MANIFESTO DEL CAMPEGGIO NAZIONALE CONTRO IL PONTE - MESSINA 1 - 7 LUGLIO: il documento finale

Questo appuntamento nazionale, indetto dal Messina Social Forum e che ha visto una significativa partecipazione delle realtà meridionali ed una certa disattenzione di quelle nazionali, ha voluto essere un contributo volto a promuovere la tematica della Lotta contro il Ponte e le Grandi Opere e per la tutela e la valorizzazione dell’Ambiente e dei Territori.

di Redazione - venerdì 20 febbraio 2004 - 6692 letture

Il miraggio Ponte non riguarda solo le città e le regioni direttamente interessate al progetto; per la sua portata e per la centralità nel legittimare l’ulteriore strappo nella politica liberista del governo, assume una dimensione nazionale che non può essere ignorata, pena l’ irrilevanza di ogni pratica critica ed antagonista.

L’accelerazione liberista nei processi di mercificazione e l’imposizione in tutti gli ambiti della priorità del profitto sta comportando un sacrificio crescente del territorio e dell’ambiente , dei diritti , dei bisogni e delle speranze delle popolazioni. La minaccia del Ponte è stata ed è presente nei programmi politici sia del centro- sinistra che del centro -destra. Nella versione berlusconiana assume le caratteristiche di un modello di sviluppo speculativo che lega la realizzazione delle grandi opere alla svendita del patrimonio naturalistico, culturale ed artistico, alla microspeculazione diffusa, portatrice di cinismo sociale e di consenso consociativo.

In contrasto con le enunciazioni liberiste sulla centralità del mercato, il denaro pubblico, sottratto penalizzando assistenza e servizi pubblici, serve a realizzare Grandi Opere( Ponte, Autostrade, Centrali.) che vengono poi regalate attraverso la privatizzazione a Gruppi e Società collaterali al ceto politico, il cui contributo essenziale è di incassare i profitti. Si ribadisce così il tradizionale passaggio Spesa Pubblica - Profitto Privato.

Su questo piano è evidente la convergenza d’interesse dei potentati finanziari, economici, politici e mafiosi, il cui intreccio ormai non fa più né reato, né scandalo. Del Ponte si parla da tempo, tanto da indurre molti ad abbassare la guardia, ma forse stavolta una qualche mostruosità è in arrivo. Se la realizzazione finale del Ponte è incerta sia sotto il profilo tecnico (si pensi solo alle incognite determinate dal rischio sismico), che della economicità, i pericoli che si avvicinano a grandi passi riguardano la razzia di fondi pubblici( circa 7 Miliardi di euro) e la devastazione del territorio con l’avvio della cantierizzazione. Le ragioni del Ponte se affrontate in dettaglio si sfaldano l’una dopo l’altra:

In una realtà affamata di reddito le prospettive di occupazione locale offerte dal Ponte sono di lavoro a termine e a bassa specializzazione, inoltre grazie al subappalto a cascata il lavoro sarà fondamentalmente in nero e gestito dal capolarato mafioso, quindi senza tutela contrattuale e antinfortunistica, i morti si conteranno alla fine. · Quale Infrastruttura che dovrebbe svolgere una funzione di volano per lo sviluppo economico il Ponte è un’opera morta che mortifica le potenzialità di crescita locale. E’ infatti anacronistica rispetto al suo compito dichiarato di via di comunicazione, di fronte alla accertata caduta tendenziale dei transiti e allo sviluppo in atto della intermodalità nei collegamenti. Per la città di Messina sarebbe ulteriore fonte di marginalizzazione rispetto al flusso turistico, in quanto con il sorvolo si troverebbe del tutto bay-passata. Comporterebbe inoltre un esodo forzato delle parti di popolazione residenti sul sito e in generale un drammatico ed invadente processo di militarizzazione del territorio per l’evidente carattere di obiettivo strategico di una simile opera. Infine, essendo il Ponte sostanzialmente una infrastruttura fittizia, in quanto è essenzialmente una operazione finanziaria speculativa, il suo destino, ultimato o non, sarebbe quello di affiancarsi, svettando, alle altre cattedrali nel desertificato nostro territorio. Le assemblee interne al campeggio e le conferenze-dibattito sul territorio, hanno voluto dar voce e potenziare, con un vitale collegamento alle realtà sociali e di movimento, quel lavoro critico già avviato da tempo in ambiti di studio e di mobilitazione più ristretti, ma soprattutto hanno voluto centrare l’attenzione e la forza creativa dei soggetti interessati sulla necessità di elaborare una visione complessiva alternativa e proposte concrete volte a valorizzare i territori e a conseguire una crescita della qualità della vità.

L’insularità della Sicilia non è un limite che va superato, ma è patrimonio storico e culturale irrinunciabile. Piuttosto è da superare l’isolamento derivante dalla marginalizzazione del territorio meridionale e siculo-calabro in particolare.

La modernizzazione della rete ferrovia, stradale, marittima e aereoportuale, secondo criteri di ecocompatibilità e di reale commisurazione ai bisogni, può promuovere i nostri territori e sdradicarci dal fondo della penisola solo se risulterà accessibile a tutti e non foriera di ulteriori devastazioni. Il collegamento agile, veloce e di tipo "urbano" tra le due sponde dello stretto è un’esigenza di unione sempre presente nelle popolazioni locali, al di là delle riva-lità tradizionali, che nulla hanno da spartire con il Mostro - Ponte.

E’ evidente che altre sono le priorità, che servono investimenti sottratti al malaffare per servizi essenziali quali Acqua, Istruzione e Ricerca pubblica, Sanità. E’ evidente che è scandaloso il mancato utilizzo della principale ricchezza del meridione, quel giacimento inesauribile di Energia Solare (e di altre fonti di energia rinnovabili), che per le forze politiche non esiste se non può essere ’centralizzato’ e mercificato tramite bollette, mentre potrebbe essere immediatamente fruibile in modo disseminato e autogestito. E’ evidente che la cosiddetta vocazione turistica del meridione può e deve essere perseguita solo dentro le coordinate di un’ecocompatibilità accertata e dibattuta e di una valorizzazione dei territori, della cultura, dei saperi e delle competenze delle popolazioni locali, in condizioni di libera interrelazione sociale, quindi anni- luce lontani dall’attuale stato di assoggettamento e ricatto. Per questo è indispensabile una tenace pratica di collegamento e coordinamento, non solo tra le strutture di lotta contro le grandi opere, ma anche tra tutti i soggetti, attivi nei territori meridionali e non, per individuare modi e tempi di una mobilitazione comune e per fare cogliere alle organizzazioni nazionali la centralità di questa tematica in termini non espropianti nei confronti del protagonismo locale. Il campeggio quindi propone la ricerca per l’autunno di un Momento di confronto unitario, da cui possa venire l’indicazione di una Mobilitazione nazionale di lotta.

Il campeggio si propone il lancio di una campagna per l’acquisto di un terreno che ripercorra l’esperienza positiva della ’Verde Vigna ’ di Comiso. Si decide inoltre di avviare una vertenza con le autorità locali per l’ assegnazione di uno spazio nella zona di Faro-Ganzirri, finalizzata alla continuità dell’intervento e per promuovere la partecipazione popolare. Si propone l’inserimento all’interno del programma del Forum Sociale Europeo di Firenze di un Forum autogestito delle realtà di lotta sul tema delle Grandi Opere.

Il Campeggio decide di riconvocarsi per il prossimo anno per un ulteriore appuntamento di lotta a carattere nazionale.

Messina Social Forum - Rete del Sud Ribelle - Coordinamento Calabrese contro il Ponte


[ForumAmbientalista] http://web.tiscalinet.it/forumambientalista


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> MANIFESTO DEL CAMPEGGIO NAZIONALE CONTRO IL PONTE - MESSINA 1 - 7 LUGLIO: il documento finale
13 ottobre 2005

vi consiglio di riformulare il manifesto a favore di una sincerità obbiettiva