anomalie che riscontrava nella sua attività di sindacalista-pensionato. Il 24 novembre, mentre era disteso sul lettino dell’Ospedale di SR , mi ha chiamato per chiedere il mio aiuto: uno dei pazienti ricoverati nella stessa stanza era deceduto e la sua preoccupazione era salita alle stelle. ’Non mi sento sicuro - mi diceva a voce bassa - aiutami, aiutami". Lo richiamai per dirgli di avere pazienza e che tutto si sarebbe risolto nel migliore dei modi". Quel grido di aiuto suona ancora forte nelle mie orecchie anche perchè quel grido di aiuto era stato lanciato da un Sindacalista che è stato sempre tra la gente e quindi con la gente. Salvatore Randazzo, pur dovendo affrontare una battaglia insidiosa, fino all’ultimo ha lottato per la gente e per il rispetto della persona.

Nello La Fata (giornalista)


Con Turi Randazzo se ne va un amico,un compagno che con impegno, lealtà, onestà e coerenza ha portato avanti importanti battaglie politiche e sindacali. Da dirigente della Cgil e della Camera del lavoro di Lentini, Turi ha dedicato la sua vita intera alla causa delle lavoratrici, dei lavoratori e dei cittadini in difficoltà della Sua Lentini. Sempre dalla stessa parte, ha saputo mantenere integri i valori della militanza e del senso dell’appartenenza, nelle varie fasi e cambiamenti che hanno attraversato il partito, militando prima nel PCI, poi PDS, DS fino ad arrivare al PD. La città di Lentini perde un uomo buono e generoso che ha lavorato per una intera vita a servizio della politica, del sindacato, delle idee in cui credeva.  I suoi insegnamenti e valori non andranno mai perduti e il nostro compito è quello di mantenerne viva la memoria. A nome personale e del Partito Democratico, porgiamo le più sentite condoglianze alla moglie Franca e ai figli Dario e Lorena.

Salvo Adorno, Segretario provinciale del PD Siracusa.

Glenda Raiti, Vicesegretario provinciale del PD Siracusa.


JPEG - 81.6 Kb
Salvatore (Turi) Randazzo

Carissimi amici e compagni con grande dispiacere apprendiamo che questa notte è deceduto l’amico e compagno Salvatore Randazzo già dirigente della FlaiCgil e della Camera del Lavoro di Lentini.

La scomparsa prematura dell’amico Salvatore Randazzo è motivo per tutti noi di grande amarezza, dispiacere e rammarico perché se ne va un Dirigente della Cgil che ha dedicato tutta la Sua vita, con grande passione, per la causa delle lavoratrici, lavoratori e pensionati.

Un uomo che con grande coerenza e determinazione è stato legato alla Sinistra storica, dal Partito Comunista,sin da giovane, seguendone tutta l’evoluzione fino all’approdo del P. D.

Alla moglie Franca, ai figli Dario e Lorena, ai nipotini che amava tanto, alla famiglia tutta rivolgiamo l’abbraccio affettuoso caloroso e fraterno di sentite condoglianze di tutta la Camera del Lavoro di Lentini e della Cgil tutta.

Paolo Censabella, Camera del lavoro CGIL Lentini

Lentini, lì 01/12/2020


Come circolo PD Lentini porgiamo le nostre condoglianze alla famiglia Randazzo. Salvatore è stato un esempio di correttezza e coerenza, di forza ed onestà, per tutti coloro i quali hanno avuto il piacere di collaborare con lui in questi anni nel Partito.

Italo Giordano, segretario PD Lentini


JPEG - 142.5 Kb
Turi Randazzo - foto di gruppo - da sinistra: Alberto Commendatore, Turi Raiti, Alex Siracusano, Turi Randazzo, Paolo Censabella

Salvatore Randazzo aveva la grande capacità di dirti con estrema chiarezza il suo pensiero, dritto al punto. Non usava mezze parole o frasi fatte. Ti trasmetteva decenni di lotte con poche parole, ti donava forza e senso di responsabilità. Di uomini così c’è bisogno. Ci mancherà moltissimo. La terra ti sia lieve.

Alex Siracusano



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -