Sei all'interno di >> :.: Culture | Teatro |

Persone: Sarah Bernardt

Cento anni dalla morte della Divina. Sarah Bernhardt morì a Parigi il 26 marzo del 1923

di Redazione - domenica 26 marzo 2023 - 2201 letture

100 anni fa l’addio alla "divina" Sarah Bernhardt, star mondiale prima di Madonna e Lady Gaga

I giornali [francesi] ricordano oggi [26 marzo 2023] i cento anni dalla morte di Sarah Bernhardt, un’attrice che fece conoscere il teatro francese in tutto il mondo, che creò tendenze, un mito vivente, una voce d’oro secondo Victor Hugo. “La prima star mondiale” assicura Pierre-André Hélène, storico citato da Le Figaro. “Per immaginarcela bisogna pensare a una somma tra Madonna, Lady Gaga, Rihanna, Beyoncé e Michael Jackson. E senza l’aiuto dei media, o di internet”.

Tra Comédie-Française e Odéon trionfò con le opere di Victor Hugo e con classici come la Fedra di Racine, poi lasciò il teatro ufficiale, creò la propria compagnia, fece tournée all’estero, diventò famosa a New York e anche in Australia. A fine carriera si cimentò col cinema muto recitando anche in due film autobiografici. Direttrice di teatri, le venne conferita la Legione d’Onore, e dopo l’amputazione di una gamba, a settant’anni, continuò a recitare da seduta. Ispirò l’attrice descritta da Marcel Proust in Alla ricerca del tempo perduto.

JPEG - 103.1 Kb
Sarah Bernardt - Foto LaPresse

Ricorda Le Figaro che durante il primo tour americano (1880), era “spesso accolta dalla Marsigliese”, che a New York gli uomini gettavano “i loro cappotti sulla strada perché venissero calpestati dall’attrice”, e che passava ore ed ore ad autografare i polsini delle loro camicie.

"Ci sono cinque tipi di attrici: cattive, passabili, buone, fantastiche, e poi c’è Sarah Bernhardt" affermò lo scrittore Mark Twain. “Era il mito mondiale del teatro”, spiega ancora Pierre-André Hélène su Le Figaro. Non importava se il pubblico all’estero non capiva il francese, la sua presenza vinceva su tutto e le sue scene tragiche erano le più attese. "La gente veniva per vederla morire".

Dopo una relazione con un nobile belga, ebbe diversi amanti, tra cui artisti come Gustave Doré, professò pubblicamente la sua bisessualità, ebbe un intenso rapporto anche con Gabriele D’Annunzio.

Fonte: RaiNews.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -