Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Quarta edizione di Taormina Jazz Festival

Dal 2 agosto nella splendida cornice del Parco “Giovanni Colonna Duca di Cesarò” di Taormina
di Piero Buscemi - martedì 30 luglio 2013 - 3335 letture

L’appuntamento ormai affermato nel panorama internazionale e seguito da spettatori da tutto il mondo, si specializza nella ricerca e nella valorizzazione delle forme più innovative del jazz contemporaneo.

Il Taormina Jazz Festival si svolge nella splendida cornice del Parco “Giovanni Colonna Duca di Cesarò” di Taormina ed è un’iniziativa promossa dall’imprenditore Nino Scandurra, in collaborazione con: assessorato comunale al Turismo e al Verde Pubblico, Taormina Arte, Associazione Imprenditori, Associazione Albergatori e Centro Commerciale Naturale.

La manifestazione è inclusa nel calendario degli eventi promossi da Taormina Arte. L’ingresso ai concerti è gratuito, grazie al sostegno degli sponsor istituzionali Pinko, Piero Guidi, Roberto Del Carlo, Ottica Fiumara, Alberto Guardiani, Premier Tax Free e Heritage e grazie agli “amici del festival”: albergatori, ristoratori e commercianti che offrono ospitalità agli artisti.

Durante i concerti è piacevolmente offerta una degustazione di vini etnei dall’azienda Cottanera ed è allestito uno stand di libri, DVD e CD jazz in collaborazione con la libreria Birdland di Milano.

Programma

02 agosto

- SEAMUS BLAKE QUARTET feat. DAVID KIKOSKI SEAMUS BLAKE – SAX DAVID KIKOSKI – PIANO MATT CLOHESY – CONTRABBASSO ARI HOENIG - BATTERIA
- Seamus Blake è nato ndl 1970 in Inghilterra, ma è cresciuto a Vancouver, in Canada. All’età di 21 anni, quando era ancora studente presso il prestigioso Berklee College di Boston, fu invitato a suonare con il leggendario batterista Victor Lewis. Dopo la laurea, si trasferì a New York, dove in breve tempo si è insediato nella scena jazz di New York jazz. Nel febbraio del 2002, Seamus conquistò il primo posto nel Thelonious Monk International Jazz Saxophone Competition a Washington. Da vincitore, suonò con Wayne Shorter e Herbie Hancock.

03 agosto

- BILL CARROTHERS TRIO BILL CARROTHERS – PIANO DREW GRESS – CONTRABBASSO BILL STEWART - BATTERIA

Nato nel 1964 a Minneapolis, Minnesota, USA. Carrothers è diventato un pianista professionista nei primi anni ’80, conquistando subito una reputazione di musicista solido. Durante il ventennio successivo, ha suonato in diversi famosi locali negli Stati Uniti, compreso il New York’s Village Gate, Knitting Factory e il rinato Birdland, ma anche al Blues Alley a Washington. In Europa ha suonato al New Morning club a Parigi, ed è stato anche musicista di apertura in diversi festival, incluso l’Audi Jazz Festival a Bruxelles, al Nevers Jazz Festival, e al Marciac Festival.

04 agosto

- MARIO RAJA BIG BANG 25° MARIO RAJA - SAX TENORE E ARRANGIAMENTI ALICE RICCIARDI - VOCE CLAUDIO CORVINI – TROMBA FRANCESCO LENTO – TROMBA ROBERTO SCHIANO – TROMBONE CARLO CONTI - SAX BARITONO DANIELE TITTARELLI - SAX ALTO ENRICO BRACCO – CHITARRA PIETRO LUSSU - PIANO LUCA FATTORINI – CONTRABBASSO ARMANDO SCIOMMERI – BATTERIA

Nato nel 1956, Mario Raja ha esordito professionalmente a Roma nel 1977 dirigendo la sua prima orchestra al Festival del FOLKSTUDIO.

Si è diplomato in sassofono nel 1979 con Baldo Maestri. Nel 1983 ha vinto il concorso di primo sax tenore nell’orchestra della RAI-TV di Roma e ne è entrato a far parte. Dopo un anno ha lasciato l’orchestra per dedicarsi all’attività concertistica e all’insegnamento.

Nel 1988 ha fondato la propria orchestra "MARIO RAJA BIG BANG" con alcuni fra i più importanti jazzisti italiani. Con l’orchestra ha partecipato a Festivals internazionali, trasmissioni radiofoniche e televisive, ricevuto premi e riconoscimenti.

06 agosto ENRICO RAVA “Sicilia Project”

- ENRICO RAVA – TROMBA GIUSEPPE ASERO – SAX ALTO DINO RUBINO - PIANO NELLO TOSCANO – CONTRABBASSO MIMMO CAFIERO - BATTERIA

Enrico Rava (Trieste, 20 agosto 1939) è un trombettista, compositore, scrittore e flicornista italiano di musica jazz. Si tratta di uno dei jazzisti italiani più noti internazionalmente, anche grazie ad una lunga attività oltreoceano. Le sue influenze principali nel campo del Jazz sono Miles Davis e Chet Baker. Ha al suo attivo più di novanta registrazioni delle quali una trentina da solista.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -