Risultati - Substrato litico - Contesto geologico

di Redazione Zerobook - martedì 13 settembre 2022 - 1402 letture

La Grotta del Crocifisso è stata scavata in una calcarenite (o biocalcarenite) fossilifera di colore giallo chiaro, a grana medio-grossa, caratterizzata da resti di macrofauna calcarea (ostreidi, pectinidi, coralli) e da litoclasti vulcanici eterometrici (fino a 2-3 cm) di colore nero-rossastro (Fig. 3A). Il litotipo ipogeo appartiene al Sintema di Lentini (LEI) di età Pleistocene inferiore.

Il sintema di Lentini è costituito da sedimenti marini con diverse tessiture e ambienti deposizionali raggruppati nei subsintemi di Villasmundo (LEI 1 ) e Scordia (LEI 2 ) che mostrano relazioni eteropiche latero-verticali (Fig. 3B).

Il primo subsinema (Villasmundo) comprende una successione prevalentemente calcarenitica-sabbiosa insieme a una litofacies conglomeratica, per lo più in posizione basale.

Il secondo subsitema (Scordia) è rappresentato da una successione argillosa sormontata da lenti di sabbia e limo. Le litologie calcarenitiche e/o sabbiose definiscono un ambiente di sedimentazione marina prossimale, mentre le litologie argillose delineano le zone deposizionali centrali delle depressioni tettoniche.

L’unità sintematica è delimitata in basso da un’incongruenza angolare con andamento ENE su un substrato costituito da calcari del Cretaceo superiore - Pleistocene inferiore e rocce vulcaniche.

PNG - 311.9 Kb
Fig. 3

Fig. 3 (A) Immagine macroscopica della calcarenite locale all’ingresso dell’ipogeo che mostra la presenza di clasti vulcanici; (B) carta geologica da Progetto CARG (Carta Geologica d’Italia scala 1:50.000) Foglio 641 Augusta(Carbone, 2011). Legenda: b2 = depositi eluvio-colluviali (Olocene); bb = depositi alluvionali recenti (Olocene); bn1-3 = depositi alluvionali terrazzati (Tardo Pleistocene); LEI1 e LEI1b = calcareniti e sabbie giallastre fossilifere (sottoinsieme di Villasmundo; Pleistocene inferiore); LEI2 = argille grigio-azzurre e argille limo-marnose (sottoinsieme di Scordia; Pleistocene inferiore); VCT = basalti tholeitici (Formazione di Militello in Val di Catania; Pliocene medio-tardivo); FLT e FLTa = vulcanoclastiti con abbondanti carbonati sedimentari e subordinate colate basaltiche na-alcaline (Formazione di Carlentini; Miocene superiore); (C) Microfotografia in sezione sottile del substrato litico calcarenitico (campione CC-1), in luce polarizzata incrociata (XPL), barra di scala = 0. 5 mm. 5 mm; (D) analisi porosimetrica del substrato litico che mostra una distribuzione polimodale delle dimensioni dei pori.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -