Sei all'interno di >> :.: Culture | Arte |

Persone: Fernando Botero

È morto il pittore Fernando Botero. L’artista colombiano aveva 91 anni, ed era noto in particolare per le sculture e i quadri che rappresentavano figure molto voluminose

di Redazione - venerdì 15 settembre 2023 - 1214 letture

È morto a 91 anni l’artista colombiano Fernando Botero, uno dei più noti pittori e scultori della seconda metà del Novecento, in particolare per i quadri e le sculture che rappresentavano persone dalle forme molto voluminose e che spesso reinterpretavano l’arte sacra.

Botero era nato a Medellín, la seconda città più grande della Colombia, dove aveva cominciato la sua carriera da pittore influenzato soprattutto dallo stile dell’espressionismo astratto. Negli anni Sessanta si trasferì prima a New York e poi a Parigi, dove cominciò a dedicarsi con più frequenza anche alla scultura. Nei suoi quadri e nelle sue sculture i personaggi assumono forme dai volumi volutamente esasperati, come anche i paesaggi urbani (spesso chiese, campanili e cattedrali, da cui emergono i legami dell’artista con la religione). Un altro tema ricorrente è quello della maternità, identificata di frequente nella figura della Madonna.

Negli anni Ottanta abitò a lungo anche in Italia, a Pietrasanta, in provincia di Lucca, attratto come molti altri artisti dalle fonderie del bronzo presenti nel territorio. È morto nel principato di Monaco, dove abitava da tempo.

Fonte: Il Post.


JPEG - 97.5 Kb
Fernando Botero

È morto Fernando Botero, l’artista colombiano aveva 91 anni

Il pittore e scultore è morto nel Principato di Monaco

È morto, all’età di 91 anni, il celebre scultore e pittore colombiano Fernando Botero. Caratteristica della sua pittura è l’insolita dilatazione che subiscono i suoi soggetti, che acquistano forme insolite, quasi irreali, ma con un proprio fascino. Ma è un passaggio necessario per ben far comprendere la necessità di colore delle sue opere. L’artista si rivela sostanzialmente distante dai suoi soggetti. Ed è proprio questa freddezza che fa scomparire dai personaggi la dimensione morale e psicologica. Gli sguardi sono sempre persi nel vuoto, gli occhi non battono, sembra quasi che osservino senza guardare. Tra il 1953 e il 1954 Botero viaggia tra Spagna e Italia ed esegue copie di artisti rinascimentali.

Fonte: RaiNews.

Il presidente della Colombia su X: "Il pittore delle nostre tradizioni e dei nostri difetti, il pittore delle nostre virtù"

Il pittore e scultore colombiano Fernando Botero, considerato l’artista vivente più famoso del paese sudamericano, è morto oggi all’età di 91 anni. Lo conferma il quotidiano colombiano ’El Heraldo’, citando fonti del ministero della Cultura e spiegando che il pittore delle figure rotonde, nato a Medellin, si è spento nella sua casa di Montecarlo.

In un primo momento il quotidiano parlava di un ricovero in una clinica di Pietrasanta, in Versilia, dove trascorreva molto tempo. Ma successivamente è stato chiarito che l’artista era stato ricoverato per una sospetta polmonite e poi era tornato a casa.

Sua figlia Lina Botero, parlando a Caracol Radio, ha spiegato che è morto questa mattina nel Principato di Monaco: "Era in pessime condizioni di salute da cinque giorni perché aveva contratto una polmonite", ha detto.

"È morto all’età di 91 anni, ha avuto una vita straordinaria e se n’è andato al momento giusto", ha detto sconvolta la figlia, che lo ha ricordato come una persona "che ha dedicato la vita al suo Paese, che è stato oggetto della sua opera artistica".

L’opera di Botero (pittura, scultura e disegni) è molto vasta, al punto che servirebbero diversi libri per spiegarla e affrontarla. Le sue opere sono state acclamate in tutto il mondo e i collezionisti le pagano milioni di dollari. Nel 2022, ad esempio, la scultura ’Man on Horse’ è stata venduta all’asta di Christie’s a New York per 4,3 milioni di dollari, un prezzo record per un’opera dell’artista.

Per Botero il lavoro e la famiglia erano le cose più importanti della sua vita. Uno dei momenti più complicati per lui fu la morte di suo figlio Pedrito, nel 1974, quando il bambino aveva 4 anni, in un incidente stradale in Spagna. Il presidente colombiano Gustavo Petro si è rammaricato della morte di Botero, che ha ricordato come il pittore "della nostra violenza e della nostra pace".

Il saluto del presidente della Colombia, Gustavo Petro, che con un post su X scrive: "il pittore delle nostre tradizioni e dei nostri difetti, il pittore delle nostre virtù".

Fonte: Rainews.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -