Sei all'interno di >> :.: Culture | Libri e idee |

Niccolò Cusano e la "dotta ignoranza"

Ernst Cassirer introdusse la sua "Storia della filosofia moderna" proprio con una riflessione molto approfondita sul pensiero di Niccolò Cusano.

di Lucio Garofalo - sabato 8 luglio 2023 - 664 letture

Niccolò Cusano è probabilmente la figura di maggior rilevanza filosofica del XV secolo, la più alta e organica espressione della filosofia e dello scenario culturale dell’Umanesimo rinascimentale europeo. È stato il primo pensatore tedesco di un certo peso: nato a Kues (Cusa in italiano), località nei pressi di Treviri, la città natale di Karl Marx. L’influenza di Niccolò Cusano si è rivelata alquanto significativa nei confronti di alcune correnti filosofiche posteriori ed alcuni pensatori dei secoli successivi (fu lui a recuperare l’idea di "monade", ripresa in seguito, sia da Giordano Bruno, che da Leibniz), come in altri settori specifici dello scibile umano: si pensi agli studi astronomici, in cui anticipò le grandi scoperte compiute nel XVII secolo da Copernico, Keplero e Galileo Galilei.

In particolare, il suo apporto teorico più originale e notevole è stato sul terreno gnoseologico, in cui ha formulato la dottrina della "dotta ignoranza", un "ossimoro" di tipo terminologico, ma che rivisitava ed argomentava, in chiave metafisica e teologica nuova, il teorema socratico ben noto: "sapere di non sapere".

La modernità e novità dell’opera filosofica di Niccolò Cusano consistono nella mondanizzazione e storicizzazione del contenuto religioso e nell’esaltazione del principio della dignità dell’uomo. Il discorso di Cusano è che, tenendo in considerazione la incommensurabile immensità e la inconoscibilità del divino rispetto ai limiti del mondo sensibile, un tale atteggiamento di "dotta ignoranza", o di consapevolezza dei propri limiti, si presenta all’uomo come l’unico modo ragionevole di porsi di fronte all’ignoto e all’infinito. In tale ottica umanistica, in cui si riscopre il valore della dignità dell’uomo con i propri limiti, la speculazione di Niccolò Cusano si ripropone in una veste sempre viva ed attuale, di una modernità davvero sorprendente ed originale. A tal segno che Ernst Cassirer introdusse la sua "Storia della filosofia moderna" proprio con una riflessione molto approfondita sul pensiero di Niccolò Cusano.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -