Sei all'interno di >> :.: Culture | Arte |

Roma, Sinodo Amazzonia: alla Casa Internazionale delle Donne si inaugura la mostra fotografica Fragile Amazzonia di Ana Palacios

Lunedì 7 ottobre alle ore 14,00 a Roma presso la Casa Internazionale delle Donne, Via della Lungara 19, si inaugura la Mostra Fotografica FRAGILE AMAZZONIA della phoreporter Ana Palacios
di Redazione - mercoledì 9 ottobre 2019 - 400 letture

Lunedì 7 ottobre alle ore 14,00 a Roma presso la Casa Internazionale delle Donne, Via della Lungara 19, si inaugura la Mostra Fotografica FRAGILE AMAZZONIA della phoreporter Ana Palacios realizzata da CIDSE, la rete internazionale delle associazioni di sviluppo umano cattolico, in collaborazione con REPAM, la Rete Ecclesiale Panamazzonica con il finanziamento dell’Unione Europea.

La Mostra è una delle 137 iniziative organizzate a Roma in occasione del Sinodo dei Vescovi per la Regione Pan-Amazzonica, che si svolge nel mese di ottobre all’interno delle mura vaticane, e rimarrà aperta sino al 27 ottobre.

È una delle attività di “Amazzonia Casa Comune” http://amazonia-casa-comun.org/it/home-it/

“Per me viaggiare in Amazzonia e conoscere quella natura, le popolazioni indigene, i loro costumi….. il grande fiume. E’ stata un’esperienza incredibile, ma soprattutto mi sono interessato alla situazione dei giovani, delle donne, alla violazione dei diritti umani e anche al futuro di questa regione per la sua importanza per il Pianeta.” Ana Palacios, photoreporter e autrice della Mostra.

CIDSE e le sue organizzazioni associate sono impegnate, da decenni, in tutta l’Amazzonia con programmi di sviluppo umano e cooperazione di medio e lungo termine affiancando i partner locali presenti nei 9 Paesi ove si estende la foresta amazzonica, lavorando alla realizzazione di centinaia di progetti di solidarietà con le comunità maggiormente vulnerabili.

“L’Amazzonia è incredibilmente potente, ma meravigliosamente vulnerabile. Il fiume, la foresta e la sua popolazione sono una testimonianza della creazione. Con quanta facilità abusiamo, trascuriamo, distruggiamo e scartiamo ciò che è più prezioso, più essenziale? Attraverso queste immagini, possiamo ascoltare le voci dell’Amazzonia e stare con loro. Siamo chiamati a mettere in discussione le nostre scelte, i nostri privilegi e ricordare che siamo tutti interconnessi.” Josianne Gauthier, Segretario Generale di CIDSE

CIDSE è fortemente impegnata in occasione del Sinodo dell’Amazzonia anche richiamando l’attenzione sui nomi delle persone, delle comunità e dei territori dell’Amazzonia che sono stati sacrificati ad una logica di un sistema economico avido e colonialista, che distrugge risorse, culture, biodiversità e tutte le meraviglie della foresta Amazzonica, minacciando allo stesso modo tutto il resto del mondo. La famiglia CIDSE è stata al fianco nel lavoro quotidiano delle comunità della regione Pan-Amazzonica che sono state impegnate nel processo di preparazione del Sinodo, hanno individuato le principali sfide sociali, economiche, ambientali e culturali dell’intera area e hanno denunciare le gravi violazioni dei diritti umani ed i danni ambientali che subiscono.

Fra gli ospiti speciali durante il Sinodo, Josianne Gauthier, Segretario Generale di CIDSE ed una delle poche donne ad essere presenti in Assemblea, insieme a Monsignor Primin Spiegel, Direttore Generale di MISEREOR, l’organizzazione tedesca socia CIDSE.

La Mostra con ingresso gratuito ed è aperta dal 7 al 27 ottobre con il seguente orario Dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 19,00 – il sabato dalle 9,00 alle 13,00 – la domenica chiuso


Articolo proveniente dal circuito Pressenza



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -