Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Città invisibili |

Quelle antenne selvagge a Bologna

Il problema dell’abusivismo elettromagnetico nel quartiere Navile (Bologna): il comitato Noce e i Verdi di Bologna manifestano il dissenso dei cittadini.
di Redazione - mercoledì 12 maggio 2004 - 4427 letture

Diventa impossibile parlare di rispetto dei diritti e della salute dei cittadini quando la *legge del più forte* legalizza gli interventi delle multinazionali delle telecomunicazioni e nel caso di Via Zanardi, alla Noce, finisce addirittura per prevaricare le normali norme civili. Finora abbiamo assistito (non certo impassibili) alla ricerca tecnica e legale dei famosi *cavilli giudiziari* per fermare l’installazione delle antenne per cellulari montate a due, tre metri dalla testa degli abitanti.

Ma *Antenna selvaggia* ha molte affinità (elettive) con la *giungla dell*abusivismo edilizio*. In quest*ultimo caso bisogna attendere il condono per mettere in regola la situazione mentre nel caso dell’inquinamento elettromagnetico (elettrosmog) il servizio e’ gratuito per l’impresa e già da subito si può fare come si vuole! Perseguire sempre ad oltranza, senza regole nelle regole, in elletrosmog e’ una consuetudine legalizzata. Insieme alla Federazione dei Verdi di Bologna i cittadini del Comitato Noce hanno manifestato il loro dissenso ribadendo di non voler subire passivamente il montaggio delle "antenne della discordia".   Insieme, propongono di lavorare *in rete* con i numerosissimi comitati sull’elettrosmog presenti sul territorio bolognese per continuare la battaglia civile di rivendicazione dei propri diritti; costringere l’amministrazione comunale a rendere applicativa la delibera di iniziativa popolare approvata dal Consiglio comunale che impone precise regole ai gestori per l’installazione delle antenne e contemporaneamente fare valere il *principio di precauzione* per salvaguardare della propria salute ed infine lanciare una campagna di boicottaggio dei gestori della telecomunicazione che non si curano di tutelare la salute e i diritti dei cittadini ma solo dei profitti economici. Ebbene, *Antenna selvaggia* non passerà!


L’articolo di Luca ZAMBRELLA (Candidato dei Verdi al quartiere Navile, Bologna) è stato pubblicato da www.verdibologna.it

I tag per questo articolo: | |

Rispondere all'articolo - Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Quelle antenne selvagge a Bologna
26 settembre 2007, di : minnie

gentile redazione piu’ che un commento sto cercando un aiuto per evitare una nuova installazione apochi metri dalle nostre abitazione e in particolare dei cavilli per poter dichiarare illegittimo il silenzio assenso estorto al comune . 2 domande ; il codice delle comunicazioni prescrive pubblicità per le istanze presentate dai gestori ? in che modo va fatta? per gli scavi per la realizzazione della base in cemento e sufficiente una DIA o occorre anche su suolo privato un permesso a costruire?rimango in attesa di un urgente risposta