Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Mafie |

Mandiamolo in pensione

Girodivite partecipa all’iniziativa dei colleghi e amici di Riccardo Orioles. Firma anche tu perché al giornalista siciliano sia riconosciuta l’applicazione della Legge Bacchelli.

di Redazione - mercoledì 28 dicembre 2016 - 5508 letture

"Mi chiamo Luca Salici e sono un giornalista nato a Catania 34 anni fa. Vivo e lavoro a Roma da un decennio. Ho un bimbo di 9 mesi, una splendida moglie e oggi mi sento sereno, anche se per la nostra generazione contraddistinta da una profonda precarietà – economica e quindi esistenziale – subisco gli alti e bassi di un Paese che ogni tanto dimentica di offrire sostegno ai suoi cittadini. Da tempo non sopporto un’ingiustizia ai danni di una persona che reputo un grandissimo professionista, un maestro di vita per tanti giovani, un uomo che tutto lo Stato e il popolo italiano dovrebbero riconoscere come un grande intellettuale e scrittore. Mi riferisco a Riccardo Orioles, 67 anni, giornalista e fondatore de “I Siciliani” insieme a Pippo Fava – direttore della testata, ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984 – e ad una serie di “carusi” (giovani) nati e cresciuti alle pendici dell’Etna..."

E’ l’incipit del testo che è possibile leggere su Change.org il sito su cui è possibile firmare per chiedere l’applicazione della Legge Bacchelli per Riccardo Orioles. Una storia che si intreccia con la storia di Girodivite. Invitiamo tutti a leggere e firmare.

orioles500px



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -