Sei all'interno di >> GiroBlog | Quisquilie & pinzellacchere |

Q&P n. 156 Grillo e la prova canotto

di Franco Novembrini - mercoledì 14 luglio 2021 - 668 letture

Sembra, pare, è probabile che la querelle per il controllo della direzione politica del MoVimento 5 Stelle sia giunta ad una soluzione, ma il condizionale è d’obbligo in quanto Beppe (Matteo) Grillo non pare nelle migliori condizioni per dettare una linea credibile alle truppe in ritirata di quella che fu una grande speranza per 11 milioni di italiani, ora ridotta ad un coacervo di interessi particolari la cui fotografia potrebbe essere il voto favorevole alla riforma della Giustizia da parte dei ministri, in questo caso da definire veramente grillodipendenti. Ecco a Grillo che tanto ha fatto, per quel che per ora si sa, per distruggere qualsiasi erede, alcuni che hanno studiato addirittura ricordano il dio Crono che divorava i suoi figli. Con una certa credibilità ed onestà intellettuale proporrei, se veramente volesse sapere cosa pensa la "base’’ del Movimento sugli accordi di governo, almeno quelli che si conoscono, perché non escludo che ce ne siano anche di indicibili e segreti, che pare di intravvederli dagli apprezzamenti che stampa e tv fanno di alcuni dirigenti passati da un giorno dalle stalle alle stelle. Consiglierei di leggere la caterva di elogi che i "giornaloni’’ hanno fatto su Di Maio, giorni prima definito un bibitaro. Anche Matteo Renzi giura (!?!) di avergli proposto mari e premierati se avesse mollato Conte. Ora Conte non governa più e Di Maio è ancora ministro degli Esteri. Ma una volta i consiglieri e del Principe non ne seguivano la sorte?

Dimenticavo un verbo che fu creato dagli americani durante la seconda guerra mondiale circa la affidabilità dei governanti italiani: to badogliate traducibile in azione maldestra, furbastra, ambigua, venata di tradimento. Certo Grillo ed soci non son gli unici della cordata che ha partecipato a quello che Marco Travaglio ha definito un "conticidio’’. Di Grillo che ha diretto il Movimento per molti anni, il quale senza uno straccio di autocritica non ha parlato durante questi ultimi anni nei quali venivano espulsi in quantità industriale chi la pensava e votava in maniera difforme dal Sacro Statuto perché pensava che i sani principi fondativi dei 5stelle non fossero seguiti nella realtà ma sottomessi ai vari ce lo chiede l’Europa, ce lo chiede la situazione, ce lo impone la pandemia. Il governo Draghi invece è stato benedetto da Beppe (M.) Grillo con una pesante intromissione dopo mesi di silenzio, definando lo stesso Draghi e il nuclearista Cingolani come dei grillini in nuce. Ad averne dei seguaci simili. Insomma per tornare al titolo di questo pezzo vorrei se Beppe volesse controllare lo stato di salute del Movimento , si sottoponesse ad una ordalia facendo quello che era suo costume una volta: la prova canotto. Cioè, durante un comizio in piazza, ripetesse un gesto che lo rese famoso, quello di gettarsi dal palco su un canotto che i militanti sorreggevano come un mare in tempesta e non lo facevano cadere per terra, sarebbe interessante vedere il risultato. Sconsiglierei invece quello della traversata a nuoto per las quantità di squali che giranp anche in terraferma. Ho visto che lui ora preferisce le piattaforme elettroniche con quesiti francamente non proprio chiari e che si risolvono con una specie di like. Cioè con modalità che hanno la stessa credibilità delle primarie del PD con qualcuno fuori dal banchetto che distribuisce santini elettorali e biglietti da 5 euro.

Ho la fortuna di aver sempre espresso la mia contrarietà ad ammucchiate di partiti, quei partiti definiti dai 5 stelle in mano a gruppi malmostosi e di corrotti e collusi con mafiosi, cementatori e inquinatori. Vorrei che vi ricordaste che a ciascuno di questi gruppi il movimento ha ceduto "onorevoli’’, che evidentemente non erano mossi dal senso dell’onestà e della giustizia, ma che qualcuno deve pur averli scelti. Forse con gli stessi abbagli di Beppe nei riguardi di Draghi e Cingolani. Io spero sempre che Conte faccia opera di pulizia e chiarezza e solo allora tornerò a votarli.

EUTANASIA LEGALE - In questi giorni molti amici del MoVimento della Lombardia si stanno dando molto da fare con temperature torride nei banchetti, senza rotelle, per la raccolta delle firme di una legge che ritengo talmente giusta da avere già da molti anni depositato nel mio Comune la volontà che nessuno possa operarmi o farmi delle cure che protraggano una vita che io consideriassi indecente. Ecco una delle ragioni che mi fanno ben sperare è questa: i volontari che si sono resi disponibili per queste banchettate sono la parte sana e sono molti dei 5stelle che apprezzo e che voterei ancora.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -