Sei all'interno di >> Flash |

Lettera a Francesco D’Uva

di Redazione - giovedì 16 maggio 2019 - 711 letture

Caro Francesco D’Uva,

supero oggi la lunga incertezza che mi impediva di rivolgerti questa sollecitazione. Non riuscivo a superare l’impaccio di una esortazione che ritenevo inutile. Non perché non avesse utilità, ma perché pensavo che un cambiamento di posizione del tuo gruppo, e del Governo di cui fai parte, sarebbe necessariamente maturato attraverso un processo di analisi intellettuale e morale collettivo. Ad oggi non è stato così. Il tempo diventa però critico.

Non rinnovare la convenzione tra il Mise e Radio Radicale significa quello che tre costituzionalisti messinesi come Gaetano Silvestri, Moschella e D’Andrea hanno scritto assieme a tanti altri loro colleghi.

Francesco, porre fine ad un servizio pubblico di interesse generale riconosciuto dall’Agcom e dalla gran parte del mondo politico, accademico, della cultura, dell’informazione e della società civile è inaccettabile.

Ti chiedo, ti chiediamo (assieme a chi sottoscriverà questo documento che giro per conoscenza) di non ignorare questa sollecitazione.

Ferma la morte di Radio Radicale.

Con speranza e fiducia.
 Saro Visicaro

PC. , Lucio D’amico, Vincenzo Bonaventura, Maurizio Ballistreri, Maurizio Marchetti, Michele Ainis, Michele Trimarchi, Gaetano Sciacca, Pippo Rao, Giuseppe Loteta, Giuseppe Campione, Gianfranco Spadaccia.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -