Leonard Nimoy


Scrollarsi di dosso un personaggio, da parte di un attore, è sempre impresa ardua. Se poi l’attore è stato anche un poeta, immaginare che un Vulcaniano decanti versi, può sembrare solo fantascienza.
mercoledì 4 marzo 2015 , Inviato da Piero Buscemi - 1685 letture

Irish Eyes

Irish eyes, there for me
 Laughter in the rain
 You called me child
 My heart ran wild
 I must have been a pain

 Irish eyes were kind to me
 You said I was a kid
 The one regret
 I harbor still
 Is what we never did

 We sat in cars and later bars
 I wish we could again
 To pay to you
 My gratitude
 For what you gave back then.

 They came to me too late to say
 That you were gone from now
 Oh, how I wish
 That I had known
 And could have helped somehow.

 I carry still within my ear
 The laughing voice I heard
 When Irish eyes
 Did smile at me
 Now, fly away, my bird.

Quando qualche giorno fa si è appresa la notizia della morte di Leonard Nimoy, molti appassionati del genere avranno pensato a un nuovo epilogo della saga di Star Trek, che lo ha consacrato, con l’interpretazione di Spock, come emulo della fantasia infinita nella quale, ogni tanto, sentiamo tutti il bisogno di rifugiarsi.

Per un attimo abbiamo volto lo sguardo verso il cielo, illudendoci di vederlo arrivare con l’Enterprise mentre elargiva consigli di saggezza di vita al Capitano Kirk. Quando poi, durante la rievocazione della sua carriera artistica da parte del commentatore televisivo che ne dava la notizia, si è resa nota la sua passione per la scrittura, si è ricomposta la figura poetica che, per un attimo, ha adombrato quella più eclettica dell’uomo dello spazio con sangue vulcaniano.

Certo immaginare un attore che, nonostante si sia cimentanto con ottimi successi anche nella fotografia, oltre che il cinema e la scrittura, diventa un viaggio interstellare accostarlo a un personaggio diverso dallo Spock che lo ha consegnato alla fama internazionale.

Leggendo i suoi versi, però, ci troviamo di fronte all’uomo, con sentimenti e nostalgie più terrene, con un forte legame al passato e all’infanzia, con il quale tornare sulla terra dalla fantasia e lasciare il posto alla vita reale. Una vita reale che, nonostante un trascorrere del tempo inesorabile e la convinzione di tutti di aver vissuto un passato più degno di essere vissuto, ci tiene legata ad essa fino alla fine, consapevoli che l’unico valore è averla vissuta.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica