Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Omicidio Dax, condannati padre e figlio

Tra i graffiti che colorano i muri cittadini il suo nome appare spesso, impresso a lettere grandi e chiare, «Dax vive».
di Redazione - mercoledì 19 maggio 2004 - 10340 letture

Tra i graffiti che colorano i muri cittadini il suo nome appare spesso, impresso a lettere grandi e chiare, «Dax vive». Nel ricordo degli amici, nell’immaginario dei giovani, triste simbolo di una violenza a sfondo politico che si pensava archiviata negli anni Settanta e che invece è tornata ad uccidere.

Venerdì le condanne in primo grado per l’omicidio di Davide Cesare, il ragazzo di 26 anni meglio noto come Dax fra i frequentatori del centro sociale Orso, avvenuto a Milano nella notte tra il 16 e il 17 marzo dell’anno scorso: 16 anni e 8 mesi di reclusione per il trentenne Federico Morbi, 3 anni e 4 mesi per il padre Giorgio Morbi. Condanne dure quelle disposte dal giudice per l’udienza preliminare Cesare Tacconi, di poco inferiori alle richieste avanzate dal pubblico ministero Nicola Di Plotti di 18 anni per il primo e 5 anni per il secondo, alle quali si accompagnano i risarcimenti per i familiari della vittima: 150mila euro alla madre e 200 mila euro alla compagna e alla figlia.

«È stato respinto il tentativo della difesa di trasformare gli aggrediti in aggressori e gli aggressori in aggrediti - ha commentato l’avvocato Mirko Mazzali, legale di parte civile - è una sentenza giusta, soddisfacente. A noi non interessava la pena, a noi interessava che le attenuanti chieste dai difensori, cioè quella della provocazione e della legittima difesa, non venissero accolte. E così è stato. Hanno tentato di gettare fango sulla vittima e non ci sono riusciti».

Resta, però, una nota d’amarezza: «Ora aspettiamo le scuse della famiglia Morbi, che non sono mai arrivate. Speravamo che in ambito processuale fosse fatta chiarezza sugli antefatti che hanno portato all’aggressione di Davide Cesare, invece gli imputati non hanno spiegato in modo chiaro e univoco quanto avvenne. È uno dei più grossi rammarichi della famiglia». Sono infatti molte le zone d’ombra che ancora avvolgono gli accadimenti di quella notte.

Forse tutto iniziò con una banale rissa verbale davanti a un bar di via Brioschi: lì in tarda serata si sono ritrovati Davide ed alcuni amici dell’Orso, lì sono passati Federico Morbi, il fratello M. di 17 anni e il padre Giorgio con il cane. Un rottweiler di nome Rommel, occasione per uno scambio di insulti sulle rispettive simpatie politiche poi degenerato in tragedia.

Restano incerti i dettagli della dinamica, non l’esito che ebbe: dai primi spintoni si è facilmente passati alla rissa, finchè uno dei Morbi ha estratto un coltello. L’arma con cui è stato colpito a morte Davide Cesare, 13 coltellate di cui 6 alla schiena, e con cui sono stati feriti gravemente altri tre ragazzi.

Questa la certezza processuale raggiunta: per omicidio volontario sono stati condannati i due fratelli, il più giovane dei quali sta scontando in una comunità i tre anni di messa alla prova già disposti dal tribunale dei minori. Il padre è invece stato condannato, insieme al figlio M., per il tentato omicidio di Antonino Alesi, uno degli amici di Dax presenti: lo teneva fermo per le spalle mentre il piccolo di famiglia lo feriva.

Tuttora in corso, invece, la vicenda processuale legata ai tumulti che scoppiarono all’ospedale San Paolo in seguito all’omicidio. Molti ragazzi dei centri sociali, infatti, si radunarono nella notte davanti al pronto soccorso in cui l’ambulanza aveva trasportato il corpo di Davide Cesare per chiedere informazioni sulla salute dell’amico. Ad accoglierli molte forze dell’ordine: «Hanno messo in atto una vera e propria caccia all’uomo sullo stile di Genova - dichiararono il giorno successivo i giovani autonomi - picchiando selvaggiamente e senza motivo».

Forse sorpresi dalla rabbia e dal dolore generati dalla notizia della morte di Dax, polizia e carabinieri si sono scontrati con ragazzi lì radunati: colpi di manganelli su persone a terra, calci violenti al basso ventre e ai testicoli, ginocchia contro il petto. Qualcuno ha cerca di scappare fuori dalla sala d’aspetto, qualcun altro ha provato a rifugiarsi sotto le panche, e solo quando tutti si erano ormai allontanati anche gli agenti se ne sono andati dal San Paolo.

È quanto risulta dalle testimonianze: lo hanno raccontato i ragazzi, ma anche i medici e i pazienti che si trovavano allora al pronto soccorso. È quanto documenta un filmato, girato da un videoamatore che si trovava in zona e che, al richiamo delle urla e del rumore di vetri rotti, ha deciso di registrare gli avvenimenti. Per le inchieste aperte, a carico di alcuni agenti delle forze dell’ordine e di quattro persone dei centri sociali, sono state da poco terminate le indagini preliminari.

di Luigina Venturelli Unita.it


Rispondere all'articolo - Ci sono 4 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> Omicidio Dax, condannati padre e figlio
24 settembre 2005

Dax vive nei nostri cuori! Continuiamo a combattere questa società malata! Padroni di niente servi di nessuno
    > OMICIDIO DI DAX
    4 novembre 2005, di : Alle HxC

    UCCIDONO UN RIBELLE ANCORA UN ALTRA VOLTA, LACRIME DI ODIO NON CI AVETE DISTRUTTO MA PAGHERETE CARO PAGHERETE TUTTO,NON L’AVETE UCCISO E’ QUI CON NOI DAX ODIA ANCORA!NON TI DIMENTICARE E ORA DI AGIRE LA LOTTA E’ NELLE STRADE DIFENDI IL TUO IDEALE,HAI CAPITO CHI è IL TUO NEMICO è IL PRIMO DELLA LISTA,RESTA A TESTA ALTA:LOTTA ANTIFASCISTA!
    > Omicidio Dax, condannati padre e figlio
    29 marzo 2006

    16 maezo bandiere rosse al vento uccidono un compagno ne nascono altri cento
    > Omicidio Dax, condannati padre e figlio
    28 giugno 2006, di : matrio-ska

    quoto in tot lotteremo x la liberta!
Omicidio Dax, condannati padre e figlio
4 aprile 2006

nazi infame, devi finirla con le lame!!!
    Omicidio Dax, condannati padre e figlio
    18 giugno 2006, di : BOB

    LIBERTA PER TUTTI GLI ANTIFASCISTI....DAX..TU E TUTTI I COMPAGNI SARETE PRIMA O POI VENDICATI! HASTA LA VICTORIA SIEMPRE ....DAX VIVE E ODIA
Omicidio Dax, condannati padre e figlio
6 aprile 2006, di : L’infamia dei nazi e degli sbirri...

NO AL RAZZISMO! NO ALLA XENOFOBIA! NO AL FASCISMO VECCHIO E NUOVO!

CON DAX NEL CUORE...

UN TUO COMPAGNO

Omicidio Dax, condannati padre e figlio
7 maggio 2006

Chi ha ucciso Davide deve pagare, ma non mi sembra onestamente che gli ideali del movimento di cui faceva parte siano proprio così per la non-violenza... quindi andiamoci piano prima di dire lotta antifascista. Come spesso si dice, l’estremismo fa male da una parte e dall’altra. Comunque RIP.
    Omicidio Dax, condannati padre e figlio
    11 ottobre 2006, di : Adolfo

    i comunisti sono sempre i soliti sfigati!!! sono maestri nel creare i miti e incapaci di vivere nella vita reale....