Sei all'interno di >> GiroBlog | Schizzi & Ghiribizzi |

S&G n. 132 - Da VLS1929 - Lavori stradali da cruciverba e il solito lavaggio del Lambro

di Franco Novembrini - mercoledì 1 settembre 2021 - 794 letture

Quest’anno si è ripetuto il tradizionale lavaggio del Lambro nel senso che durante il Ferragosto vengono sversate nel fiume sostanze che a volte lo colorano, i pesci ingrati non gradiscono e spesso si suicidano. Quest’anno invece è stato l’anno della schiumetta forse per renderlo più pulito in vista del Gran premio di Monza che si tiene fra una quindicina di giorni. La stranezza è che non si riescono ad individuare questi "volontari pulitori’’, basterebbe far volare ogni giorno per pochi km un drone il fiume per vedere da dove partono questi sversamenti estivi.

A VLS1929 invece per tutta l’estate si sono fatti degli importanti lavori. Particolarmente annunciati quelli dell’asfaltatura di via L. da Vinci nel tratto che interessa lo svincolo della tangenziale Est. La pizzeria che si trova proprio proprio all’imbocco dello svincolo dopo furti, incendio e la contestata eliminazione di due posti macchina che le servivano per facilitare l’asporto delle pizze da parte dei clienti, ha dovuto chiudere il locale durante i lavori, nelle ore serali mentre si dava la possibilità di riaprire agli altri esercizi per via della zona bianca. Non ha proprio fortuna. Sarà colpa di Saturno contro? Ma finalmente i lavori sono finiti, dopo l’asfaltatura hanno piantato i pali per due semafori distanti una decina di metri l’uno dall’altro e poi hanno dipinto le strisce pedonali. Quello che non capisco, ma ci sarà una ragione che certamente gli occhiuti amministratori comunali sapranno spiegare, il fatto che le strisce sono state fatte solo per una corsia, nel senso che quelle del primo semaforo arrivano fino a metà strada e quelle dell’altro fino all’altra metà ma del secondo semaforo.

I semafori non funzionano ancora e mi domando cosa deve fare un pedone per attraversare la strada? Si ferma a metà e torna indietro o insiste ad andare avanti anche dove non è supportato dalle strisce? Se, speriamo di no, succede un incidente come risolvere la questione? Attenzione sia i pedoni che autisti o motociclisti normalmente guardano davanti a loro e meno ai lati. Del resto le mezze strisce non sono certo frequenti anche se con altre motivazioni sono già state viste e fotografate in via Nino Bixio e in via Fratelli Bandiera quando, anni fa una ditta ha fatto dei lavori stradali ed ha rifatto la segnaletica solo nella metà della strada nella quale aveva scavato. L’altra metà era rimasta poco o per niente visibile creando l’impressione di una stranezza. In questi casi non si potrebbero controllare i lavori e fare di nuovo le tre o quattro strisce mancanti per l’altra metà della carreggiata se non altro per unificare il colore. Ma ci vorrebbero controlli e buonsenso. Dopo numerose lamentele per i cartelli segnaletici nascosti dai rami degli alberi i due che avvertono dell’imminenza di una piccola rotonda sono riapparsi più belli e brillanti che pria.

Li hanno resi visibili tagliando pochi rametti e creando per loro come una piccola edicola votiva che presto sarà nuovamente ricoperta dalle nuova vegetazione e dopo nuove lamentele sarà di nuovo fatto qualche insignificante intervento. Di farne uno più radicale che valga per qualche anno non se ne parla. A proposito di erba nel campetto giochi continua a crescere. Quello che insisto a chiedere ai responsabili del Comune è questo: siccome vedo che in centro il taglio dell’erba nei campi gioco viene effettuato con una certa frequenza e via via che ci si allontana dal centro la cosa diventa meno frequente, sarà senz’altro che le tasse che pagano per il servizio sono maggiori o per quale altra ragione? In una eventuale ma improbabile risposta si prega di non fare riferimento alla privacy arboricola.

Dello spostamento della CRI non si hanno notizie, mentre invece ci sono dei movimenti nell’"Orchestra Felice’’ che perde il valido maestro che l’ha guidata per dieci anni, si trasferisce a Monza, ma l’operatività dell’orchestra pare assicurata. In un settimanale cittadino ci sono due notizie circa il rifacimento di alcuni bei pannelli che insistono sui muri di abitazioni, erano un poco invecchiati e del programma di incontri culturali su vari temi, anche questa una buona offerta per la cittadinanza. Quello che stona sono le foto dei politici che accompagnano gli articoli che potevano essere sostituiti da foto di chi restaura i dipinti e da chi tiene le conferenze. Ma si sa gli assessori sono come il prezzemolo. Oltretutto ci avviamo verso una stagione di tagli di nastri di un certo numero di opere venute a compimento e politici di tricolor fasciati ne vedremo qualche paginata. Ma sopravviveremo.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -