Preludio / di Giovanni Pascoli



domenica 24 aprile 2005 , Inviato da Redazione Antenati - 2856 letture

Odio l’usata poesia: concede
comoda al vulgo i flosci fianchi e senza
palpiti sotto i consueti amplessi
stendesi e dorme.
 
A me la strofe vigile, balzante
co ’l plauso e ’l piede ritmico ne’ cori:
per l’ala a volo io còlgola, si volge
ella e repugna.
 
Tal fra le strette d’amator silvano
torcesi un’evia su ’l nevoso Edone:
piú belli i vezzi del fiorente petto
saltan compressi,
 
e baci e strilli su l’accesa bocca
mesconsi: ride la marmorea fronte
al sole, effuse in lunga onda le chiome
fremono a’ venti.


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Preludio / di Giovanni Pascoli
5 settembre 2012

Questa poesia non è di Pascoli, ma di Carducci: è il "Preludio" alle "Odi barbare"
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Ultimi interventi sul forum