Sei all'interno di >> :.: Dossier | Archivio dossier | Ho incontrato la pace |

Progetto Scuole 2009-2010

Testo della proposta per le scuole da parte della Convenzione per la pace.
di Pina La Villa - martedì 15 settembre 2009 - 4934 letture

HO INCONTRATO LA PACE

La Convenzione per la pace indirizza le sue attività nei vari settori sociali con l’intento di aumentare la consapevolezza del ruolo fondamentale rivestito dalla pace nei rapporti tra i soggetti improntati al rispetto per la dignità di ogni uomo inteso come nostro prossimo. Per quest’anno Arci, C.o.p.e.– Cooperazione paesi emergenti, Emergency, Libera, Lila, Cgil, Mani Tese, Pax Christi, Facoltà di Lingue, Udi,– Unione donne in Italia, Centro Astalli, mettono a disposizione l’esperienza e i materiali in loro possesso relativi alle attività di educazione alla pace nelle scuole con la finalità di realizzare, per l’ultima settimana di Aprile 2010, una manifestazione pubblica sul tema “Ho incontrato la pace” in cui sarà possibile dare visibilità ai lavori degli alunni e rendere protagonisti questi ultimi di un momento di educazione alla pace verso i loro coetanei e gli adulti della società civile.

La proposta nasce da tre esigenze:

a) la necessità in questo momento storico, nazionale e internazionale, di moltiplicare gli spazi dell’educazione alla pace come condizione essenziale per garantire la democrazia e la giustizia sociale; b) la volontà di valorizzare e condividere tra docenti, studenti e cittadini i molteplici percorsi didattici che annualmente vengono realizzati sulla tematica in questione, sia direttamente che attraverso contenuti affini; c) il bisogno di instaurare un legame produttivo tra l’ambiente scolastico nelle sue componenti e le associazioni presenti sul territorio catanese che operano per la costruzione della pace attraverso le specifiche attività che le caratterizzano.

Muovendo da tale contesto e aggiungendo l’importanza del processo educativo nell’acquisizione di principi basilari quali la solidarietà, l’accoglienza, l’attenzione alla diversità nel rispetto condiviso di quei Diritti Umani indicati dalla Dichiarazione universale dell’ONU, la Convenzione propone ai docenti di fornire agli alunni i contenuti utili a rintracciare e interpretare la realizzazione di azioni di pace nei molteplici spazi dell’esperienza quotidiana, dalla stessa scuola ai luoghi di aggregazione giovanile, dal quartiere alla città, al più ampio contesto internazionale. In tal modo la varietà dei percorsi didattici condotti da ciascuna classe o scuola, pur differenziandosi in base alla scelta contenutistica, trova un filo conduttore nella trasposizione delle riflessioni in lavori finali capaci di far emergere gesti, scelte sociopolitiche e quant’altro possa costituire un incontro con la pace concretamente attuata.

Una proposta specifica della Convenzione, che anche quest’anno dedicherà una particolare attenzione alla questione israeliano-palestinese, è quella di iniziare uno scambio epistolare e/o tramite e-mail con i ragazzi del campo profughi palestinese di Shufat, all’interno della campagna proposta da Pax Christi “Ponti non muri – E’ tempo di cambiare”; parallelamente, i giovani produrranno materiale da inviare in Palestina, nell’auspicio della reciprocità degli invii.

Raccolte le adesioni delle scuole entro il 15 ottobre, sarà cura della Convenzione, tramite un primo incontro organizzativo, offrire ai docenti, in relazione alle aree proposte, adeguato materiale di lavoro oltre che la disponibilità a realizzare, durante il percorso, incontri mirati di informazione e/o di approfondimento, incontri utili anche a far conoscere ai giovani la realtà associazionistica catanese, i suoi modelli di lavoro, la sua azione positiva sul territorio in favore della diffusione della pace. Durante l’anno scolastico sono previsti altri due momenti di incontro, incentrati sul confronto di opinioni e di esperienze tra i giovani interessati, da realizzarsi a metà dicembre e a metà marzo; quest’ultimo incontro servirà anche per determinare la struttura interna della manifestazione.

Quest’ultima consisterà in un percorso, all’interno della struttura dell’ex Monastero dei Benedettini, attraverso cui si potrà entrare in contatto con i vari lavori raggruppati tematicamente: i visitatori saranno guidati dagli stessi alunni, che illustreranno e approfondiranno i contenuti presentati e il loro rapporto col contesto di riferimento. Sarà dunque possibile scegliere tipologie espressive varie, come cartelloni, fumetti, quadri, sculture, fotografie, dvd, cd-rom; è prevista la possibilità di realizzare spazi attrezzati per rappresentazioni sceniche e musicali, oltre che per estemporanee in grado di coinvolgere attivamente gli intervenuti. In relazione alla loro disponibilità, saranno gli stessi alunni ad allestire la manifestazione insieme ai rappresentanti della Convenzione e i loro insegnanti.

Numeri telefonici per info e info e adesioni:

Adriana Cantaro: 095432720/3400046813

Giuliana Mastropasqua: 3294934579.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -