Sei all'interno di >> :.: Rubriche | Sportivamente |

No me lo puedo creer: il triplete della Spagna

La Nazionale di calcio spagnola approda a un favoloso tris: due Campionati Europei e un Mondiale nel giro di sei anni. Nessun’altra compagine nazionale europea vi era finora riuscita.
di Orazio Leotta - martedì 3 luglio 2012 - 2888 letture

Vediamo nel dettaglio alcuni dati statistici:

Spagna campione europea 2012

1) La Spagna con la vittoria sull’Italia nella finale di Kiev si porta a quota tre successi nell’Albo d’Oro dei Campionati Europei, eguagliando così la Germania (comprese le vittorie ottenute come Germania Ovest). I tedeschi tuttavia possono vantare anche tre finali perse, contro solo una degli iberici.

2)Battendo l’Italia per 4-0, gli spagnoli hanno ottenuto la migliore performance in una finale. Prima di adesso la vittoria più larga in una finale era stata ottenuta nel 1972 dalla Germania Ovest (3-0 all’URSS).

3) Con un solo gol subito nella fase finale la Spagna, nazione vincitrice, eguaglia così l’Italia (1968) e la Germania Ovest (1972). Ma la percentuale è nettamente a favore degli iberici perché ottenuta su un maggior numero di partite giocate.

4) Gli spagnoli Fernando Torres e Juan Mata, già vincitori della Champion’s League con la maglia del Chelsea, pervengono così a una invidiabile accoppiata.

5) Accoppiata ottenuta anche dai nazionali giocatori del Real Madrid nonché da David Silva, vincitori coi loro club, del rispettivo campionato nazionale.

6) Per la terza edizione consecutiva, la squadra sconfitta in finale non perviene ad alcuna marcatura.

7) Andres Iniesta è stato nominato miglior giocatore del torneo (succede al connazionale Xavi). Fernando Torres, sia pur in coabitazione con altri cinque giocatori, vince la classifica dei marcatori ma si aggiudica lui la Scarpa d’Oro perché militante nella squadra campione. Succede a David Villa (4 gol nel 2006). Anche nell’edizione del 1964 (la prima vittoria degli iberici), il capocannoniere era stato uno spagnolo, Jesus Maria Pereda con due reti.

8) Quanto all’Italia, curiosamente, ricordiamo che l’arbitro dell’unica finale vinta (2-0 sulla Jugoslavia nel 1968) era proprio uno spagnolo, il sig. Ortiz De Mendibìl.

9) Per la quarta volta nella storia, le due squadre finaliste, sono tornate ad incontrarsi dopo la fase a gironi. Era già accaduto nel 2004 tra Grecia e Portogallo; nel 1988 tra URSS e Olanda e nel 1996 tra Germania Ovest e Repubblica Ceca.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -