Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate |

La trama preziosa della "Seta"

Un uomo, l’ amore, un viaggio, una vita. Legati da un filo di seta. Prima di vedere il film...
di Charl - mercoledì 28 novembre 2007 - 6057 letture

Leggilo tutto d’un fiato perché le pause e le fermate non vanno bene per un libro così. Bisogna berlo tutto come un bicchiere d’acqua. Ma acqua non è. L’acqua non fa questo effetto. L’effetto di un sogno. Un viaggio irreale. Ogni opera di Baricco è così, esce dal ventre della fantasia per entrare nel cervello di chi legge e convincerlo che quella storia è stata, è esistita davvero, in un “dove”indefinito, irreale. La dimensione onirica della letteratura. Ti stupisce e poi ti intriga.

Baricco è così. Il Baricco che continua a navigare in acque sconosciute, quelle di "Novecento”, di “Oceanomare”. Il Baricco che sogna mondi mai esistiti, viaggi mai intrapresi, strani incontri. Il tutto narrato in poche pagine, brevi frasi, singole parole. Parole così cariche di significato che ti stupisce anche l’averle pronunciate senza accorgertene. Ogni frase, ogni parola non è mai posta lì per caso. È un gioco di lettere e suoni. Parla ogni pagina, ogni lettera. Anche i puntini di sospensione.

Francia. Giappone. La Francia dolce di Lavilledieu, con i suoi tempi lenti, la calma mortale. Il Giappone lontanissimo, “sempre dritto di là, fino alla fine del mondo”, oltre l’Austria, gli Urali,la Siberia, oltre la Cina. Attraverso l’oceano. È lì che Hervè Joncour decise di andare a comprare bachi da seta. Denaro in cambio di seta. Un tessuto prezioso che lo legherà a quel mondo mistico che si cela dietro i silenzi, i gesti, gli sguardi di donne e uomini dagli occhi a mandorla. A noi sconosciuti.

I Viaggi continui di Hervè Joncour attraverso un mondo estraneo, una dimensione parallela che lo spinge a ritornare continuamente. E l’amore. Quello della moglie, una Penelope stanca che lo ama silenziosamente. E quello che si legge tra le righe.. invisibile. Morbido e impalpabile come seta. Sensuale al tempo stesso. Una vita sdoppiata. Sensazioni che il protagonista si porterà dietro sino alla morte. Il ricordo di odori, sapori. Ideogrammi giapponesi. Inchiostro nero. Un mazzetto di fiori blu.

Baricco parla di una storia vissuta nel tempo del sogno. Dove “Non si resiste alla sensazione di tornare” . E’ questo che dice Hara Kei ad Hervè Jouncour. Non si resiste alla voglia di vivere le sensazioni rimaste nella mente, impalpabili, che ti sono sfuggite via in un soffio.. e tu stai lì a pensarci fino a quando non ti alzerai dal tuo letto, fino a quando il coraggio non ti spingerà ad afferrarle e ad assaporarle. A viverle in pieno. E non sarà semplice come bere un bicchiere d’acqua.

Brucerà fino a consumarti ma finirà presto. Lasciandoti solo un attimo di sconcerto. Un brivido che scompare in un istante e rimane nella mente per sempre. Vive dentro di te ma è invisibile agli occhi. La sensazione del nulla di cui parla Baricco. Il nulla. Ed è lì, ti accarezza, lo senti sulla pelle, ne senti la morbidezza ma non la vedi, cogli la sua presenza effimera per poi sentirla scivolare via. Un libro che ti prende, ti invita a toccarlo, a lasciarti accarezzare per poi sparire. Rimane il ricordo di quel brivido. Come essere sfiorato da un petalo. Il bacio di una farfalla. Un tocco leggero. Il nulla. Ma un nulla prezioso. E’ Seta.


Rispondere all'articolo - Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
La trama preziosa della "Seta"
28 novembre 2007

"Poco tempo fa, ordinando le cose ho trovato quel libro in un armadio, ho pensato un po’ che libro potesse essere e ho iniziato a leggerlo. Dopo poco mi sono ricordato che quel libro l’avevo già letto e per fortuna dimenticato completamente. Un libro veramente insignificante."
La trama preziosa della "Seta"
14 dicembre 2007, di : Francesca

Il più bel libro che abbia mai letto.. Mi ha arricchito...ho pianto per giorni..ancora oggi lo prendo per rileggere alcune frasi, geniali, uniche... mi dispiace che non tutti abbiano vissuto le amozioni che ho sentito dentro! PS il film tralascia dei particolari che per me sono stati importanti, ma può essere di aiuto per chi non ha apprezzato il romanzo.