Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Municipale Balcanica: suoni di Levante

Cosa accade se mescolate la musica popolare levantina all’Yiddish con sprazzi ed improvvisazioni jazz? Semplice: Municipale Balcanica.

di Manuela Boccone - martedì 12 luglio 2005 - 6027 letture

Cosa accade se mescolate la musica popolare levantina all’Yiddish con sprazzi ed improvvisazioni jazz? Semplice: Municipale Balcanica. Ben 11 ragazzi da Terlizzi (BA), paese che ha dato i natali anche al Presidente della Regione Puglia Vendola e per cui la Muncipale si è impegnata attivamente per la sua campagna elettorale. Questo connubio ha dimostrato che il fermento culturale e politico non si muove solo nelle grandi città.

Gli 11 saltellano sul palco e fanno saltare il pubblico ad ogni concerto con un’energia fatta di fiati, percussioni e passione per la tradizione sposata alla sperimentazione. Li ascolti e pensi: ma questo è Bregovic! E tutti i torti non li hai ma se li riascolti noti che oltre alla "follia" tipica della musica balcanica ci sono quelle "tempeste di suoni" in cui sembra che ogni strumento segua un proprio percorso indipendentemente da tutto il resto per poi ritrovarsi nello stesso punto e ricominciare con la medesima foga. Gli strumenti si rincorrono in un ritmo crescente come in una sequenza surreale, esilarante e grottesca di un film di Kusturiça.

Il loro primo lavoro, uscito lo scorso aprile, si chiama "Fòua" ovvero "grazie" in lingua macedone. La scaletta prevede 14 brani di cui la metà sono tratti dalla tradizione della musica ebraica, "Odessa Bulgarish" (yiddish), "Ale Brider", "Hava Nagila", "Araben Tanz" (klezmer) e con l’unica eccezione di Rigoudon French, tratto da una danza francese del 1500.

I restanti brani ("Arlecchino", "Dio è Zingaro", "Fòua", "Carovana", "Unique sun unique blood!", "Ali bienvenu!", "Pinuccio") sono opera di Livio Minafra, leader del gruppo (piano e fisarmonica) nonchè erede dal padre Pino, trombettista dei Canto General, del talento di artista originale e capace di superare ciò che è stato già sperimentato.

Gli altri 10 componenti sono Raffaele Piccolomini e Armando Giusti ai sax, Michele Rubini alla tuba, Michele De Lucia al clarinetto, Paolo Scagliola a tromba e flicorno, Giorgio Rutigliano al basso elettrico, Raffaele Tedeschi a voce e chitarre, Alessandro Paparella a chitarra e grancassa, Nico Marziale e Luigi Sgaramella alle percussioni.

Alla realizzazione del cd, prodotto dall’etichetta Ethnowolrd e distribuito dalla Venus, si sono aggiunti, in veste di ospiti, le voci di Anna Cellammare e Filomena De Leo, il violino di Carlo Porfido (del gruppo popolare dei Sudironda), il trombone di Michele Marzella e la tromba di papà Pino Minafra.

Il gruppo, molto attivo sotto il punto di vista "live" a livello locale, si sta facendo conoscere anche nel resto d’Italia e quest’estate oltrepasserà i confini nazionali arrivando fino in Germania.

La Municipale Balcanica ha l’impronta della cosiddetta banda da paese e oltre ad associarla alla "wedding & funerals Band" di Bregovic non possiamo dimenticare progetti musicali italiani molto vicini alla Municipale, come l’Orchestra di Piazza Vittorio (ensemble di artisti provenienti da mezzo mondo ed icona musicale della multiculturalità) e la Banda Ionica (tra i cui fondatori c’è Roy Paci) che però, come dice il nome stesso, mostra le tradizioni del versante di Ponente.

Da citare la lunga introduzione, dal carattere drammatico, di "Dio è zingaro" che ricorda i temi sacri molto cari alla Banda Ionica, nel quale una lettura in latino di un brano di Seneca, conduce poi al brano vero e proprio. Ma nel caso della Municipale il tema religioso è affrontato con uno spirito diverso, piuttosto come una filosofia tipica del nomadismo piuttosto che della devozione.

Il cd si conclude con un finale pirotecnico nel vero senso della parola in quanto l’ultimo brano, "Pinuccio", è accompagnato dai rumori dei cosiddetti "botti" per festeggiare la realizzazione di un ottimo lavoro che ci auguriamo ne preceda altri.


"Fòua" è acquistabile al prezzo di 17,90 € presso la Feltrinelli o direttamente sul sito www.municipalebalcanica.com


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -