Sei all'interno di >> Flash |

Persone: Robbie Robertson

di Redazione Risonanze - giovedì 10 agosto 2023 - 803 letture

Lo ha confermato il suo manager Jared Levine: “era circondato dalla sua famiglia al momento della sua morte, tra cui sua moglie Janet, la sua ex moglie, Dominique e la sua compagna Nicholas, i suoi figli Alexandra, Sebastian, Delphine. Al posto dei fiori, la famiglia ha chiesto donazioni per la Six Nations of the Grand River, per sostenere la costruzione del loro nuovo centro culturale."

Canadese di nascita, attivo come musicista fin da ragazzo, la sua carriera ebbe una svolta quando entrò negli Hawks, la band di Ronnie Hakwins. Lavorò con Bob Dylan nella seconda metà degli anni ’60, durante la svolta elettrica: gli Hawks avevano già da tempo lasciato Hawkins e sarebbero poi diventati The Band, nel ’67. Robertson ne fu l’autore, chitarrista e principale autore.

Il gruppo si sciolse grande stile con l’ultimo valzer nel 1976, "The last waltz", un film-concerto con la regia di Martin Scorsese con ospiti come lo stesso Dylan, Neil Young, Van Morrison, Joni Mitchell , per poi riformarsi qualche anno dopo ma senza Robertson.

Lui nel frattempo aveva iniziato carriera come compositore di colonne sonore lavorando proprio con Scorsese, a partire da "Toro scatenato" nel 1980. Debuttò da solista, qualche anno più tardi, a partire dal disco eponimo del 1987 (con collaborazioni con U2 e Peter Gabriel); una gran carriera segnata anche da un ritorno alle sue origini con "Music for the Native Americans" (1994). Il suo ultimo album è stato pubblicato nel 2019, "Sinematic" (.qui la recensione),mentre a fine anno uscirà "Killers of the Flower Moon", il nuovo film di Scorsese di cui Robertson ha curato la colonna sonora: il suo ultimo lavoro.

Nel 2016 pubbliicò "Testimony", autobiografia in cui raccontò la stupenda carriera, accompagnata da una raccolta, mentre nel 2019 uscì il documentario "Once were brothers", dedicato alla storia della Band.

Tra le tante e meravigliose canzoni che ha firmato c’è "The weight", una delle più belle e amate della storia del rock.

Fonte: articolo di Gianna Sibilla da Rockol


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -