Sei all'interno di >> GiroBlog | Schizzi & Ghiribizzi |

S&G n. 119 - VLS1929. Monet l’impressionista

di Franco Novembrini - mercoledì 16 giugno 2021 - 762 letture

Novantacinque anni fa moriva Monet, un pittore fra i maggiori impressionisti francesi, ha dipinto quadri con un tema ricorrente di verdi campi fioriti e di colazioni sull’erba e la cosa mi ha fatto venire in mente la scampagnata di alcuni giorni fa composta da assessori e consiglieri comunali di VLS1929 in giro in bicicletta per vedere aree verdi degradate da riqualificare. Benissimo, ottima iniziativa, anche io molti anni fa an ho partecipato a tali iniziative e con alcuni di loro. Perlopiù certe "biciclettate’’ si svolgevano a ridosso di elezioni amministrative delle quali al momento non vi è traccia, ma sono possibili nuovi posizionamenti politici. Ma come nei bei ricordi mi sono imbattuto nella meno soddisfacente realtà. In questi giorni ho rivisto i luoghi che dovevano essere il fiore all’occhiello del nostro paese e debbo dire che, malgrado i cartelli indichino controlli occhiuti e telecamere tipo i "Grande Fratello’’, alcuni punti sono veramente degradati e il verde esistente, che a dire il vero se ben curato non è quantitativamente poco, lascia molto a desiderare come manutenzione, potature, innaffiature di piante messe a dimora recentemente.

Altro problema il controllo del territorio. Ho provato a portare negli appositi cassonetti tanto sponsorizzati da varie onlus per il riciclo una serie di scarpe in buone condizioni messe nei sacchetti come da istruzioni ed ecco il risultato: il primo tentativo è stato con quello della piazzetta dedicata alla partigiana "Zena’’, non ancora segnalata dallo stradario comunale, nella quale esistono un grande parcheggio attiguo all’asilo per vecchi e dove in una parte del piazzale il martedì si svolge il mercatino rionale, c’è una "casetta dell’acqua’’ oltre ad alcune panchine e una fontanella: il cassonetto è inavvicinabile per la lordura e i sacchetti sparsi nei pressi del contenitore. Il secondo tentativo l’ho fatto nel piazzale antistante i cartelloni di Ecocity, il luogo si chiama proprio così, un piazzale sudicio e deposito di bidoni di vernice e quant’altro e il solito contenitore circondato da sporcizia ma in maniera minore forse perché parzialmente nascosto da un albero informe che potrebbe essere curato meglio. Insomma sono riuscito a depositare il contenuto.

Ora chi viene autorizzato, e speriamo che lo sia, a gestire questi contenitori potrebbe essere anche essere responsabilizzato alla loro decenza. Stamani, martedì 15 giugno, ho fatto alcune foto del campetto giochi inquadrando con il telefono decine e decine di bicchieri di plastica, che per la verità dopo poche ore sono stati raccolti dagli addetti alla pulizia ai quali va un plauso, ma nella foto sono inquadrati anche l’erba alta ad altezza delle panchine, lo scivolo per bambini piccoli senza scaletta di risalita, cosa ripetutamente denunciata da anni e sullo sfondo il "palo’’ per eccellenza, quello che da tre anni e decine di interventi, molti discutibili, con tre telecamere tuttora cieche che avrebbero potuto riprendere gli incivili che rumoreggiano fino a tarda notte e poi lasciano le loro lordure a cinque metri dal cestino apposito. Domenica sera hanno anche divelto un palo della recinzione del campo, speriamo lo tolgano o lo rimettano a posto presto, Segnalo alla carovana dei "ciclisti’’ se sono passati da via Fratelli Bandiera e se nelle vicinanze della rotonda hanno notato un timido cartello stradale che è nascosto nella vegetazione delle robinie e a dire il vero c’è anche un palo della luce che, nelle vicinanze è circondato di verdi rami che ne smorzano la luce.

Come ricordato altre volte dei rami pendono sulla strada in salita e distraggono gli automobilisti e se hanno notato, sempre alla rotonda, le auto parcheggiate alla rinfusa malgrado la segnaletica, che nascondono alla vista il traffico e soprattutto il sopraggiungere di motorini e ciclisti. Perché insisto con queste due categorie ? Perché se si scontrano due auto sono probabilmente danni materiali ma se vengono a contatto con motorini e biciclette son feriti ed è un’altra cosa. Chiudo dicendo che piantare alberi è un po’ come adottare degli animali, i problemi veri sono quelli del mantenimento e gli alberi e il verde necessitano di molte cure. Comunque il consiglio è sempre quello di leggere bene il regolamento del verde adottato dal Comune.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -