Sei all'interno di >> GiroBlog | Linking |

Nuove discipline olimpiche: il salto dell’ICI

Cosa succede quando una persona onesta come Josefa Idem viene accusata di non aver pagato l’ICI?

di Sergej - lunedì 24 giugno 2013 - 2244 letture

La questione che si è scatenata attorno all’ICI non pagata del ministro Josefa Idem è di quelle che hanno scatenato le partigianerie, e il relativo putiferio di facciata sulle testate schierate. Ma la faccenda colpisce più sottilmente quel confine tra personale e politico che, una volta superato, cambia lo stesso modo con cui le leggi vanno osservate (nel senso di applicate, seguite, rese pratica di vita). Le leggi non sono uguali per tutti. I potenti vorrebbero che le leggi non valessero per loro (Berlusconi), i pezzenti (tutti noi) vorremmo che le leggi valessero anche per loro.

Gilioli, in un intervento sul suo blog venerdì 21 giugno, dice alcune cose importanti:


"L’intervista che oggi il ministro Idem ha rilasciato a Concita De Gregorio è da conservare e da far studiare in una futura scuola di politica: come esempio da non imitare.

Intanto, il metodo: attaccata dalla ’stampa avversaria’ (quella di destra) Idem decide di rilasciare un’intervista a quella che presume essere una testata a lei più vicina (’Repubblica’). Crede che ‘giocare in casa’ le offra qualche vantaggio. Invece l’immagine che ne esce è quella di una persona che ha paura di confrontarsi davvero (in qualsiasi altro modo, dall’incontro stampa aperto alle domande dei giornalisti di ogni testata alla conferenza on line aperta a tutti) e quindi sceglie un ‘terreno amico’, dunque appare come paurosa.

Ma transeat. Quello che è veramente sbagliato è il merito della reazione e il suo apparato argomentativo.

Primo: «Ho fatto otto olimpiadi e intanto due figli». Non c’entra niente. Sembra Berlusconi quando per difendersi dai processi dice di aver costruito un impero e vinto cinque coppe dei campioni. Si sta parlando di un’altra vicenda, decisamente.

Secondo: «Non mi sono mai occupata personalmente della gestione di queste cose, non le saprei nemmeno dire di che cifre stiamo parlando». Qui il messaggio è del tipo ‘io sono sempre stata parte della casta fortunata di chi non deve sporcarsi le mani con la realtà, le bollette da pagare, le dichiarazioni dei redditi da presentare, cose così: c’è sempre stato qualcun altro che l’ha fatto per me’. Gran brutto segnale, mediaticamente: noi umani, invece, siamo costretti a star dietro alle scadenze anche se sono delle rotture di coglioni e magari perdiamo un giorno per pagare un divieto di sosta. Senza dire, ovviamente, che “non occuparsene” non solleva di un grammo dalla responsabilità, anzi fa ricadere nel gorgo grottesco dell’«a mia insaputa».

Terzo: «Se il gioco al massacro abituale intorno a noi prevede che questo sia il mio turno per essere fatta a pezzi io dico: la poltrona non mi interessa, mi interessa il progetto per cui sono stata chiamata». Ecco, ministro Idem, questo si chiama prendere a pretesto i toni degli attacchi per non comportarsi in modo limpido. Il ‘gioco al massacro’, se c’è, è responsabilità di altri e qui il problema politico consiste invece nelle eventuali responsabilità sue: nel caso, una scorrettezza compiuta nei confronti della comunità (aver aggirato una tassa, questo mi pare assodato) emersa la quale si lascia l’incarico, con tranquillità, proprio per impedire l’eventuale gioco al massacro che danneggia la sua immagine e la sua parte politica.

Quarto: «La denuncia di irregolarità a Ravenna è emersa solo dopo che sono diventata ministro». Signora, questo in una democrazia aperta è normale, anzi sano. Nessuno aveva messo il naso sulle scappatelle di Gary Hart prima che si presentasse alle primarie. E se Scajola fosse stato un casellante anziché un ministro non sarebbe sorto uno scandalo sulla casa al Colosseo. Fa parte del gioco. Lamentarsene è, quanto meno, un po’ naif.

In altre parole: quello che ha fatto Idem non è cosa “da massacro” e non si tratta di un comportamento paragonabile a quello dei farabutti di ogni partito che vediamo ogni giorno all’opera. E’ stata però una scorrettezza che – proprio per non essere né sembrare tutti uguali e proprio per non mostrare attaccamento alla poltrona – andava fatta seguire subito da una serena, dignitosa e nobile letterina di dimissioni. Sottolineando così la propria dirittura morale e la propria superiorità nei confronti degli evasori e dei delinquenti che stanno in politica. E giovando quindi anche alla propria reputazione, sul medio-lungo termine, in modo molto più robusto rispetto a quella che pare una disperata arrampicata sugli specchi."


L’intervento di Gilioli.

L’intervista di De Gregorio a Idem su Repubblica


Io credo che Idem sia in buona fede, e che sia una persona onesta. Credo anche che con il sistema che abbiamo in Italia sia impossibile per chiunque non scontrarsi giorno per giorno con l’illegalità diffusa che è il sistema stesso a volere e perpetuare. Onestà significa allora essere "sostanzialmente onesto", "non essersi macchiato di reati davvero gravi". In questo sistema, la vendetta dei giornali di destra che può impallinare la "faccia onesta" dei PD - dopo il precedente della casa di Scaloja in cui le parti erano invertite. Perché poi le "squadre" delle due tifoserie giornalistiche (chiamarle "politiche" sarebbe usare una parola vera per qualcosa che vero non è) giocano in questo modo, si muovono psicologicamente in questo modo. Con il particolare che poi invece l’ "onestà" vera esiste davvero, e che in politica occorre che non ci siano macchie. E allora Idem avrebbe dovuto dimettersi, ma non come segno della vittoria degli "altri", dei disonesti e dei calunniatori, ma proprio come segno dell’essere quel valore non una aspirazione ma una tensione di vita, un valore attuante. Idem per me rimane una persona sostanzialmente onesta, ma il nostro Paese ha perso l’occasione di essere un po’ più pulito.


PS: l’idea/battuta del titolo non è mia, ma di PB - che ringrazio.


Aggiornamento (25 giugno 2013): Josefa Idem si è dimessa. Il modo ingarbugliato con cui è avvenuta la cosa lascia comunque l’amaro in bocca. La non linearità delle posizioni degli esponenti del PD rimane comunque una costante. Chiaramente nessuno di noi è un robot, nessuno di noi ha un libretto di istruzioni o una procedura preordinata che ci permetta di saper(ci) comportare nelle diverse evenienze dell’esistenza. Umanamente è comprensibile, politicamente no. In ogni caso Idem si è dimessa, un pluricondannato come Berlusconi cosa dovrebbe fare, secondo voi?



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -