Qualche semplice consiglio per il sindaco De Luca

di Giampiero Già - venerdì 13 marzo 2020 - 1132 letture

Dopo che Messina si è sorbita (ancora in corso) una brutta figura internazionale vi elenco tutto quello che potrebbe fare davvero un sindaco per "combattere" questo momento emergenziale (senza andare a scomodare Decreti, Prefetti e Presidenti del Consiglio):
- sanificazione e pulizia straordinaria delle strade;
- sanificazione e pulizia straordinaria dei locali pubblici (palazzo municipale, uffici, uffici delle Partecipate);
- sanificazione e pulizia straordinaria di tutti i mezzi pubblici (ATM, AMAM, MessinaServizi, mezzi di servizio vari);
- ritardare e rateizzare tutti i tributi comunali, agevolando finanziariamente il più possibile privati e commercianti (Tari, occupazione suolo, rette scolastiche, sbloccare autorizzazioni .. ecc)
- comunicare attraverso strumenti e canali istituzionali (ufficio stampa e sito web del Comune) al fine di rendere accessibile a tutti la stessa comunicazione
- chiedere al Governo fondi straordinari per i Comuni al fine di poter aiutare e sostenere attività e famiglie più in difficoltà, l’istituzione, da parte delle banche, di un fondo di garanzia per gli imprenditori, la sospensione delle rate dei mutui, l’attivazione della cassa integrazione;
- promuovere e supportare azioni e messaggi positivi e di supporto psicologico e sociale (esempio:"colorate i vostro balconi appendiamo arcobaleni ", "ce la faremo", "datevi appuntamento e suonate strumenti musicali dai balconi") unità e collaborazione al posto di nemici, fazioni e sceriffi;
- togliere quei poveri cristi dei controllori dei parcheggi dalla strada e lasciare parcheggi gratuiti in tutto il territorio comunale per tutto il periodo di emergenza;
- attivare procedure di semplificazione dei rapporti tra cittadini in particolare nell’individuazione di modalità che consentano l’erogazione dei servizi dell’Amministrazione, prediligendo modalità digitali e telefoniche nonché procedure automatiche di rinnovo dei titoli autorizzativi per la circolazione viabilistica da parte dei cittadini;
- aiutare i cittadini più in difficoltà (disabilità, anziani, famiglie numerose chiuse in casa, povertà) non sono scomparsi in questi giorni;
- attivare (in accordo con l’ASP) un presidio sanitario ospedaliero di base in piazza (mezzi mobili e tenda) Croce Rossa e del Nucleo Comunale Volontari Protezione Civile, per piccoli soccorsi in modo da non intasare gli ospedali
- istituire immediatamente un tavolo con tutte le associazioni di categoria e portare avanti, una volta finita l’emergenza, una campagna promozionale del territorio, per restituire ai turisti la voglia di tornare a visitare la nostra Città, mangiare nei nostri ristoranti e farsi il bagno nel mare di Messina la prossima estate.
- preparare già da adesso un cartellone di "spettacoli" e cultura estivi che aiuti finanziariamente e metta insieme tutti gli Operatori del settore cittadini (arte, musica, teatro, cinema),
- distribuzione generi alimentari per senza tetto e famiglie in difficoltà (insieme ai volontari della mensa di S. Antonio)
- massiccio acquisto di mascherine professionali e materiale di protezione individuale per rifornire tutti gli operatori e dipendenti comunali e delle partecipate;

N. B. questi punti sono degli esempi che sono già stati fatti da altri sindaci in tutta Italia.

P. S. Non glielo dite altrimenti ci dobbiamo sorbire qualche altra diretta social piena di minchiate e grida insieme ai suoi fedeli assessori che calano sempre la testa.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -