Sei all'interno di >> :.: Dossier | Archivio dossier | Bernardo Provenzano |

Nella masseria volantini elettorali di Cuffaro

Breve articolo pubblicato su La Sicilia, l’11 aprile 2006.
di Valerio Contarino - mercoledì 12 aprile 2006 - 8778 letture

PALERMO - Nella masseria dov’è stato arrestato il boss Bernardo Provenzano gli investigatori, in un barattolo di vetro con penne e altri fogli, hanno trovato dei fac simile elettorali del candidato al Senato Totò Cuffaro, presidente della Regione, e della lista "Patto per la Sicilia", del sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, candidato al Senato.

Il materiale propagandistico - che è stato ripreso da alcuni fotografi e troupe radiotelevisive - non è stato trovato all’interno del casolare dove dormiva Provenzano ma nel locale utilizzato da Giovanni Marino, il pastore proprietario del casolare arrestato con Provenzano, per la preparazione di formaggi e ricotta.

La Sicilia, 11/04/2006


Rispondere all'articolo - Ci sono 4 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Ma non avete altro da fare?
16 aprile 2006, di : uno che con La Sicilia non si pulisce neppure il culo.

Quale sarebbe la rilevanza della notizia? Ma quale sarebbe l’attinenza con l’arrestato? A proposito dell’arrestato, ma vi siete chiesti come è stato identificato? In altre parole chi l’ha detto che si tratti di Provenzano? Va bene che La Sicilia è il bollettino della ’giustizia’ siciliana, ma lascia in pace i lettori di questo sito. Le stronzate possiamo leggerle sui giornali, non occorre echeggiarle qui.
    Ma non avete altro da fare?
    16 aprile 2006, di : Tano Rizza

    é Provenzano semplicemente perche l’analisi del DNA corrisponde
    MA QUALE DNA?
    26 aprile 2006, di : Josè

    MA SE IL 25 APRILE A PORTA A PORTA HANNO DETTO CHE NON E’ STATO FATTO NESSUN ESAME DI DNA!

    MA POI IL DNA SI ESAMINA PER CONFRONTO. E CON QUALE DNA LO CONFRONTANO SE E’ LATITANTE DA 43 ANNI.

    MA INSOMMA QUANDO VI SVEGLIERETE?

Nella masseria volantini elettorali di Cuffaro
18 gennaio 2008, di : CLEOPATRA

PER TANO RIZZA....... INCREDIIIIBILEEEEEEE.............

MA ADESSO CUFFARO NON HA PIU’ NULLA DA TEMERE..... TANO RIZZA, NON SO, SE LO HAI GIA’ SAPUTO MA A PALERMO E’ SBARCATO IL CAVALIERE MASCHERATO..... ZORRO ALIAS PIPPO GIANNI E’ ARRIVATO PER SALVARE CUFFARO INFATTI HA DICHIARATO CHE LA CLASSE POLITICA E’ OFFESA POICHE’ ORA: " CI STANNO SCASSANDO LA MINCHIA" , SI E’ MIGLIORATO INFATTI PRIMA DICEVA " MA SUCUNU" ORA DOPO L’ESPERIENZA ROMANA SI E’ RAFFINATO ED HA ADDRIZZATO IL TIRO CON CI STANNO SCASSANDO LA MINCHIA....

LA CLASSE POLITICA A CUI APPARTENGONO LORO ( CUFFARO E GIANNI) E’ OFFESA, LA CLASSE POLITICA DEGLI SGAMATI..... E TROMBATI....!!!!!!!!! UN URRA’ PER LA MAGISTRATURA (NON MALATA COME DA ARTICOLO DELLA SICILIA),........ NON MOLLATE , NON LASCIATEVI INTIMIDIRE DA QUESTI PERSONAGGI DA CARTONE ANIMATO....... NON VI CURATE DI LORO E ANDATE AVANTI , LE LORO PAROLE HANNO LE ALI, LE LORO MINCHIATE LASCIANO IL TEMPO CHE TROVANO........ ORMAI FANNO SOLO RIDERE, SI SONO PERFEZIONATI INFATTI PRIMA FACEVANO PIANGERE.....

Nella masseria volantini elettorali di Cuffaro
22 gennaio 2008, di : MARIA LUISA GRECO

NON HANNO FEGATO, NON HANNO LE PALLE PER ASSUMERSI LE LORO RESPONSABILITA’. CASINI NON DEVE FARLA TANTO LUNGA, COME SI POSSONO PRENDERE LE PARTI DI UN CONDANNATO, DI UN CONDANNATO A 5 ANNI CARCERE PER AVER FAVORITO ESPONENTI NON MAFIOSI MA VICINI ALLA MAFIA, ME LO SPIEGHI PER FAVORE? UDC MEZZO PARTITO INDAGATO, CONDANNATO, E ANCORA HANNO IL CORAGGIO BARBARO DI PARLARE. E QUEI VOLANTINI DI CUFFARO NELLA MASSERIA DOVE SI NACONDEVA PROVENZANO ME LI VUOLE SPIEGARE, I TENTATIVI FALLITI DI CATTURA DEL LATITANTE PROVENZANO , CHI LO AVVERTIVA? GUARDA CASO SI SCOPRE CHE GLI PASSAVANO INFORMAZIONI RISERVATE, GUARDA CASO, PERO’ GRASSO SI DEVE LEGGERE BENE LA SENTENZA, PERO’ A LUI LA MAFIA FA SCHIFO! SIETE UN PUGNO DI BUFFONI E BASTA. CHI VI VOTA E PIU’ BUFFONE DI VOI.
Nella masseria volantini elettorali di Cuffaro
4 marzo 2013, di : MarcelloFioravanti

Mi sono ricordato di questa vecchia notizia... finalmente in Sicilia sembra ci siamo liberati dell’UDC e dell’eredità di Cuffaro e dei suoi volantini elettorali